L’Eucaristia pegno di risurrezione


Dal
Trattato «Contro le eresie» di sant’Ireneo vescovo


(Lib. 5, 2, 2-3; SC 153, 30-38)

Se la carne non viene salvata, allora né il Signore ci ha redenti col suo
sangue, né il calice dell’Eucaristia è la comunione del suo sangue, né il
pane che spezziamo è la comunione del suo corpo. Il sangue infatti non viene se
non dalle vene e dalla carne e da tutta la sostanza dell’uomo nella quale
veramente si è incarnato il Verbo di Dio. Ci ha redenti con il suo sangue, come
dice anche il suo Apostolo: in lui abbiamo la redenzione e la remissione dei
peccati per mezzo del suo sangue (cfr. Ef 1, 7).
Noi siamo sue membra, ma siamo nutriti dalle cose create, che egli stesso mette
a nostra disposizione, facendo sorgere il suo sole e cadere la pioggia come
vuole. Questo calice, che viene dalla creazione, egli ha dichiarato che è il
suo sangue, con cui alimenta il nostro sangue. Così pure questo pane, che viene
dalla creazione, egli ha assicurato che è il suo corpo con cui nutre i nostri
corpi.
Il vino mescolato nel calice e il pane confezionato ricevono la parola di Dio e
diventano Eucaristia, cioè corpo e sangue di Cristo. Da essi è alimentata e
prende consistenza la sostanza della nostra carne. E allora come possono alcuni
affermare che la carne non è capace di ricevere il dono di Dio, cioè la vita
eterna, quando viene nutrita dal sangue e dal corpo di Cristo, al quale
appartiene come parte delle sue membra? Lo dice l’Apostolo nella lettera agli
Efesini: Siamo membra del suo corpo, della sua carne e delle sue ossa (cfr. Ef
5, 30), e queste cose non le dice di un uomo spirituale e invisibile
uno spirito infatti non ha né ossa né carne (cfr. Lc 24, 39)
ma di un uomo vero, che consta di carne, nervi e ossa, e che viene alimentato
dal calice che è il sangue di Cristo e sostenuto dal pane, che è il corpo di
Cristo.
Il tralcio della vite, piantato in terra, porta frutto a suo tempio, e il grano
di frumento caduto nella terra, e in esso dissolto, risorge moltiplicato per
virtù dello Spirito di Dio, che abbraccia ogni cosa. Tutto questo poi dalla
sapienza è messo a disposizione dell’uomo, e, ricevendo la parola di Dio,
diventa Eucaristia, cioè corpo e sangue di Cristo. Così anche i nostri corpi,
nutriti dall’Eucaristia, deposti nella terra e andati in dissoluzione,
risorgeranno a suo tempo, perché il Verbo dona loro la risurrezione, a gloria
di Dio Padre. Egli ci circonda di immortalità questo corpo mortale, e largisce
gratuitamente l’incorruzione alla carne corruttibile. In questa maniera la forza
di Dio si manifesta pienamente nella debolezza degli uomini.

Annunci

2 Responses to L’Eucaristia pegno di risurrezione

  1. ღ Dolcemente Eterna ღ says:

    A me piace tanto questo momento. Ma, vado raramente alla messa, oramai per motivi che sai. Lo so, lo so, non dovrei. Forse dovrei trovare un prete, come piace a me 🙂 Pazienza. Un bacione e un forte abbraccio Ettorino. Grazie per le tue gentillissime parole scritte qualche giorno fa, e per la tua presenza in quel momento. Graditissima quanto lo è la tua amicizia.

  2. Ettore says:

    Diceva san Francesco che quando passa un prete bisogna baciare le orme che lascia, perchè c’è a prescindere una santità soggettiva. Poi il resto lo giudica Dio. I preti bisogna saperli usare, anche io a volte vado da sacerdoti che non mi piacciono ma non mi importa. Altrimenti farei male solo a me :)Per il resto figurati. Un bacio anche a te 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: