Propaganda e sensi di colpa

 

Ho appena terminato la lettura di Uomini, Storia, Fede di Vittorio Messori che come sempre offre al lettore una brillante e profonda analisi del presente e del passato. Come tutti i suoi libri, è una lettura consigliata e quasi d’obbligo. Molto interessante anche la postfazione che il medievista e agnostico Leo Moulin ha fatto del libro mostrando come si può condividere eo apprezzare Messori anche senza una prospettiva di fede. Proponiamo qui un paio di frammenti di questo grande storico.

 

“Poniamoci (..) la domanda capitale, sollevata inevitabilmente dalle origini cristiane dei valori laici. Perché essi hanno avuto e hanno effetti così funesti: dal comunismo al nazismo e dal razzismo al nazionalismo, dal colonialismo al pauperismo dei primi decenni del secolo scorso? Perché la crisi morale e spirituale che opprime la nostra società attuale? Sarebbe infatti difficile negare che vi sia un rapporto tra lo stato attuale della nostra società e i valori che la fondano.

Quanto a me, credo che- in una visione del mondo secondo la quale "l’uomo è misura di tutte le cose" come insegnava Protagora – i valori umani inevitabilmente finiscano per deragliare, per degenerare. In mancanza di un punto di riferimento assoluto, al di fuori della portata dell’uomo, essi secernono inevitabilmente delle "tossine" che uccidono quanto possono avere di beneficio (non foss’altro che a causa della loro origine cristiana). L’eguaglianza diventa egualitarismo; la libertà, licenza; il sapere, scientismo; il diritto alla vita, edonismo; e così via. E’ ciò che Messori non cessa di denunciare.”

 

Tratto dalla postfazione di Leo Moulin a Uomini, storia, fede di Vittorio Messori 

 

«Date retta a me, vecchio incredulo che se ne intende: il capolavoro della propaganda anti-cristiana è l’essere riusciti a creare nei cristiani, nei cattolici soprattutto, una cattiva coscienza; a instillargli l’imbarazzo, quando non la vergogna, per la loro storia. A furia di insistere, dalla riforma sino ad oggi, ce l’hanno fatta a convincervi di essere i responsabili di tutti o quasi i mali del mondo. Vi hanno paralizzato nell’autocritica masochista, per neutralizzare la critica di ciò che ha preso il vostro posto»«Da tutti vi siete lasciati presentare il conto, spesso truccato, senza quasi discutere. Non c’è problema o errore o sofferenza nella storia che non vi siano stati addebitati. E voi, così spesso ignoranti del vostro passato, avete finito per crederci, magari per dar loro manforte. Invece io (agnostico, ma storico che cerca di essere oggettivo) vi dico che dovete reagire, in nome della verità. Spesso, infatti, non è vero. E se qualcosa di vero c’è, è anche vero che, in un bilancio di venti secoli di cristianesimo, le luci prevalgono di gran lunga sulle ombre. Ma poi: perchè non chiedere a vostra volta il conto a chi lo presenta a voi? Sono forse stati migliori i risultati di ciò che è venuto dopo? Da quali pulpiti ascoltate, contriti, certe prediche?» (Léo Moulin).

 

Tratto da Pensare la Storia. Una lettura cattolica dell’avventura umana

 

Qui trovate il testo di Messori nella versione integrale:

http://rassegnastampa.totustuus.it/modules.php?name=News&file=article&sid=2075

 

 
Annunci

3 Responses to Propaganda e sensi di colpa

  1. chiara says:

    Ahimè, sì! C stanno e ci hanno spiettellato in faccia grandi Bugie che noi, dato che tutti la pensano così, assorbiamo di buon grado x poi andare a rintanarci. Sì, i Cristiani Cattolici sono oramai incosci di quella che è stata la loro storia e x qsto bisogna studiare, leggere tanto. Io, almeno questo sto facendo e cercherò d fare in futuro. Non permetto a nessun intellettuale o pseudointellettuale ideologizzato ( diciamolo ) di maltrattare le mie radici in cui credo e che fanno me stessa più d qlcsiasi altra cosa.

  2. Mon Coeur Poetique says:

    Io sono daccordo con Pitagora.. l’uomoè misura di se stesso e sfortunatamente vuole a tutti i costi essere misura dell’universo, interponendo le sue conoscenze e il suo misticismo come elemeti da essere superiore e padrone.
    Ti sembra poco?
    No, non loè, soprattutto è il più grosso atto di egoismo dell’universo e sicuramente quello che lo porta alla rovina di se stesso e dei suoi ideali di semplice essere vivente che dovrebbe a forza di cose integrarsi con tutti gli altri.
    Di qui vengono fuori i dogmi propri della chiesa e del cristiamesimo che per secoli hanno parlato di un Dio uomo… e io spesso mi chiedo….. e se poi fosse simile a un cane?
    Dovrei forse amarlo di meno?
    La nostra cognizione è fantascienza di secoli di autoritarismo individuale che si è basato sull’annientamento di cio che abbiamo intorno.
    Piacere di conoscerti giovanissimo amico.
    Carmen

  3. Ettore says:

     
    Chiara: Ben detto 😉
     
    Carmen: Piacere mio. L’uomo non è al centro dell’universo, ma a mio parere è la cosa più meravigliosa che si sia vista nell’universo (almeno fino ad ora). L’uomo è molto più di un semplice essere vivente, ogni persona con la sua coscienza, intelligenza e creatività è un universo a parte più grande e profondo dell’Universo vero e proprio. Tuttavia però non si è fatto da solo, nè ha chiesto di esistere. Ognuno di noi si trova già catapultato nella vita. Questo rende del tutto legittimo il problema di Dio e la sua ricerca per capire pienamente anche chi siamo noi e da dove veniamo. La conseguenza di ciò non è affatto la rovina sua e dei suoi ideali: è l’esatto contrario. Lo scandalo del Cristianesimo è Dio che si fa Uomo, non la costatazione che l’uomo è Dio. Quest’ultimo è un rischio presente più nell’ateismo che nel Cristianesimo. Dio non può essere simile a un cane, esattamente come non è simile all’uomo. E l’uomo che è simile a Dio.
    Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: