Non si mangia con l’anoressia culturale

Umberto Eco


Gentile ministro Tremonti,

scrivo a Lei perché qualcuno, probabilmente uno sciocco e un suo nemico, le ha attribuito la frase che la cultura non si mangia, o qualcosa di simile. Non mi risulta che Lei, a salvaguardia della Sua reputazione, abbia energicamente smentito, e quindi dovrà portarsi dietro questa leggenda metropolitana sinché vive. Si figuri che io mi trascino dietro la diceria che scrivevo le domande per Lascia o Raddoppia, e benché chi le scriveva davvero abbia a suo tempo pubblicamente smentito; ma tant’è, ritrovo questa notizia ora qui ora là, e pazienza, perché al postutto, non c’era nulla di vergognoso a inventare la domanda sul controfagotto o quella sull’uccello sul quale, a detta di Mike Bongiorno, era caduta la signora Longari. Ma cadere sulla cultura è disdicevole.

E quindi indirizzo questa lettera a Lei e, se Ella è vergine di tanto oltraggio, la passi a chi di competenza – e amici come prima.

Una sola cosa voglio precisare. Fingendo che l’autore dell’infausta boutade sia stato Lei, parlerò non come si parla a un poeta ma come si parla a un economista, o addirittura a un diplomato in Scienze economiche e commerciali. Parlerò cioè in termini di Soldi, non di Valori spirituali. Farò finta che Dante e l’università, Raffaello e il liceo classico e scientifico, Morandi e Calvino, siano solo una pania per i gonzi (mi pare che lei a proposito degli insegnamenti umanistici abbia parlato un giorno di aria fritta). Non importa, mi chiederò solo quanto si mangia con Raffaello e Giuseppe Verdi.

Dobbiamo ovviamente chiarire, se vogliamo parlare in termini economici di «consumi culturali», cosa si intende per «cultura»; e non mi occuperò dell’«accezione antropologica» del termine (cultura come insieme di valori e comportamenti) per cui esiste una cultura del cannibalismo, una cultura mafiosa, o una cultura del velinismo berlusconiano. Parlerò di cultura nei termini più banali, come di produzione creativa (pittura e letteratura, musica e architettura), di consumo di questa produzione, di organizzazione dell’educazione (scuole di ogni grado) e di ricerca scientifica.

In termini economici il Louvre, il Metropolitan Museum of Art, la Harvard University (e tra poco quella di Pechino) sono imprese che fanno un sacco di soldi. Credo che, bene amministrati come sono, facciano un sacco di soldi anche i Musei vaticani. Un sacco di soldi potrebbero fare anche gli Uffizi o Pompei, e sempre mi domando come mai l’Italia, di cui si dice che abbia circa il 50% delle opere d’arte esistenti al mondo (per non dire del paesaggio, che non è male), abbia meno indotto turistico della Francia o della Spagna, e naturalmente di New York. C’è qualcosa che non funziona, qualcuno che non sa come far soldi (e mangiare) con la cultura nazionale.

New York non è la città dove si fa la politica degli Stati Uniti (quella è Washington), non è la città o lo Stato dove risiedono le maggiori industrie della nazione (è niente rispetto al Texas o alla stessa California); eppure quando si parla degli Stati Uniti (e quando i turisti acquistano pacchetti per voli charter e sette giorni allo Hilton) si pensa a New York. Perché il prestigio di New York è dato dai suoi scrittori, dai suoi musei, dalla sua moda e dalla sua pubblicità, dai suoi quotidiani e riviste, dalla gente che va al Carnegie Hall o ai teatri off Broadway, per cui farà sempre più opinione nel mondo il «New York Times» che l’ottimo e rispettabilissimo «Los Angeles Times». Si badi che così non la pensa la maggioranza degli americani, che ritengono New York una Babilonia fatta di italiani, ebrei e irlandesi, ma così pensa il resto del mondo e il prestigio degli Usa si basa sulla cultura newyorkese.

L’esercito degli Stati Uniti (sempre vincitore nei film di Hollywood) non sbaraglia il nemico in Vietnam, in Afghanistan, in Irak, ma gli Usa vincono (in prestigio ) a New York. Sì, lo so, poi c’è il resto dell’economia che tiene nei vari Stati, ma suppongo che anche quando l’economia cinese avrà sconfitto quella americana i cinesi si rivolgeranno ancora al mito di New York. Con la cultura gli Usa mangiano.

Pensi a cosa è successo con Cesare Battisti. Un manipolo di intellettuali francesi (non tutti dei più grandi) ha deciso di difendere Battisti come una vittima della dittatura, manifestando completa ignoranza delle cose italiane e considerando, come accade talora ai peggiori dei nostri cugini d’Oltralpe, il resto del mondo come repubbliche delle banane. Bene, questo esiguo manipolo d’intellettuali ha convinto il governo brasiliano là dove il governo italiano non c’è riuscito. Sarebbe accaduto lo stesso se al governo ci fossero stati, che so, Andreotti o Craxi? Non so, sta di fatto che il mito dell’intelligencija francese ha vinto su quello della cultura delle veline (e mi spiace, per una volta tanto ero solidale col governo in carica perché rappresenta pur sempre il nostro paese e deve difendere, almeno all’estero, la dignità di quella magistratura che sputtana in patria).

Insomma, anche in termini monetari e di influenza politica (non calcolo neppure il peso di dieci premi Nobel), con la cultura si mangia. So benissimo che non abbiamo soldi per sostenere università come Harvard, musei come il MoMA o il Louvre, però basterebbe cercare, e ferocemente, di non buttare via il poco che abbiamo.

Certo che, se in quel poco non ci crediamo, abbiamo perso in partenza. Non si mangia con l’anoressia culturale.

alfabeta2

Annunci

8 Responses to Non si mangia con l’anoressia culturale

  1. skayrose59 says:

    …..penso con i tempi che corrono è questione di priorità chi deve mangiare per primo il Welfare, la Sanità o la Cultura?
    Saluti.

    • Ettore says:

      Sì, però è proprio nei momenti di crisi che si crea l’opportunità di valorizzare settori diversi dell’economia. Un grande investimento nella cultura creerebbe ricchezza e occupazione e sarebbe di aiuto anche per il welfare. Buona serata 🙂

      • skayrose59 says:

        si certo, ma tu parli di un GRANDE investimento in un momento di crisi economica (sappiamo che il rischio di bancarotta degli stati è concreto) dove si deve raschiare il fondo del barile ecco perchè parlavo di priorità 😉

  2. Maurizio says:

    @skayrose certo, facciamo crollare Pompei e il Colosseo, poi magari pure tutti i Fori Imperiali, gli Uffizi e il Duomo di Milano. Poi cementifichiamo definitivamente la Valle dei Templi e lasciamo andare in rovina i borghi umbri. Poi vediamo, una volta che ci saremo giocati l’indotto del turismo, come paghiamo le pensioni (welfare) e gli ospedali (sanità).
    Oppure, detto in modo meno immediato, rincoglioniamo definitivamente gli elettori, così eleggeranno politici ancora peggiori di questi (non vi preoccupate: si può!) e i “tempi che corrono” saranno ricordati come un’età aurea….

  3. Esattamente, quale sarebbe la differenza tra commento politico e commento economico-sociale? Farò ipotesi.
    Se la tua pretende di essere un’analisi oggettiva di macro-economia, allora c’è da osservare che ciò che hai scritto è semplicemente una considerazione da ragioniere (o da massaia): non bastano i soldi, tagliamo da qualche parte, basta decidere dove tagliare. La tua analisi economico-sociale prescinde da tutti quegli elementi economico-sociali che la renderebbero qualcosa di più: effetti occupazionali dei tagli alla cultura, effetti sul lungo periodo, inserimento del taglio in politiche economiche globali, il recupero delle risorse, la riorganizzazione delle risorse, eccetera.
    Se invece vuoi dire che la mia è ideologia, allora ti faccio notare che anche la tua, cinicamente presa, è ideologia: dove sta scritto che il welfare sia più importante dell’istruzione? Materialmente parlando, è meglio formare i ragazzi, cittadini di domani, che impiegare risorse per i pensionati ormai non più produttivi….
    Se, infine, vuoi dire che per te economico-sociale significa pensare solo al qui e ora, allora ti sbagli, perché non prevedere i costi sociali e le ricadute economico sul medio-lungo periodo delle nostre scelte è un punto di vista miope, se non folle (pensiamo a dove ci hanno portato le politiche di aumento del debito degli anni ’80!).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: