La crisi delle Borse e i Cristiani

 

di Antonio Socci

 

Robert Hughes definì “cultura del piagnisteo” quella della sinistra politically correct. Ma anche la destra reazionaria vive di geremiadi. Il piagnone sommo, Oswald Spengler, le unisce. Da questi acquitrini di lacrime, nel XX secolo, sono nati frutti avvelenati. Oggi col crollo delle Borse tornano gli apocalittici. Stanno col culo al caldo, ma annunciano il tramonto dell’Occidente. Se si voltassero (“metanoia”, convertire lo sguardo) vedrebbero l’alba di un tempo nuovo. E gente non disperata: i cristiani. Certo, c’è il partito dei distruttori, dei pescecani che hanno prodotto lo sfacelo dell’economia. Ma c’è anche il “partito dell’aratro”, di quelli che sembrano meno forti, come dice Péguy, ma che fanno la storia. Quando irruppero i barbari crollò l’impero romano e una civiltà millenaria fu travolta. L’economia crolla fino alla sussistenza, le campagne si spopolano, il continente si copre di foreste selvagge piene di lupi e briganti. Tutto sembra perduto per sempre e l’Europa regredisce all’età primitiva.

Eppure rinacque una civiltà più grande, bella e luminosa. Da alcuni uomini che cercavano Dio. L’unico che non passa, che non tramonta, l’eterna giovinezza. Lo ha spiegato il Papa, nel suo splendido discorso parigino: “non era intenzione dei monaci di creare una cultura e nemmeno di conservare una cultura del passato”. Volevano semplicemente conoscere Gesù Cristo. Gustare la sua presenza che non abbandona e non delude mai: “Jesu dulcis memoria/ dans vera cordis gaudia/ sed super mele et omnia/ Ejus dulcis praesentia…”.

Era la loro unica, struggente passione. Da cui venne tutto. Per questo salvarono la cultura antica. E “inventarono” il lavoro. Gesù lavoratore aveva nobilitato il lavoro manuale, un tempo ritenuto prerogativa degli schiavi, al livello divino della preghiera. Col lavoro i monaci trasformarono l’Europa devastata e selvaggia in un giardino fertile e rigoglioso. Uno storico scrive: “Dobbiamo ai monaci la ricostruzione agraria di gran parte dell’Europa”, con tutto ciò che comportò in termini di alimentazione, benessere, esplosione demografica. “Educatori economici, li definì Henri Pirenne.

Il cristianesimo spazzò via la schiavitù e svegliò l’ingegno cosicché si inventarono macchine per sfruttare l’energia idraulica che “i monaci usavano per battere il frumento, setacciare la farina, follare i panni e per la conciatura”. I monaci insegnarono ai contadini a dissodare, bonificare, coltivare e irrigare, introdussero l’allevamento del bestiame e dei cavalli, l’apicoltura, la frutticoltura, i vivai di salmone in Irlanda, la fabbricazione della birra, l’invenzione del prosciutto, del formaggio e perfino dello champagne.

I cristiani inventarono gli ospedali, le università, la musica, coprirono l’Europa di cattedrali e di bellezza, inventarono la tecnologia, la scienza, la stessa libertà, l’economia moderna e la democrazia. I monaci avevano cercato solo il regno di Dio: il resto – secondo la promessa di Gesù – arrivò in sovrappiù. Fu il frutto di una liberazione dell’umano.

Il loro pensiero quotidiano era alla Gerusalemme celeste, l’incontro definitivo con Gesù. Ecco le travolgenti parole di un autore monastico del XII secolo: “Egli è il bellissimo d’aspetto, il desiderabile a vedersi, colui che gli angeli desiderano contemplare. Egli è il re pacifico, il cui volto tutta la terra desidera. Egli è la propiziazione dei penitenti, l’amico dei miseri, il consolatore degli afflitti, il custode dei piccoli, il maestro dei semplici, la guida dei pellegrini, il redentore dei morti, forte ausilio di chi combatte, pio remuneratore di chi vince”.

E oggi? Oggi il mondo è pieno di nuovi monaci. I mass media non se ne accorgono, perché un albero che cade fa più rumore di una foresta che cresce. Potrei riempire questo giornale con i loro nomi e le loro bellissime storie. Andate in Lombardia a conoscere Lorenzo Crosta che ha creato cooperative dove lavorano un centinaio di ragazzi, con handicap fisici e mentali, pieni di umanità, sorrisi e dedizione. Andate a Teramo a vedere cosa hanno messo in piedi Ercole D’Annunzio e sua moglie, Enza Piccolroaz, partendo dal dramma di una figlia nata con una grave malattia: una delle più straordinarie strutture di riabilitazione del meridione, con un pullulare di altre opere anche di ricerca medico-scientifica. Ma penso anche ai detenuti del carcere di Padova che stanno diventando uomini nuovi e all’ultimo Meeting di Rimini hanno stupito e commosso tutti (ci hanno pure deliziato con i prodotti di pasticceria della loro Cooperativa Giotto).

Penso all’immensa opera del Banco alimentare che – nato dallo sguardo di carità di don Giussani – oggi letteralmente coinvolge milioni di italiani e dà da mangiare a un oceano di persone. E a quella stupenda cattedrale della speranza e della preghiera che è Radio Maria. E gli studenti che, invece di okkupare scuole e università dove svaccarsi, portano in giro per le strade i “cento canti” di Dante. E poi i tanti padri e madri di famiglia che sono veri eroi della speranza. E insegnanti come Mariella o Gianni che fanno scoprire ai giovani la Bellezza. E artisti pieni di fede, simpatia e talento come Francesco che ha dipinto il rosone duccesco del Duomo di Siena e si prepara a fare le vetrate della splendida cattedrale barocca di Noto. E lo scultore giapponese Etsuro Sotoo che continua l’opera di Gaudì alla “Sagrada Familia”. Guardate i silenziosi volontari che lavorano nei Centri di Aiuto alla vita. E quel fiume di straordinarie donne e uomini di Dio su ognuno dei quali si potrebbe scrivere un libro, dalle clarisse di suor Milena, a Trevi, a quelle di suor Beatrice a Perugia, alle francescane di suor Chiara ad Assisi? Penso alle suore che assistono da anni Eluana Englaro e che supplicano: “lasciatela qui, ce ne prendiamo cura noi”. E i tanti religiosi che donano tutta la loro esistenza a sostenere la speranza dei disperati.

Penso a Stefano Borgonovo, l’ex calciatore del Milan e della Fiorentina ora malato di Sla: lui, la sua bellissima famiglia, i suoi amici. Leggete su “Tracce” che umanità e che forza! E i tanti malati che offrono la loro sofferenza e così letteralmente tengono in piedi il mondo. Andate a visitare la Casa di accoglienza “Don Dante Savini”, a Perugia, che accoglie e assiste professionalmente malati terminali di Aids o di altre gravi patologie. Guardate i volti, gli occhi, dei giovani seminaristi che vivono alla Fraternità San Carlo e si preparano ad andare fino ai quattro angoli della Terra a portare il senso della vita a popoli assetati di Cristo. Non sono afflitti dal futuro dell’Occidente, perché hanno e gustano l’Eterno nel presente.

Così dissodare, irrigare, coltivare, amare, anche inventare, ingegnarsi diventano come la preghiera. Scoprite l’incredibile storia di Giuseppe Ranalli e della sua Tecnomatic che, nelle sperdute campagne dell’Abruzzo, oggi con un fatturato di 40 milioni di euro ( +32 per cento nel 2008), lavora per le maggiori case automobilistiche del mondo grazie a brevetti rivoluzionari.

E Pippo Angelico, imprenditore brianzolo della Ceccato spa (settore manifatture di precisione) che – per un’amicizia nata al Meeting del 2005 – ha deciso di andare a investire a Napoli grazie al Centro di solidarietà che lavora nel Rione Sanità e che si fa carico di tanti problemi della povera gente . O scoprite “il circolino di Crescenzago”, come lo chiama Giorgio Vittadini.

Mi fermo per mancanza di spazio (se Scalfari conoscesse tutte queste cose non avrebbe scritto ciò che ha scritto della Compagnia delle opere). Ma poi c’è il mondo. La stupefacente storia brasiliana di Cleuza e Marcos Zerbini e dei “Senza Terra”, 50 mila persone spesso nipoti di schiavi, che hanno “scoperto” Comunione e liberazione. E i missionari che in India – come spiega padre Gheddo – stanno letteralmente capovolgendo le millenarie caste, restituendo dignità a milioni di Dalit? E donne straordinarie come l’infermiera Rose che in Uganda cura i malati di Aids? E la “resurrezione” della sua amica Vicky che è stata raccontata in un film premiato al Festival di Cannes da Spike Lee? Certo, molte cose tramontano. Ma se voltate lo sguardo vedrete l’alba di un giorno che non finisce.

Antonio Socci

Da “Libero”, 17.10.2008

Trattto da: http://www.antoniosocci.it/Socci/index.cfm

 

 
Annunci

9 Responses to La crisi delle Borse e i Cristiani

  1. Alberto says:

    Io avrei preferito vivere nella recia antica o a Roma che nel medioevo. Sarà perché il fuoco che mi fa screpolare le labbra.

  2. Ettore says:

     
    Beh, per quello non c’è bisogno di tornare indietro al medioevo. Basterebbe fare un salto indietro al nazismo che certamente non era cristiano e che fece ben peggio del medioevo (in realtà la cosa riguarda più la prima età moderna). Poi sarebbe anche interessante dare un’occhiata al trattamento verso gli omessuali nel mondo ateo della liberazione dall’alienazione religiosa: Cuba, la Cina, l’URSS e via dicendo. Credo che anche loro abbiano fatto ancora peggio e questa volta senza nemmeno la possibilità di "abiura" che di solito concedeva l’inquisizione. Eppure l’ateismo non è diventato il simbolo dell’omofobia, nè il novecento. E a ben guardare ne avrebbero più diritto del medioevo che almeno non aveva stumenti e mentalità moderne. Non so se nel mondo antico ti sarebbe piaciuto sacrificare agli dei, o addirittura alla divinità dell’imperatore o ancora i sacrifici umani. Anche a me sarebbe piaciuto vivere nella Roma antica, però l’umidità delle catacombe non mi avrebbe fatto granchè bene nè i roghi aggravati dal supplizio della croce (o delle fiere)…

  3. Alberto says:

    Pure in America e in Inghilterra l’omosessualità era reato (anche se punito "solo" coi lavori forzati). Era reato praticamente dappertutto, da un paio di millenni.
    In Grecia non c’era l’imperatore né i sacrifici umani, che io sappia; e agli dei avrei anche potuto sacrificare; fermo restando che nemmeno quello era obbligatorio. Intendiamoci, io sono contento di essere nato qui e ora; poteva andarmi meglio, potevo nascere in Norvegia, ma qui è sufficiente. Credo però che in Grecia ci sarei stato proprio meravigliosamente.
    E poi dai, a Roma potevi sempre abiurare, no? Bastava sacrificare all’imperatore e non dare fastidio…

  4. Ettore says:

     
    Infatti, almeno la possibilità dell’abiura lascia spazio al nicodemismo. Invece l’ateismo e l’anticlericalismo di stato (che alcuni dicono essere garanzia di un mondo più pacifico) si è spinto oltre e dicendo di eliminare l’oppresione religiosa ne ha creata una peggiore sotto tutti i punti di vista: qualità, quantità e lunghezza. Sì, in Grecia nn c’era l’imperatore. Sui sacrifici umani qualche dubbio, soprattutto a seconda del periodo. La cultura militarista e infanticida di Sparta non credo ti sarebbe piaciuta 😉 Ti saresti trovato meglio ad Atene, ma il fatto è che noi abbiamo una visione idealizzata del mondo antico (figlia del pregiudizio antimedievale di stampo umanistico). Ad Atene le donne erano considerate un bene immobile e non avevano uno status giuridico, la schiavitù come a Roma era largamente praticata e lo schiavo era poco più di un oggetto. Anche un grande filosofo come Aristotele giustificava la schiavitù perchè era la condizione dei codardi che si erano lasciati fatti prigionieri e non si erano dimostrati disposti a morire per la propria città. Per cui la codardia era qualcosa di genetico ed era giusto che la schiavitù si trasmettesse anche ai figli e ai figli dei figli ecc…non c’era l’Inquisizione ma non è che ognuno la potesse pensare come voleva, a Roma come in Grecia l’accusa di empietà e di ateismo (non proprio l’atesimo moderno) potevano avere conseguenze gravi. Mostrarsi irriguardosi nei cofronti degli dei o dei culti cittadini pure era pericoloso, come accadde ad Alcibiade che fu condannato a morte perchè accusato di aver partecipato a delle sorte di parodie dei culti eleusini e quindi di profanazione (con tanto di mutilazione delle Erme, statuette). Con questo non voglio certo demonizzare il mondo antico che conserva tutto il suo fascino. Semplicemente non esistono epoche buone ed epoce cattive, però volendo guardare la storia come progresso bisogna ammettere che anche il medioevo ha fatto la sua parte.

  5. Alberto says:

    In oltre non sono una donna, e non avrei decapitato statue sacre di allora come non decapito quelle di adesso.
    Neanch’io vedo epoche buone e epoche cattive. Dico solo che IO mi sarei trovato meglio lì, a quei tempi.
    E non concordo con l’espressione "civiltà più grande, bella e luminosa" attribuita al medioevo. Diciamo che è un mio pensiero romantico. Ciao 🙂

  6. Ettore says:

     
    Sì, lo avevo capito. Volevo solo fosse chiaro che il mondo antico non è una roba rose e fiori…ma i pensieri romantici vanno benissimo 😉 Cmq credo che l’autore con quella espressione faccia riferimento alla nostra civiltà in generale, che nasce anche dal medioevo e non limitatamente al medioevo. Nel senso che la nostra civiltà è debitrice in molte cose del mondo antico, ma anche (e forse più) del medioevo e del cristianesimo (pur con tutte le mille contraddizioni e intoppi).
    Ciao a te 🙂

  7. Marina says:

    Bellissimo questo intervento! Mi affascina sempre di più il tuo blog!!!

  8. Ettore says:

     
    Mi fa piacere 🙂

  9. Anto says:

    davvero molto interessante questo post…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: