Pornografia a scuola: l’ultima frontiera dell’indottrinamento Arcigay

Genova/ Fumetti porno per bambini. Scandalo in biblioteca

Lunedí 25.05.2009 10:30

Scandalo
a Genova dopo che gli organizzatori del Gay Pride hanno messo a
disposizione di giovani e adolescenti due opuscoli sui temi della
sessualità e dell’affettività.
I libretti sono corredati da
bibliografie di siti internet, da Arcigay, Arcilesbica e
Crisalide-Azione Trans, con fumetti espliciti che sconfinano nella
pornografia. Il caso, sollevato da un consigliere regionale Pdl, è
finito davanti alla procura. E sul forum di Affari scoppia la polemica.
Molti i lettori indignati che scrivono che è "vergognoso". Ma c’è anche
chi non grida allo scandalo e sostiene che " è meglio in biblioteca che
altrove". E una lettrice vicina al Gay Pride scrive: " E’ una
menzogna politica e omofoba" (non poteva ovviamente mancare il genio che giocasse la carta dell’omofobia, ndr). E manda ad Affaritaliani un video che spiega la campagna sessuale. […]

I
LIBRI- I volumi dal titolo "Diversamente libri" si trovano in due
versioni: uno per adolescenti e uno per bambini e bambine. Distribuiti
in varie copie, con il benestare del sindaco di Genova,
Marta Vincenzi, contengono una ricca bibliografia di siti in realtà poco adatti ad un pubblico infantile. Tra questi www.beyourself.it, "una community giovanile dedicata alla sessualità e all’affettività in ogni sua forma".

Continua qui

Fumetti porno, Genova spiega il sesso ai bimbi

di Massimiliano Lussana

Lo sanno tutti: i bambini devono imparare l’alfabeto. Anche le lettere
più difficili e quelle assemblate nel modo più strano a disposizione. E
quindi, nella biblioteca per bambini di Genova, ci si esercita su
Lgbtqui. […] Diciamoci la verità. I disegni non sono un granché. Non siamo né nei
dintorni di Milo Manara, né in quelli del Magnus in versione erotica,
ma nemmeno in quella dei già non esaltanti manga giapponesi. Ad
esempio, i peli sul sedere del protagonista maschile – peraltro forse
troppo anticipati per un pubblico di «bambine e bambini», forse ancora
glabri – sembrano troppo sollevati dalla pelle per essere veri. E, come
potete vedere dall’ampia selezione grafica che vi presentiamo in queste
pagine, anche i testi non è che siano proprio straordinari. I giochi di parole con i fumetti «Non lo vuoi un bel pee…sce nella
vaa…sca» o vorrei «un caa…ne nel cuu…ore, ho la fii…nestra
aperta» – lettere in nero, ripetizioni di vocali e puntini di
sospensione sono degli autori – sarebbero di cattivo gusto anche in un
film di Bombolo, Cannavale e Alvaro Vitali. Figuriamoci su un sito
segnalato e consigliato ai bambini. Ma anche senza neretti e virgolette, non è che il resto sia meglio. C’è
il ragazzo, peraltro senza mutande, che chiede alla ragazza se può
toccarle il seno e – dopo aver festeggiato l’inatteso diametro –
accompagna il tutto con una dietrologia. Nel senso letterale della
parola: «Posso da dietro?». La palpeggiata reagisce con argomenti di
particolare forza intellettuale: «Ih, ih».
[…] E, addirittura, dai computer del consiglio regionale non è riuscito a
collegarsi perché il sito «consigliato ai bambini» è filtrato dal
dispositivo che impedisce l’accesso agli indirizzi internet inadatti ai
minori. […] Noi l’abbiamo fatto, la magistratura pure (l’indagine pare proceda a
ritmo spedito) e il risultato lo potete vedere in queste pagine.
Sperando che nessun bambino che ha preso la bibliografia nella
biblioteca comunale abbia fatto altrettanto.
(hanno collaborato Federico Casabella e Diego Pistacchi)

Annunci

9 Responses to Pornografia a scuola: l’ultima frontiera dell’indottrinamento Arcigay

  1. Giovy says:

    Letto cosi’ l’articolo lascia veramente senza parole , col tempo pero’ ho imparato che dietro ogni articolo si possono nascondere diverse verita’, pertanto personalmente non mi sento di dare un giudizio fin quando non leggero’ di persona gli opuscoli o perlomeno articoli di persone che al di la di ogni orientamento politico siano competenti , professionalmente e moralmente valide per dare giudizi in merito.Dagli articoli sui vari siti ho capito ben poco del materiale, a parte i vari disegni che effettivamente sono proprio brutti graficamente parlando, ma mi chiedo: si e’ parlato di bambini , ma questi opuscoli sono effettivamente rivolti a bambini?(perche’ se e’ cosi’ allora veramente si e’ toccato il fondo…<<Gesu’ perdonaci….>>) O ad adolescenti? O magari erano rivolti a genitori per capirne un po’ di piu’ su un argomento che resta ancora un tabu? Premesso che un libro che parla di sesso parla di sesso (a meno che come l’articolo dice non si tratti di pornografia) quindi non riesco a capire dove effettivamente e’lo scandalo, per il resto io come genitore e come insegnante mi trovo sempre in difficolta’ davanti a domande esplicite ed implicite di ragazzi che magari ti chiedono : perche’ il fratello della mia amica ha un fidanzato e non una fidanzata?, oppure: io ho capito da dove esce un bambino quando nasce ma proprio non ho capito come ha fatto ad entrarci nella pancia….io personalmente mi sento spiazzata , molto a disagio e magari molti come me che non vogliono delegare tutto al “caso”(che oggi purtroppo arriva molto presto anche per i ragazzi che crescono in famiglie attente alla loro crescita fisica e morale)o vigliaccamente evitare l’argomento, troverebbero un aiuto attraverso opuscoli che educhino ad una sana affettivita’ e sessualita’ onde evitare di non toccare certi argomenti come l’omosessualita’e spingerli cosi’ anche se involontariamente ad una intolleranza , come e’ successo a me e come purtroppo assistiamo ogni giorno .

  2. Ettore says:

    Certo, bisogna essere sempre prudenti. Io dal canto mio ho letto anche qualche articolo di siti gay, che non negano il fatto ma si difendono dicendo che quella non è pornografia oppure che – forse perchè a fumetti – è una pornografia educativa. Anche loro dicono che quegli opuscoli sono indirizzati soprattutto agli educatori (e cosa se ne possano mai fare, non lo so…) ma fatto sta che li hanno distribuiti nella bibilioteca della scuola, in due edizioni (una per adolescenti e una per bambini). Io ho visionato molte di queste vignette e francamente non ci trovo prorpio nulla di educativo, tanto che in Liguria il sito di provenienza non è visibile perchè segnalato come malevolo dalla polizia postale. Non ho messo i link perchè mi sembrano abbastanza indecenti, ma forse se li metto nei commenti nessuno mi manderà altre segnalazioni di abuso…http://www.beyourself.it/node/388http://www.beyourself.it/node/202http://www.beyourself.it/node/205http://www.affaritaliani.it/cronache/genova_fumetti_porno_bambini_scandalo_biblioteca210509_mm_148291_mmc_1.htmlFrancamente non mi sembra ci voglia una grande competenza per capire di cosa si tratta. Anche ammesso che siano rivolti solo agli adolescenti non mi sembra una grande attenuante. A questo punto spediamoli direttamente a fare educazione sessuale in un bordello, o in un film porno (come dice la dottoressa Wuang)…

  3. Miriam says:

    Io trovo i disegni ed i testi in questione , semplicemente VOLGARI e non adatti allo scopo educativo che dovrebbero assolvere!L’idea del fumetto che spieghi in maniera naturale , semplice e "pulita" il SESSO è un’idea senza dubbio ottima….il risultato invece di questo esperimento , a mio avviso è altamente deludente. Penso che nell’educazione alla sessualità si debba tener conto soprattutto dell’insegnamento dell’AMORE del PUDORE e dell’a BELLEZZA di queste cose che da questi fumetti non traspare affatto!!!!

  4. Ettore says:

    Sì, oltre alla volgarità propugnano un’idea della sessualità a dir poco stomachevole…

  5. Angelo says:

    effettivamente non credo siano adatti allo scopo che si prefissano… ammesso che lo scopo reale sia quello dichiarato

  6. letizia says:

    concordo con Miriam..certo che, ciamarli "fumetti di pornografia educativa per bambini", ci vuole un bel coraggio…

  7. Ettore says:

    Sì Angelo, ammesso e non concesso che lo scopo sia "educativo"…

  8. Ettore says:

    Letizia, purtroppo oggi è tutto possibile. Negli altri paesi fanno anche di peggio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: