Il culto: adorazione e venerazione

 

Prima di passare all’analisi diretta del culto mariano, cerchiamo di sgombrare il campo da equivoci e fraintendimenti. Molti non cattolici non appena sentono parlare di queste cose si scandalizzano e spesso rispondono con una valanga male assortita di citazioni bibliche. Abbiamo già avuto occasione di deplorare questa pratica, che denota un uso scorretto della Scrittura. Che poi quelle citazioni non servano effettivamente alla discussione sembra essere irrilevante, come se avesse automaticamente ragione chi fa più citazioni. In realtà la Scrittura può essere un’arma a doppio taglio: non basta usare la Scrittura, bisogna usarla anche bene. Infatti nel Vangelo Satana tenta Cristo a colpi di Sacra Scrittura, un modello che poi ha avuto molta fortuna presso tutte le correnti ereticali. Gli amici protestanti muovono l’accusa di idolatria partendo dalla negazione che possa esistere una qualche differenza, formale e sostanziale, fra l’adorazione e la venerazione. A sostegno di questa ipotesi non di rado si fa anche un uso scorretto dei dizionari. I quali, chiariamo, sono molto utili ma in teologia lo sono relativamente. Infatti ci è capitato di assistere a citazioni, anche queste a valanga e spesso senza criterio, prese da questo o quel dizionario. In particolare abbiamo visto citare anche il Dizionario dei sinonimi e dei contrari, dove in effetti “adorazione” e “venerazione” vi compaiono come sinonimi. Questo senza rendersi conto che come sinonimi di “adorazione” comparivano anche: “idolatrare”, “mitizzare”…

Questa digressione ha come unico scopo quello di dimostrare come le pedanterie “etimologiche” siano ben poco utili o fuorvianti ai fini del nostro discorso e perché, quindi, noi non ne faremo uso. Se “adorare” e “idolatrare” sono sinonimi, vuol dire che non si può fare teologia con i dizionari. Per questo non li useremo, preferendo alla pedanteria la chiarezza e spiegando esattamente cosa intendiamo per l’una e l’altra parola:

 

Adorare: “massima espressione dell’amore e in quanto tale riservata a Dio. Comporta il riconoscimento della supremazia assoluta di Dio”.

 

Venerare: “amare e onorare con ossequio interiore e con gesti esteriori una persona particolarmente degna di rispetto”.

 

Questo è quello che intendiamo noi, quello che invece dovremmo intendere non ci interessa. Riguardo poi le differenze fra adorazione e venerazione, è vero che i gesti esteriori (o formali) possono coincidere ma ogni gesto va interpretato secondo le intenzioni interiori. Se queste sono diverse, avremo gesti diversi anche se simili. Infatti uno stesso  gesto può significare intenzioni diverse. Inutile, inoltre, cercare di individuare nel culto di venerazione delle reminescenze pagane, visto che entrambi i termini sono di origine pagana. Ma le parole cambiano col tempo e il significato che possono avere assunto in passato non ne pregiudica l’uso presente (nè una reale o presunta sinonimia può cambiare le cose). Già questo basta per confutare l’accusa di mariolatria, perché i cattolici non adorano Maria. Resta da dimostrare la liceità di altri culti di venerazione, oltre a quello divino di adorazione. Di solito ci si basa su questo passo:

 

“Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto” (Matteo 4, 10)

 

Secondo alcuni, questo passo dimostrerebbe che non possono esistere altri culti. In realtà Gesù non vuole dire questo. Questa che abbiamo riportato è la risposta di Cristo alla richiesta di adorazione da parte di Satana. Di questo si sta parlando, del culto per eccellenza: quello di adorazione e della sua unicità. E da questo passo si evince soltanto che il culto di adorazione è riservato solo a Dio, non altro. È vero che la Bibbia non parla della possibilità di culti di venerazione, ma questi non sono contrari alla dottrina. Infatti se venerare vuol dire solo amare e onorare, è chiaro che non c’è nessun passo della Scrittura che lo vieti. Se il culto di venerazione resta sempre ben distinto da quello di adorazione, separati da una differenza abissale per la loro natura estremamente diversa, è chiaro che si tratta di due cose diverse ma non contrapposte, anzi. Altra questione è se poi questi personaggi siano veramente degni di tali attenzioni, di questo parleremo nel prossimo intervento. Negare, però, qualcosa con la semplice giustificazione “la Bibbia non ne parla” denota, anche qui, un approccio errato con la Scrittura. Un approccio del genere, in realtà, è anche stigmatizzato dallo stesso Vangelo; come si vede nell’episodio dei Sadducei:

 

18 Vennero a lui dei sadducei, i quali dicono che non c`è risurrezione, e lo interrogarono dicendo: 19 “Maestro, Mosè ci ha lasciato scritto che se muore il fratello di uno e lascia la moglie senza figli, il fratello ne prenda la moglie per dare discendenti al fratello. 20 C`erano sette fratelli: il primo prese moglie e morì senza lasciare discendenza; 21 allora la prese il secondo, ma morì senza lasciare discendenza; e il terzo egualmente, 22 e nessuno dei sette lasciò discendenza. Infine, dopo tutti, morì anche la donna. 23 Nella risurrezione, quando risorgeranno, a chi di loro apparterrà la donna? Poiché in sette l`hanno avuta come moglie”. 24 Rispose loro Gesù: “Non siete voi forse in errore dal momento che non conoscete le Scritture, né la potenza di Dio? 25 Quando risusciteranno dai morti, infatti, non prenderanno moglie né marito, ma saranno come angeli nei cieli. 26 A riguardo poi dei morti che devono risorgere, non avete letto nel libro di Mosè, a proposito del roveto, come Dio gli parlò dicendo: Io sono il Dio di Abramo, il Dio di Isacco e di Giacobbe? 27 Non è un Dio dei morti ma dei viventi! Voi siete in grande errore”. (Marco 12, 18-27)

 

 Qual è l’errore dei Sadducei? Il loro ragionamento è proprio quello del “la Bibbia non ne parla…”. Infatti nella Bibbia non c’era scritto a chiari lettere: “I morti risorgeranno”. Eppure avevano torto a negare la resurrezione, perché avevano un approccio sbagliato con la Scrittura. La quale invece parlava di quello che negavano, solo non nel modo “umano” che pretendevano. Lo vedremo, con più precisione, nei prossimi interventi.

 

Annunci

100 Responses to Il culto: adorazione e venerazione

  1. Zel says:

    Come si evince chiaramente dalle fonti, il Vaticano sostiene la posizione e la decisione del Vescovo.

  2. Davide says:

    Zel: non dubito della veridicità della notizia.Rimane il fatto che I MEDICI HANNO FATTO UNA SCELTA GIUSTA. Anche per la Chiesa.L’unico che rischia una scomunica è il vescovo…Davide

  3. Zel says:

    DAvide: il Vaticano sostiene la decisione del Vescovo di scomunicare i medici.Ecco qui:" ‘Non esiste piu’ uno spazio di innocenza dei bambini”. E’ questo il commento all’ASCA di padre Gianfranco Grieco, capo ufficio del Pontificio consiglio per la famiglia, sul caso della bambina di nove anni rimasta incinta in seguito ad uno stupro in Brasile e che, dopo la decisione di abortire, ha fatto scattare la scomunica per la madre e i medici, da parte dell’ arvescovo di Recife, Jose’ Cardoso Sobrinho.”L’ arcivescovo – tiene a precisare padre Grieco in riferimento a mons. Jose’ Cardoso Sobrinho, che ha confermato alla stampa locale la scomunica delle persone coinvolte – non ha agito da giudice” ma ha semplicemente confermato un fatto ”inevitabile” per la Chiesa cattolica.Padre Greco, pero’, punta il dito anche sulle modalita’ con cui e’ stata affrontata tutta la vicenda. ”Se la cosa fosse stata decisa nella privacy, in un momento di comprensibile dolore – spiega – sarebbe stato anche comprensbile. Ma questa madre insieme a questi medici diventano piu’ loro i protagonisti della stessa vittima”.”La violenza – precisa – e’ violenza e’ basta”, anche se il sacerdote tiene a ricordare i numerosi casi di violenza su suore, donne adulte e consacrate, in casi di guerra come quella in Bosnia, che non sono sfociati pero’ in un aborto."http://cristianita.wordpress.com/2009/03/10/vaticano-conferma-scomunica-per-laborto-di-bimba-brasiliana-di-9-anni/Riporto la frase importante:"padre Gianfranco Grieco, capo ufficio del Pontificio consiglio per la famiglia (…) ”L’ arcivescovo – tiene a precisare padre Grieco in riferimento a mons. Jose’ Cardoso Sobrinho (…)- non ha agito da giudice” ma ha semplicemente confermato un fatto ”inevitabile” per la Chiesa cattolica."Il Vaticano SOSTIENE LA SCOMUNICA.

  4. Zel says:

    Davide: quindi, ti pregherei di informarti prima di fare disinformazione.

  5. Davide says:

    Zel: Inoltre: dopo aver letto la notizia sulle diverse fonti si legge tra l’altro: «Fatima Maia, direttrice dell’ ospedale brasiliano(… è stata) scomunicata dalla Chiesa locale».Capita a tutti di avere un IDIOTA in famiglia.Questo vescovo ha compiuto un atto ILLEGITTIMO poiché l’interruzione di gravidanza è consentita (anzi, è di fatto obbligatoria in questo caso) secondo la Dottrina cattolica quando sia a rischio la vita della donna – a maggior ragione di una bambina di nove anni.Sino a prova contraria a capo della Chiesa troviamo quello stesso dr. Joseph Ratzinger che ha ritenuto «legittimo» (in questo caso praticamente obbligatorio) l’aborto terapeutico.DG

  6. Davide says:

    Zel: Quindi ti pregherei di informarti su chi e come può dare una scomunica e su che valore la stessa abbia. In questo caso, non ne ha nessuno.DG

  7. Giovy says:

    Come tutti i cattolici sono contro l’aborto ma Dio mio ..mi chiedo come si fa a non voler difendere la vita di una bambina rimasta incinta dopo che hanno abusato di lei per anni ,in quelle gravi condizioni fisiche e immagino poi quelle psicologiche …Signore mio perdonaci ..poveri noi!

  8. Zel says:

    Quindi, Davide, "padre Gianfranco Grieco, capo ufficio del Pontificio consiglio per la famiglia" che parla a nome del vaticano su tutte le quextioni che riguardano la dottrina per la famiglia (e l’aborto e di competenza di tale consiglio) ha parlato a vanvera?!?!

  9. Davide says:

    Giovy: sono sconvolto quanto te… rimane il fatto che sia la chiesa locale, sia chi la difende è lui sì a rischio di scomunica. Con la vita di una bambina non si gioca. Non si scherza.Mai.DG

  10. Zel says:

    PA: tra l’altro, le scomuniche dei vescovi hano valore per tutta la chiesa, in quanto io sono stata scomunicata dal Vescovo della mia città e lo sono per tutta la chiesa cattolica.Giovy: la chiesa avrebbe fatto morire la bambina di 9 anni pur di non farla abortire.

  11. Ettore says:

    In realtà in caso di aborto la scomunica parte automaticamente, senza necessità di un atto. Il vescovo può avere creduto che ciò avvenisse anche in questo caso, però di sicuro ha usato un tono troppo radicale. Padre Grieco non è il Vaticano, è Padre Grieco. Per avere la posizione del vaticano ci vorrebbe un documento ufficiale o la dichiarazione di qualcuno che parli a nome del Vaticano (e non di un singolo dicastero). Cmq cercate di non tirarla troppo per le lunghe con questa brutta storia, questo è un post di teologia…

  12. Zel says:

    (non so come è saltato fuori un PA all’inizio del mio ultimo commento…)

  13. Davide says:

    Zel: le cose sono due: o padre Grieco NON è stato infoprmato del fatto che la bambina era in pericolo di vita (e sarebbe strano) oppure qualcosa non torna. E qui mi fermo.Ti ribadisco che l’aborto, in questo specifico caso, così come descritto dalle fonti che mi hai citato, è ammesso .E ti ribadisco che ad ammetterlo è stato l’attuale Pontefice Benedetto XVI – allora cardinale.DG

  14. Zel says:

    Ettore: vero, la scomunica parte automatica per tutti i mediti che praticano lìaborto.E mi scuso per l’off topics.

  15. Davide says:

    Concordo, Ettore.Scusa per il mio tono acceso.Davide

  16. Ettore says:

    Enza: ma non è vero, Gesù stesso dice di pregare il Padre Nostro. E’ vero che a volte viene fatto a cantilena, ma ha un contenuto spirituale bellissimo. La preghiera in comune è molto bella, non è una recita. Poi si può fare normalmente tutto il resto, una cosa non esclude l’altra, anche la preghiera del cuore ha la sua importanza. Per la comunione dei santi, io penso invece che fra terra e cielo non ci sia più inimicizia ma che ci sia un ponte (Cristo).

  17. enza says:

    Ettore il Padre nostro è la sintesi del rapporto in cui Dio ci vuole e cioè figli.La comunione con Dio è bellissima.La comunione dei santi è quella tra coloro che hanno il medesimo spirito cioè quello di Cristo e condividono il medesimo scopo.Gesù Cristo è il ponte tra noi e il padre.Ragazzi per il fatto della bambina: io in questi casi mi paralizzo, non sò che dire, solo……. Signore salvaci.Dacci la forza per continuare a fare la nostra piccola parte in questo spaventoso mondo.:(((

  18. ESTER says:

    I gesti di gentilezza sono come fiori estiviche si inseriscono tra le pagine di un libro e si conservano per sempre.Buona giornata e che Dio ci benedica.

  19. Jole says:

    ESTER: GRAZIE DAVVERO!BUONA GIORNATA ANCHE ATE"I gesti di gentilezza sono come fiori estivi, vanno colti prima che appassiscano, perchè se arrivi tardi, potresti non sentirne più il profumo"

  20. Miriam says:

    Sorry ….. non mi ero accorta della conclusione errata che dai al tuo post Ettore: NON è VERO CHE –> nella Bibbia non c’era scritto a chiari lettere: “I morti risorgeranno”. <– C’ERA SCRITTO E COME IN DIVERSI PASSI SOPRATTUTTO DEI PROFETI, VEDI PE ESEMPIO osea 6 I PRIMI 3 VERSI…..PARLANO PROPRIO DI RESURREZIONE!!! 2 In due giorni ci ridarà la vita; il terzo giorno ci rimetterà in piedi, e noi vivremo alla sua presenza. 3 Conosciamo l’Eterno, sforziamoci di conoscerlo! Il suo levarsi è certo, come quello dell’aurora; egli verrà a noi come la pioggia, come la pioggia di primavera che annaffia la terra’. –> SE NON SI PARLA DI RESURREZIONE QUI… PER ESEMPIO ;D, comunque se ne parla anche in Eliseo ed Ezzecchiele….quindi i Sadducei non avevano appigli e Gesù li ha smontati in diverse occasioni –> QUESTA STORIA NON MI è NUOVA hi hi hi hi

  21. Davide says:

    Miriam: nessuna conclusione errata nel post di Ettore. I Sadducei interpretavano Antico Testamento a modo loro (e a tutt’oggi c’è chi sostiene che in esso non vi sia alcun accenno ad una Vita Eterna) proprio perché le frasi in esso contenute potevano apparire ambigue a chi avesse voluto farne uso distorto – come i Sadducei, appunto.Che poi Gesù avesse ragione è chiaro…DG

  22. Miriam says:

    Certo che Gesù aveva ragione…..ma fa caso a come li redarguiva …..sempre con la Parola……Infatti il suo intercalare + comune era "E’ PURE SCRITTO….."e sia io che Dany che chiunque altro conosca la Bibbia, ti risponderà sempre in questo modo: "E’ PURE SCRITTO" ;D

  23. Davide says:

    PS – Ti riporto una emai che un amico mi ha girato.«L’Antico Testamento, pur NON affermando direttamente l’immortalità dell’anima, sostience che l’uomo continua ad esistere anche dopo la morte del corpo. Nell’Antico Testamento il "principio vitale" degli esseri viventi (il néfesh, l’aima) è il *respiro che esce dalla gola*: [cfr 2Sam. 1,9] ove Saul è ferito a morte e chiede di finirlo: "…uccidimi: io sento le vertigini, ma la vita [néfesh] è ancora tutta in me". Ma quando uno non respira più significa che è, semplicemente, morto [cfr. Ger. 15,9]: "È abbattuta la madre di sette figli, esala il suo respiro [néfesh]".I passi che usano l’espressione "non esserci più" significano che quella persona "non respira più", pur non negando affatto una esistenza dopo la morte (ma neppure affermandola). [fr. Gen 42,13]: "Dodici sono i tuoi servi (…), il più giovane è ora presso nostro padre e uno non c’è più".Gli Ebrei comunque ritennero che dopo la morte si scenda nello Sheol (il regno dei morti) dve i morti ovviamente non possono fiù fare ciò che facevano sulla terra: non vedono più la luce [Salmo 48(49),20], non possono più attendere alle occupazioni quotidiane [Cfr. Ecclesiaste 9,10].Altro discorso e più delicato riguarda il riconoscimento dei Libri "canonici", come Sapienza e Maccabei II libro.Ancora oggi alcune Confesioni (come i Testimoni di Geova) li considerano "non ispirati".»Spero questa email sia chiarificatrice di ciò che ritengo Ettore volesse esprimere. I Sadducei, errando, si discostavano dall’interpretazione consueta della Scrittura proprio perché la interpretavano a modo loro…Un saluto,DG

  24. Davide says:

    PS – Ecclesiaste = "Qoelet"(scusate, ho riportato testualmente).DG

  25. Daniela says:

    Il riferimento ai sadducei è palesemente girato a me e a MIriam,per i trascorsi.Cmq il canone ebraico non comprende maccabei …Sono ripetitiva,ma la bibbia è bibbia.

  26. Davide says:

    Daniela, anche oggi il riconoscimento di quali libri siano "ispirati" è diverso a seconda delle confessioni. Infatti ho scritto:Altro discorso e più delicato riguarda il riconoscimento dei Libri "canonici", come Sapienza e Maccabei II libro….Davide

  27. Daniela says:

    http://it.encarta.msn.com/encnet/refpages/RefMedia.aspx?refid=1041502039Un ragionamento logico include il fatto che siccome ,il vecchio testamento è ebraico ,il canone è ebraico!

  28. Daniela says:

    Libri dei Maccabei Testo sacro composto da quattro libri, due dei quali (1 e 2 Maccabei) sono compresi nell’Antico Testamento di cattolici e ortodossi, mentre i protestanti li pongono tra gli Apocrifi. Gli altri due (3 e 4 Maccabei) hanno una diversa collocazione: la Chiesa ortodossa greca include 3 Maccabei nel canone della Bibbia e 4 Maccabei in appendice; i protestanti li considerano entrambi pseudoepigrafici e i cattolici li pongono tra gli Apocrifi. Nessuno dei quattro compare nella Bibbia ebraica. Maccabei deriva dal soprannome del condottiero Giuda Maccabeo, membro degli Asmonei, famiglia di patrioti ebrei del II e del I secolo a.C. 1 Maccabei descrive le attività della famiglia degli Asmonei durante la lotta per l’indipendenza ebraica (175-134 a.C.). Opera di un autore ignoto, si ritiene risalente al 100 a.C.; di esso sopravvive solo una traduzione greca. 2 Maccabei è un compendio dell’opera greca in cinque volumi di un autore ignoto che si cela dietro lo pseudonimo di ‘Giasone di Cirene’ (2:23). Gli studiosi datano 2 Maccabei tra il 125 a.C. e il 70 d.C. Il libro narra la storia di Israele dal 180 al 160 a.C. 3 Maccabei presenta scarso valore storico. Fu scritto in greco da un ebreo alessandrino, probabilmente in epoca paleocristiana. 4 Maccabei contiene un discorso filosofico sulla supremazia della ragione pia sulla passione. Non è noto il nome dell’autore, probabilmente un ebreo ellenizzato che scriveva applicando i canoni della retorica greca. da encarta…………http://it.encarta.msn.com/encyclopedia_761571792/Libri_dei_Maccabei.html#1041502039

  29. Ettore says:

    Enza: Il Padre Nostro è una preghiera bellissima, non solo una sintesi. Gesù la insegna rispondendo esplicitamente alla richiesta di insegnare loro a pregare, è un dono di Dio e nessuno ce la può togliere. Il tuo rifiuto penso sia più dettato da una visione un pò schemtica della preghiera. Ciao.

  30. Ettore says:

    Miriam: Sì, sicuramente i farisei dovevano avere citato ai sadducei questo ed altri passi. Ma evidentmente per loro erano troppo vaghi, e in effetti non sono chiarissimi. Di sicuro non esplicitano la dottrina della risurrezione dei morti alla fine del mondo nella stessa maniera in cui poi lo farà Paolo. Se pretendessimo dall’Antico Testamento la stessa chiarezza sulla risurrezione che invece chiediamo al Nuovo Testamento per questione ancora "calde" (che pure ci sono, ma in maniera non esplicita) forse dovremmo proprio concludere che i sadducei avevano ragione. Il problema è che questo è un modo semplicistico di leggere la Bibbia, questo è quello che volevo dire.

  31. Ettore says:

    Daniela: Chi ha stabilito il canone del Nuovo Testamento, con la stessa autorità può aggiustare quello del vecchio. Chi ha fatto trenta può far trentuno. I fratelli Ebrei non riconoscono gli altri libri dei Maccabei? Ce ne faremo una ragione, visto che rispetto a noi non riconoscono tante altre cose (e ben più importanti).

  32. Ettore says:

    ah…cmq, io penso che se voi diceste di più "sta scritto anche" andremmo molto più d’accordo. Secondo me l’inghippo sta proprio qui, ne parlerò nel prossimo intervento 🙂

  33. Daniela says:

    Aggirare l’ostacolo è la tua specialità Ettore…il vecchio testamento è LORO!O no?

  34. Davide says:

    Daniela – Credo che l’Antico Testamento non "appartenga" a nessuno… Ho il massimo rispetto per coloro che anch’io considero miei fratelli, gli Ebrei; ritengo però che l’essenziale sia appunto andare oltre un’interpretazione prettamente letterale del testo. Renderlo nel suo contesto, nel suo genere letterario, nelle sue metafore. E, per noi Cristiani, riconoscere che l’Antico Testamento è propedeutico al Nuovo Testamento ed al Vangelo in particolar modo.Non vedo perché presupporre malafede anche là dove non ve n’è traccia… un saluto,Davide Gorga

  35. Daniela says:

    …..Ma chi lo sa,forse perchè certe dottrine su qualcosa dovevano appoggiare?!

  36. Miriam says:

    Sarà….ma in tutto il cristianesimo, solo per il cattolicesimo sono validi quei testi che vanno, guarda caso, fuori dal canone ebreo! Ma gli ebrei non erano quelli che l’antico testamento lo avevano scritto??Credo che abbiano + voce in capitolo rispetto ai romani riguardo a questo o no? ;D

  37. Angelo says:

    E’ normale questa esaltazione? Secondo me una buona seduta con uno specialista aiuterebbe.

  38. Miriam says:

    Angelo non è esaltazione, è solo una canzoneeee!!! E fa pure rima ;D

  39. Angelo says:

    appunto e ti pare normale che uno si metta a cantare mentre delle persone stanno discutendo? A me pare ineducato oltre che idiota

  40. Zel says:

    A proposito del "Sta scritto"… come la mettete con le citazioni che fanno gli evangelisti nei vangeli tratte dall’antico testamento e che in realtà nell’antico testamento non esistono?!Per esempio: in Giovann 7,37-38 si dice "37 Nell’ultimo giorno, il grande giorno della festa, Gesù levatosi in piedi esclamò ad alta voce: «Chi ha sete venga a me e beva 38 chi crede in me; come dice la Scrittura: fiumi di acqua viva sgorgheranno dal suo seno». " La Scrittura ovviamente è l’Antico Testamento, ma in nessuna parte dell’Antico testamento c’è tale frase!!!

  41. Daniela says:

    x ZELGESU’PARLAVA DI QUESTO PASSO1 «O voi tutti che siete assetati, venite alle acque;voi che non avete denarovenite, comprate e mangiate!Venite, comprate senza denaro, senza pagare, vino e latte!2 Perché spendete denaro per ciò che non è panee il frutto delle vostre fatiche per ciò che non sazia?Ascoltatemi attentamente e mangerete ciò che è buono,gusterete cibi succulenti!3 Porgete l’orecchio e venite a me;ascoltate e voi vivrete;io farò con voi un patto eterno,vi largirò le grazie stabili promesse a Davide.isaia 55

  42. Zel says:

    Hai scelto una frase a caso in cui si diceva "acqua"… non vedo alcuna corrispondenza con la frase da me citata…

  43. Daniela says:

    Dai Angelo sempre meglio del LATINO…Ciauuu.DANILOOOOOO :D!

  44. Daniela says:

    ZELInformati meglioSarà una sorpresa!

  45. Zel says:

    Altre frasi inesistenti citate dagli evangelisti:Mateo 2,23 "e, appena giunto, andò ad abitare in una città chiamata Nazaret, perché si adempisse ciò che era stato detto dai profeti: «Sarà chiamato Nazareno»."… ma nell’antico testamento non esiste la parola Nazaret o Nazareno.Luca 24, 46: "«Così sta scritto: il Cristo dovrà patire e risuscitare dai morti il terzo giorno" poi, "citazione" confermata da Paolo ("3 Vi ho trasmesso dunque, anzitutto, quello che anch’io ho ricevuto: che cioè Cristo morì per i nostri peccati secondo le Scritture, 4 fu sepolto ed è risuscitato il terzo giorno secondo le Scritture," 1Corinzi 15, 3-4), ma in nessun parte dell’antico testamento si dice che tal Messia risorgerà dopo 3 giorniVisto che di solito tutte le altre citazioni sono perfette e con le stesse parole, queste son "citazioni" chiaramente inventate.

  46. Daniela says:

    37 Nell’ultimo giorno, il giorno più solenne della festa, Gesù stando in piedi esclamò: «Se qualcuno ha sete, venga a me e beva. 38 Chi crede in me, come ha detto la Scrittura, fiumi d’acqua viva sgorgheranno dal suo seno». 39 Disse questo dello Spirito, che dovevano ricevere quelli che avrebbero creduto in lui; lo Spirito, infatti, non era ancora stato dato, perché Gesù non era ancora glorificato.<<<<<<<<<allora:Se qualcuno ha sete, venga a me e beva.= «O voi tutti che siete assetati, venite alle acque;Chi crede in me, come ha detto la Scrittura =Ascoltatemi attentamente e mangerete ciò che è buono,gusterete cibi succulenti!3 Porgete l’orecchio e venite a me;ascoltate e voi vivrete; fiumi d’acqua viva sgorgheranno dal suo seno= Lo Spirito Santo.Non si riferisce alla frase che citi tu ,ma al resto,infatti nel testo ke citi tu c’è un puntoe virgola in più.Ciaoo!

  47. Daniela says:

    Scusa Zel…chi è il Germoglio?

  48. Daniela says:

    <Netzar> in ebraico significa germoglio, ramoscello.Da cui deriva il nome di Nazareth (che potremmo tradurre come “il posto del germoglio”).Quale germoglio?“Poi un ramoscello uscirà dal tronco d’Isai, e un germoglio spunterà dalle sue radici” (Is 11:1).

  49. Danilo says:

    Angelo i tuoi insulti per me sono come polvere spazzata dal vento.se ti da fastidio la mia esaltazione la cancello. lolSappi cmq che io il mio amore per Dio lo metto in mostra come e quando voglio ho cancellato il testo solo perchè mi sembrava giusto alla fine, il blog non è mio ;-). ciau

  50. Angelo says:

    X Daniloi miei non sono insulti.. sono constatazioni, poi tu sei libero di viverli come ti pare. Prendo atto che in fondo in fondo ti sei reso conto di essere inopportuno…Ciao

  51. Danilo says:

    Perché noi cristiani andiamo a Gerusalemme? “per riconoscere il Signore Gesù come il Messia di Israele e per provocare a gelosia il popolo di Dio”, che lo riconoscerà, quando Dio toglierà loro il velo. Alcuni di loro hanno già avuto questa grazia dal Signore, ed è con loro che abbiamo un rapporto privilegiato, come con dei fratelli due volte: sono i nostri fratelli maggiori, i primogeniti, in quanto Giudei, e sono nostri fratelli in Cristo. Essi preferiscono chiamarsi Messianici e non cristiani, per evidenziare che hanno già riconosciuto il Messia, anche se etimologicamente le due parole sono equivalenti, in quanto Christos = unto nella lingua greca è l’equivalente dell’ebraico Mashiac = unto. Inoltre il nome di cristiano fu usato per la prima volta dai Greci di Antiochia “E avvenne che per lo spazio d’un anno intero parteciparono alle raunanze della chiesa, ed ammaestrarono un gran popolo; e fu in Antiochia che per la prima volta i discepoli furon chiamati Cristiani” (At 11:26).Precedentemente i discepoli e coloro che si convertivano venivano chiamati “Nazareni”, cioè i seguaci di Gesù, il Nazareno. “Abbiamo dunque trovato che quest’uomo è una peste, che fomenta rivolte fra tutti i Giudei del mondo, ed è capo della setta dei Nazareni” (At 24:5).Bene, in questo viaggio ho imparato che ancora oggi in ebraico i giudei ci chiamano “Notzrim”, cioè nazareni, e possiamo ben dire di esserne felici. Infatti “Netzar” in ebraico significa germoglio, ramoscello. Da cui deriva il nome di Nazareth (che potremmo tradurre come “il posto del germoglio”). Quale germoglio?“Poi un ramoscello uscirà dal tronco d’Isai, e un germoglio spunterà dalle sue radici” (Is 11:1).Non è la città ad aver dato il nome a Gesù, ma al contrario, la città ha profeticamente preso il nome da lui, perché sarebbe diventata la casa dei suoi genitori terreni!Noi siamo quelli che credono in colui che viene dalla città del germoglio, secondo le profezie! Le loro profezie! La Bibbia è il loro libro, i profeti sono i loro profeti, il Messia è il loro Messia, come possono non essere presi da gelosia?Romani 10:21 Ma io dico: Non ha Israele compreso? Mosé dice per primo: «Io vi muoverò a gelosia per una nazione che non è nazione; vi provocherò a sdegno per una nazione stolta». E Isaia arditamente dice: «Io sono stato trovato da quelli che non mi cercavano, mi sono manifestato a quelli che non chiedevano di me». Ma riguardo ad Israele dice: «Tutto il giorno ho steso le mani verso un popolo disubbidiente, e contraddicente».Deuteronomio 32:21 Essi mi hanno fatto ingelosire con ciò che non è Dio, mi hanno irritato con i loro idoli vani; e io li renderò gelosi con gente che non è un popolo, li irriterò con una nazione stolta.

  52. Ettore says:

    E’ vero che alcune citazioni degli evangelisti non sono perfettamente aderenti, però nella maggior parte dei casi si tratta di concetti comuni alla Bibbia (come quello dell’acqua). Quello della resurrezione è un discorso un pò più complesso perchè bisogna entrare nel linguaggio profetico…Ma, esattamente, in appoggio di quale strana dottrina servirebbero i Maccabei?

  53. Daniela says:

    PURGATORIO….Non lo sai?!

  54. Ettore says:

    A dire il vero, I Maccabei sono entrati nel canone molto prima che si parlasse di Purgatorio. Quindi il sospetto che si sia cercato un apocrifo da autenticare non regge. E poi non è stata la Chiesa Cattolica a fare questo inserimento, è stato semplicemente usato il canone alessandrino ovvero la traduzione in greco della Bibbia fatta sempre da Ebrei in tempi non sospetti (185 a.C.). Penso che essenzialmente questo fosse il canone seguito anche dagli Ebrei fino al nuovo canone (dopo Cristo) che escludeva questi ed altri libri. Si tratta di due visione ebraiche contrastanti, la Chiesa ha dovuto scegliere e in questo ha dovuto metterci anche del suo. Altrimenti se gli Ebrei oggi non riconoscessero più Isaia, noi cosa dovremmo fare? Eliminarlo?

  55. Zel says:

    Il Purgatorio è sostenuto anche in una lettera di Paolo: "« Nessuno infatti, può porre altro fondamento che quello che è stato posto, cioè Gesù Cristo. Ora, se uno costruisce sopra questo fondamento con oro, argento, pietre preziose, legno, fieno, paglia, l’opera di ciascuno si renderà manifesta; infatti, il giorno la renderà manifesta, perché si rivelerà nel fuoco e il fuoco proverà quel che vale l’opera di ciascuno. Se l’opera di qualcuno che ha costruito sopra rimarrà, egli ne riceverà ricompensa; se l’opera di qualcuno invece sarà consumata dal fuoco, ne avrà danno, però si salverà, ma come attraverso il fuoco » (1 Corinzi 3,11-15)Attraverso il fuoco anche chi sbaglia si potrà salvare per purificazione = prgatorio

  56. Annamaria says:

    la sai la parabola del ricco epulone e del povero lazzaro?S.Lucacap.16leggi verso 26 chi ha ragione la bibbia o chi vuol fare valere la propia tesi?

  57. Daniela says:

    Zel lascia perdere….quel passo parla delle prove spirituali,che ci riconducono al Signore quando abbiamo la testa dura…..Tu hai la testa dura?Poi come ben dice Annamaria ,nella parabola del ricco epulone e del povero Lazzaro,è ben descritto il tutto ,chi è su non và giu e viceversa.« C’era un uomo ricco, che vestiva di porpora e di bisso e tutti i giorni banchettava lautamente. Un mendicante, di nome Lazzaro, giaceva alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi di quello che cadeva dalla mensa del ricco. Perfino i cani venivano a leccare le sue piaghe. Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli nel seno di Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. Stando nell’inferno tra i tormenti, levò gli occhi e vide di lontano Abramo e Lazzaro accanto a lui. Allora gridando disse: Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e bagnarmi la lingua, perché questa fiamma mi tortura. Ma Abramo rispose: Figlio, ricordati che hai ricevuto i tuoi beni durante la vita e Lazzaro parimenti i suoi mali; ora invece lui è consolato e tu sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stabilito un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi non possono, né di costì si può attraversare fino a noi. E quegli replicò: Allora, padre, ti prego di mandarlo a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento. 29 Ma Abramo rispose: Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro. E lui: No, padre Abramo, ma se qualcuno dai morti andrà da loro, si ravvederanno. Abramo rispose: Se non ascoltano Mosè e i Profeti, neanche se uno risuscitasse dai morti saranno persuasi. » (Luca 16,19-31)O Gesù mentiva..o non mi quadra il tutto….Mi sa che non mentiva ,è più logico!

  58. Davide says:

    Oltre alla Lettera citata [L’Apostolo parla del valore dell’opera di ciascuno, che sarà rivelata nel giorno del giudizio, e dice: “Se l’opera che uno ha costruito sul fondamento [che è Cristo] resisterà, costui ne riceverà una ricompensa; ma se l’opera finirà bruciata, sarà punito: tuttavia egli si salverà, però come attraverso il fuoco” (1 Cor 3, 13-15).] in cui è chiaro che sarà l’opera ad essere distrutta mentre invece *chi avrà sbagliato sarà salvo* («tuttavia egli si salverà»), il Purgatorio è avallato anche da Matteo, capitolo 5, versetto 25 («Mettiti presto d’accordo con il tuo avversario mentre sei per via con lui, perché l’avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia e tu venga gettato in prigione. In verità ti dico: non uscirai di là finché tu non abbia pagato sino all’ultimo spicciolo!") similmente in Luca capitolo 12, versetti 58,59.L’immagine della liberazione dopo una espiazione (allegoria della somma da pagare «sino all’ultimo spicciolo») è ben diversa da quella che si riferisce al "fuoco eterno" destinato "al demonio ed ai suoi seguaci". Nello stesso Matteo poco prima troviamo altre immagini (es. il "fuoco della Geenna"). Nelle confessioni protestanti l’idea del Purgatorio è rifiutata perché in contraddizione con la dottrina della giustificazione per fede.E sicuramente è più facile che sbagli un uomo piuttosto che Dio. Infine, rifiutare un argomento perché le conclusioni non ci piacciono non è buona logica.Davide

  59. ESTER says:

    Nelle confessioni protestanti l’idea del Purgatorio è rifiutata perché in contraddizione con la dottrina della giustificazione per fede.Gentile Davide noi, siamo in disaccordo con cio’ che non dice la parola.Il fatto che la chiesa cattolica accetti il fatto delle immagini, cosa non contemplata dalla preziosa parola di DIO, giustificandola con il termine di venerare, ma questi sono solo delle invenzioni umane, con tutto il mio rispetto.La parola dice che dobbiamo adorare Dio, e solo LUI IN SPIRITO E VERITA’.Cosa c’entrano le cose materiali, immagini con le cose spirituali di DIO?Poi per quanto concerne il purgatorio, mi dispiace ma con tutta franchezza anche questa e’ un’invenzione umana, onore a Dante Alighieri per l’opera che compose , ma per quanto riguarda la Verita’ egli non la conosceva.Giustamente come hanno detto prima la sorella Annamaria e poi Daniela non esiste alcun purgatorio, e ti invito a leggere la parola di Dio , non facendoti influenzare dalla tua dottrina, ma lasciandoti guidare da Dio.

  60. Ettore says:

    Il Cristianesimo predica la risurrezione della carne e quindi la salvezza anche del corpo. Lo spiritualismo non fa parte del Cristianesimo…La parabola del ricco epulone non dimostra l’inesistenza del purgatorio. Quest’ultimo poi non mette in discussione il giudizio immediato dopo la morte.

  61. Daniela says:

    Caro Davide ,il passo che citi riguardo a Gesù ,parla del PERDONO!Ingiuria, offerta, perdono(1Gv 3:15; Lu 12:58-59) Sl 119:9621 «Voi avete udito che fu detto agli antichi: "Non uccidere: chiunque avrà ucciso sarà sottoposto al tribunale"; 22 ma io vi dico: chiunque si adira contro suo fratello sarà sottoposto al tribunale; e chi avrà detto a suo fratello: "Raca" sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli avrà detto: "Pazzo!" sarà condannato alla geenna del fuoco. 23 Se dunque tu stai per offrire la tua offerta sull’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualcosa contro di te, 24 lascia lì la tua offerta davanti all’altare, e va’ prima a riconciliarti con tuo fratello; poi vieni a offrire la tua offerta. 25 Fa’ presto amichevole accordo con il tuo avversario mentre sei ancora per via con lui, affinché il tuo avversario non ti consegni in mano al giudice e il giudice in mano alle guardie, e tu non venga messo in prigione. 26 Io ti dico in verità che di là non uscirai, finché tu non abbia pagato l’ultimo centesimo.BISOGNA PERDONARE,ALTRIMENTI SI E’ SEPARATI DA DIO.Chi dice: "Io l’ho conosciuto", e non osserva i suoi comandamenti, è bugiardo e la verità non è in lui;ma chi osserva la sua PAROLA, in lui l’amore di Dio è veramente completo. Da questo conosciamo che siamo in lui:chi dice di rimanere in lui, deve camminare com’egli camminò.ETTORENon la dimostra?Allora Gesù ha avuto un LAPSUS….siamo sicuri?Eliseo resuscitò per lo Spirito di DIO,un fanciullo..ETTORE,DIO è lo stesso ieri oggi e in ETERNO!

  62. Daniela says:

    Dimentcavo,se ci fosse stato un purgatorio, Gesù non avrebbe avuto motivo di morire sulla croce,quindi ,secondo voi,il sacrificio di Cristo è stato incompleto e dunque per redimediare se abbiamo la testa dura andremo nel purgatorio al fine di PURIFICARCI…..MA la bibbia dice:Perché il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore." (Romani 6:23)Era dunque necessario che i simboli delle realtà celesti fossero purificati con questi mezzi. Ma le cose celesti stesse dovevano essere purificate con sacrifici più eccellenti di questi. 24 Infatti Cristo non è entrato in un luogo santissimo fatto da mano d’uomo, figura del vero; ma nel cielo stesso, per comparire ora alla presenza di Dio per noi; 25 non per offrire sé stesso più volte, come il sommo sacerdote, che entra ogni anno nel luogo santissimo con sangue non suo. 26 In questo caso, egli avrebbe dovuto soffrire più volte dalla creazione del mondo; ma ora, una volta sola, alla fine dei secoli, è stato manifestato per annullare il peccato con il suo sacrificio. 27 Come è stabilito che gli uomini muoiano una volta sola, dopo di che viene il GIUDIZIO 28 così anche Cristo, dopo essere stato offerto una volta sola per portare i peccati di molti, apparirà una seconda volta, senza peccato, a coloro che lo aspettano per la loro salvezza. EBREI 9La parola e’ chiara,poi se vogliamo insistere avremo una brutta sorpresa un giorno!

  63. Francesca says:

    Gesù è morto in Croce..giusto!L’Uomo ha finito di peccare? ..Non mi sembra…Ma L’Uomo fin tanto che è in vita ha la possibilità di ravvedersi e di pentirsi…Le sue "nuove colpe saranno rimesse!" Il Purgatorio trova posto come passaggio per la purificazione verso il Paradiso…I Giusti e i Santi invece hanno accesso diretto..A volte sono passati in paradiso direttamente dalla vita terrena vedi Enoch ed Elia..A volte subito dopo la morte vedi Abramo…questo per parlare di personaggi di cui condividiamo la loro destinazione…cioè al cospetto di Dio!Un saluto, solamenteperamore Francesca.

  64. Daniela says:

    Allora all’inferno non ci và nessuno,non è per grazia non è un dono di DIO la salvezza,Dio ci fà soffrire nel purgatorio e quando abbiamo finito di soffrire ci trasferiamo..una speie di tugurio del grande fratello…ho capito!Il purgatorio non trova posto da nessuna parte..è scritto SE OGGI UDITE LA SUA VOCE NON INDURITE I VOSTRI CUORI!Perché il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore." (Romani 6:23)27 Come è stabilito che gli uomini muoiano una volta sola, dopo di che viene il GIUDIZIO … EBREI 9

  65. Francesca says:

    Chi lo ha detto?Chi rinnega Dio fino alla fine non ha scampo.Dopo purtroppo è tardi vedi ricco Epulone.

  66. Daniela says:

    Sì Sì ,il ricco epulone,ma dove è scritto che rinnegò DIO?Chi dice: "Io l’ho conosciuto", e non osserva i suoi comandamenti, è bugiardo e la verità non è in lui;ma chi osserva la sua PAROLA, in lui l’amore di Dio è veramente completo. Da questo conosciamo che siamo in lui:chi dice di rimanere in lui, deve camminare com’egli camminò.Perché il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore." (Romani 6:23)27 Come è stabilito che gli uomini muoiano una volta sola, dopo di che viene il GIUDIZIO … EBREI 9

  67. Francesca says:

    Chi rinnega le sue Leggi rinnega Dio stesso.

  68. Francesca says:

    Dal vangelo di San Matteo 7, 12-27:[12]Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge ed i Profeti. Le due vie [13]Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa; [14]quanto stretta invece è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e quanto pochi sono quelli che la trovano! I falsi profeti [15]Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci. [16]Dai loro frutti li riconoscerete. Si raccoglie forse uva dalle spine, o fichi dai rovi? [17]Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi; [18]un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni. [19]Ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco. [20]Dai loro frutti dunque li potrete riconoscere. I veri discepoli [21]Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. [22]Molti mi diranno in quel giorno: Signore, Signore, non abbiamo noi profetato nel tuo nome e cacciato demòni nel tuo nome e compiuto molti miracoli nel tuo nome? [23]Io però dichiarerò loro: Non vi ho mai conosciuti; allontanatevi da me, voi operatori di iniquità. [24]Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia. [25]Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perché era fondata sopra la roccia. [26]Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, è simile a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia. [27]Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde, e la sua rovina fu grande». Un saluto, solamenteperamore Francesca.

  69. ESTER says:

    Il Cristianesimo predica la risurrezione della carne e quindi la salvezza anche del corpo. Lo spiritualismo non fa parte del Cristianesimo…Carne e sangue non entreranno nei cieli. Evidentemente non mi sono spiegata correttamente, e prendo per ”MALA FEDE” L’APPELLATTIVO SBAGLIATIISSIMO CHE HAI VOLUTO DARe DIcendo SPIRITUALISMO.NE PRENDO ATTO E VADO AVANti.Quando parlo di COSE SPIRITUALI , intendo dire che lo Spirito Santo di Dio ti porta a conoscere le cose dello spirito, mentre una mente controllata dalla carne ti porta a NON intenderLE .Caro Ettore il purgatorio e’ una di quelle invenzioni umane, o meglio un pretesto DELLA CHIESA CATTOLICA per giustificare UNA dottrinA prettamente umanA, non procedenti da Dio.Grazie

  70. ESTER says:

    La parabola illumina chiaramente che non ci sono che due vie, una e’ l’inferno e l’altra e’ il paradiso.Cosi’ come si puo’ leggere nella parola di Dio.Capisco che per i cattolici Dio stesso e’ un ”mistero”, ma Dio non lo e’, infatti Dio e’ rivelazione e la sua parola e’: VERITA’.A chi dobbiamo credere agli insegnamenti umani (dogmi) o a DIO , lascio a voi la scelta.

  71. Davide says:

    Concordo con Francesca: «Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.» (salvezza per opere e non per sola fede).Ettore scrive bene: «La parabola del ricco epulone non dimostra l’inesistenza del purgatorio» – ed inoltre il Vangelo ne conferma l’esistenza quando Gesù Cristo distingue "il fuoco *eterno*" preparato per il demonio ed i suoi seguaci e la temporanea «incarcerazione» dalla quale si esce dopo aver espiato.Davide

  72. Davide says:

    PS – Nessun mistero, c’è la via del bene e la via del male (semplificndo molto).Poi c’è la necessità di essere *purificati come col fuoco* perché tutti gli uomini, anche i migliori, che hanno seguito appunto la via del bene, sbagliano, commettono peccati, poiché non sono perfetti, e questa *purificazione* è il Purgatorio.Un teologo ha paragonato il Purgatorio ad una "clinica dell’anima" e è una bella immagine!Davide

  73. Ettore says:

    Con spiritualismo non intendevo nulla di particolarmente offensivo. Volevo solo dire che la "carne" non indica solo quello che è contrario allo spirito perchè nel Cristianesimo anche il corpo si salva. E cos’è tutto il racconto della resurrezione se non la grande esaltazione del corpo glorioso?Il purgatorio non è una terza via, visto che ovviamente è un regno non eterno. Il problema è cosa accade quando una persona si salva ma non in stato di perfetta grazia, visto che non si può stare al cospetto di Dio con il peccato. Ma questo può essere perdonato quando ancora c’è la possibilità, cioè quando si è vivi. A questo si riferisce quel "non ne uscirà fino a quando non ne avrà pagato l’ultimo spicciolo" che ricordava Davide.

  74. Daniela says:

    Dal vangelo secondo Dante Alighieri: il purgatorio. 🙂

  75. Davide says:

    No, dal Vangelo secondo Matteo, capitolo 5, versetto 25.Dal Vangelo secondo Luca capitolo 12, versetti 58,59.Dalla prima lettera ai Corinzi 3, 13-15Dante è un grande poeta ma rimaniamo alle Scritture. Grazie,Davide Gorga

  76. Daniela says:

    Non credo proprio ,quei versi non citano il purgatorio.Perché il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore." (Romani 6:23)27 Come è stabilito che gli uomini muoiano una volta sola, dopo di che viene il GIUDIZIO … EBREI 9DOPO LA MORTE VIENE IL GIUDIZIO…CI SONO 2 PORTE UNA STRETTA E UNA LARGA..LA STRETTA E’ IL PARADISO,LA LARGA E’ L’INFERNO;GESù NON PARLO’ DI TUGURIO ALLA GRANDE FRATELLO,DOVE VA’ IL PEGGIORE PER ESSERE PUNITO ,NO!HA PARLATO DI DUE VIE,NNT SGABUZZINO!CON QUESTO HO CONCLUSO…BUONA NOTTE!!!!!!!!!!!!!

  77. Davide says:

    Come giustamente ha scritto Ettore «Il purgatorio non è una terza via, visto che ovviamente è un regno non eterno.»E il giudizio immediato dopo la morte viene dato comunque. L’impurità residua dei giusti dovuta al peccato viene quindi consumata *come col fuoco*.Se quando sei a corto di argomenti citi Dante va più che bene. Se cominci a citare il grande fratello allora ti invito ad avere un minimo di rispeto per la Parola di Dio.Grazie.DG

  78. ESTER says:

    Volevo solo dire che la "carne" non indica solo quello che è contrario allo spirito perchè nel Cristianesimo anche il corpo si salva. E cos’è tutto il racconto della resurrezione se non la grande esaltazione del corpo glorioso?Dio e’ Spirito , certo che avremo un corpo, ma si tratta di un corpo spirituale.Spirito e carne sono due cose distinte, e ripeto che carne e sangue non entreranno nel cielo.I versi che avete menzionato, non giustificano l’invenzione del purgatorio.Con la vita eterna non si scherza, o con Gesu’ o all’inferno, mezze vie non c’e’ ne.Ma poi scusate l’osservazione, un’esistenza del purgatorio, annullerebbe la croce.Vi rendete conto ?!Nella parola e’ scritto che assomiglieremo a Lui, cosi’ saremo appieno come lui e’.Diamo a Dante il merito che si spetta e’ sua l’invenzione del purgatorio.

  79. Ettore says:

    Ma se una persona muore e viene giudicata degna della salvezza, ma non è perfetta che succede? Si pente dopo la morte? Oppure va all’inferno anche per un solo peccato?

  80. Davide says:

    Concordo con Ettore. Inoltre: di "fuoco purgatorio" è presente menzione già nel II sec. Molto prima di Dante che non ha inventato assolutamente nulla ma si è rifatto a tradizione preesistente e consolidata. Il purgatorio NON è una "terza via", è la via che percorrono tutti coloro che, destinati alla salvezza eterna, devono "purgarsi" ossia "purificarsi" per essere al cospetto di Dio.Davide

  81. ESTER says:

    Ma dimmi davanti a Dio vi e’ differenza di peccato, sia esso grande o piccolo sempre di peccato si tratta, o no?!SOLO ed esclusivamente attraverso il sangue di Gesu’ , abbiamo accesso alla vita eterna,e se abbiamo preferito seguire Dio o l’uomo sulla terra. La decisione si prende qui su questa terra, Dopo e’ troppo tardI.vi auguro una buona notte. Non dire Padre … Non dire PADRE se ogni giorno non ti comporti da figlio.Non dire NOSTRO se vivi isolato nel tuo egoismo.Non dire CHE SEI NEI CIELI se pensi solo alle cose terrene.Non dire SIA SANTIFICATO IL TUO NOME se non lo onori.Non dire VENGA IL TUO REGNO se pensi solo al successo materiale.Non dire SIA FATTA LA TUA VOLONTA’ se non l’accetti quando è dolorosa.Non dire DACCI OGGI IL NOSTRO PANE QUOTIDIANO se non ti preoccupi di chi ha fameNon dire PERDONA I NOSTRI DEBITI se conservi un rancore verso tuo fratello.Non dire NON ESPORCI ALLA TENTAZIONE se hai intenzione di continuare a peccare.Non dire LIBERACI DAL MALE se non prendi posizione contro il male.Non dire AMEN se non prendi sul serio le parole del Padre Nostro.

  82. Daniela says:

    No non sono a corto di parole ……………ho rispetto per la parola di DIO,per le BUGIE e i luoghi immaginari NO.Notteeeeeeee

  83. Daniela says:

    Ettore:17 Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare ETTORE, ma perché ETTORE sia salvato per mezzo di lui. 18 se ETTORE crede in lui non è giudicato; SE ETTORE non crede è già giudicato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio. 19 Il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo e gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie. 20 Perché chiunque fa cose malvagie odia la luce e non viene alla luce, affinché le sue opere non siano scoperte; 21 ma chi mette in pratica la verità viene alla luce, affinché le sue opere siano manifestate, perché sono fatte in Dio».la salvezza è perfetta,ma se uno non crede inGesù è già giudicato la luce è venuta nel mondo e gli uomini hanno preferito le tenebre .Se sei degno della salvezza è un dono di DIO,gli uomini da soli non possono salvarsi ,è solo un dono di DIO,è una grazia.Cristo ha dato la sua vita per in peccati del suo popolo (Gal. 1:4),per tutti i peccati;davanti a DIo non c’è colpa minore o maggiore ,Lui è DIO,ed è morto per noi.BUONA NOTTE ETTORE,DIO TI BENEDICA E GUIDI IL TUO CUORE.

  84. enza says:

    Scusami Ettore il ladrone sulla croce era perfetto?Era un malfattore,aveva appena espresso la sua fede che Gesù gli disse :oggi sarai con me in paradiso.Ettore siamo salvati per il favore di Dio, senza il merito della nostra buona condotta.Quando credi in Gesù divieni figlio di Dio e tale resti anche se non sei perfetto perchè il Padre ti vede attraverso il sangue di Gesù che ti purifica da ogni peccato.Figlioletti vi scrivo affinchè non pecchiate ma se qualcuno ha peccato noi abbiamo un avvocato presso il Padre , Gesù Cristo il giusto, egli è la propiziazione dei nostri peccati e non solo dei nostri ma anche quelli di tutto il mondo.1Giovanni 2:1-2Nuit!

  85. Daniela says:

    Questo è il mio sangue, il sangue del nuovo patto che è sparso per molti per il perdono dei peccati.(Matteo 26:28)Badate dunque a voi stessi e a tutto il gregge in mezzo al quale lo Spirito Santo vi ha costituiti vescovi, per pascere la chiesa di Dio, che egli ha acquistata col proprio sangue.(Atti 20:28) Gesù ha acquistata la Chiesa col Suo sangue. Lui ha Dio preordinato per far l’espiazione mediante la fede nel suo sangue, per dimostrare così la sua giustizia per il perdono dei peccati, che sono stati precedentemente commessi durante il tempo della pazienza di Dio.(Romani 3:25) Abbiamo la redenzione per mezzo del suo sangue, il perdono dei peccati secondo le ricchezze della sua grazia,(Efesini 1:7) Ottengo la redenzione per mezzo del Suo sangue. Abbiamo la redenzione per mezzo del suo sangue e il perdono dei peccati.(Colossesi 1:14) Ottengo il perdono dei peccato per mezzo del Suo sangue. In Cristo Gesù, voi che un tempo eravate lontani, siete stati avvicinati per mezzo del sangue di Cristo.(Efesini 2:13) Il sangue di Cristo mi avvicina a Dio. Avendo fatta la pace per mezzo del sangue della sua croce.(Colossesi 1:20) Il sangue di Cristo, che mediante lo Spirito eterno offerse se stesso puro di ogni colpa a Dio, purificherà la vostra coscienza dalle opere morte per servire il Dio vivente!(Ebrei 9:14)Gesù, per santificare il popolo con il proprio sangue, ha sofferto fuori della porta.(Ebrei 13:12)Non con cose corruttibili, con argento o con oro, siete stati riscattati dal vano modo di vivere tramandatovi dai vostri padri,ma col prezioso sangue di Cristo, come di Agnello senza difetto e senza macchia.(1 Pietro 1:18-19)Se camminiamo nella luce, come egli è nella luce, abbiamo comunione gli uni con gli altri, e il sangue di Gesù Cristo, suo Figlio, ci purifica da ogni peccato.(1 Giovanni 1:7Sono quelli che vengono dalla grande tribolazione. Essi hanno lavato le loro vesti, e le hanno imbiancate nel sangue dell’Agnello.(Apocalisse 7:14) Nella grande tribolazione e il sangue dell’Agnello ci purifica. Essi lo hanno (Satana) vinto per mezzo del sangue dell’Agnello, e con la parola della loro testimonianza. E non hanno amato la loro vita, anzi l’hanno esposta alla morte.(Apocalisse 12:11)

  86. Ettore says:

    Il ladrone si pente prima di morire, e prima di morire chiede perdono di tutta la sua vita. In questo divenne perfetto.

  87. Miriam says:

    Esatto Ettore. Ed in questo è il miracolo della GRAZIA…..la grazia perfetta che rende belle le cose brutte e che non ha logica umana ma divina….è solo attraverso questa GRAZIA che possiamo essere da subito ricongiunti con Dio e con il Suo Spirito….non vi è altro modo per espiare nostri i peccati e pagare le nostre innumerevoli colpe, se non accettare x GRAZIA il SACRIFICIO CHE GESU’ HA COMPIUTO AL POSTO DI OGNUNO DI NOI MORENDO IN CROCE….proprio come ha fatto in un attimo il ladrone, PUò FARLO OGNUNO DI NOI….ALLO STESSO MODO!!

  88. Miriam says:

    P.S.: Provare x credere ….. 😀

  89. Davide says:

    Concordo con Ettore. Non solo riguardo al "buon ladrone". Anche e soprattutto per ciò che concerne la menzione delle anime degne di salvezza ma ancora imperfette a causa del peccato. Ho letto troppe volte anatemi con cui si predica l’inferno a qualcuno.Dio è perfetto. Soprattutto, è molto più benevolente verso gli esseri umani di quanto gli stessi potranno mai immaginare. Chi non comprende questo davvero sbaglia di molto. Chi promette l’inferno al proprio fratello veramente dovrebbe leggere Matteo, 18, 15-17. E riconsiderare le proprie posizioni.Davide

  90. ESTER says:

    Dio è perfetto. Soprattutto, è molto più benevolente verso gli esseri umani di quanto gli stessi potranno mai immaginare. Chi non comprende questo davvero sbaglia di molto. Esatto DIO ha tanto amato il mondo che ha mandato il suo figlio affinche’ nessuno perisca ma abbia vita eterna.Il piano di salvezza e’ perfetto, non manca di nulla, bisogna avere la fede in Gesu’ Cristo, essere lavati col sangue di Gesu’ e nascere a nuova vita(spiritualmente, vedi Nicodemo).Nessuno promette l’inferno e neanche il purgatorio.

  91. Miriam says:

    E di grazia Davide…..ki avrebbe promesso l’inferno al proprio fratello?Poi ….nulla da dire sulla grazia?? Ke ne pensi? Cos’è per te…..l’hai mai provata?

  92. Davide says:

    Miriam: il discorso sugli anatemi lanciati da chi predica l’inferno era generale. Piuttosto invece: tu hai mai provato la benevolenza di Dio ed il suo amore per i peccatori?CiaoDavide

  93. Davide says:

    PS «Anche noi che siamo qui, abbiamo gli stessi sentimenti; noi siamo oggetti da parte di Dio di un amore intramontabile. Sappiamo: ha sempre gli occhi aperti su di noi, anche quando sembra ci sia notte. E’ papà; più ancora è madre. Non vuol farci del male; vuol farci solo del bene, a tutti. I figlioli, se per caso sono malati, hanno un titolo di più per essere amati dalla mamma. E anche noi se per caso siamo malati di cattiveria, fuori di strada, abbiamo un titolo di più per essere amati dal Signore.» – Albino Luciani (Giovanni Paolo I)DG

  94. Miriam says:

    Davide …. ma xkè rispondi alla mia domanda con un’altra domanda?La GRAZIA di cui ti ho parlato puoi identificarla con la BENEVOLENZA DI DIO per tutti i peccatori ME e te inclusi!!COME NE HA USUFRUITO IL LADRONE SULLA CROCE , POSSIAMO USUFRUIRNE ANKE IO E TE SU QUESTA TERRA….ALTRIMENTI IL SACRIFICIO E LA RESURREZIONE DI Gesù SAREBBERO STATI VANI!Ed è questa la rivelazione personale di cui parlo quando dico che si deve e si può avere un rapporto personale con Dio….è Dio stesso che ci mostra la Sua Grazia in questo, che mentre eravamo peccatori Egli è morto per noi…. per darci vita e vita ad esuberanza!!

  95. ciro says:

    PACE , DOPO UN PO MI FACCIO VIVO . DIO ODIA IL PACCATO E AMA IL PECCATORE, CIO NON CI AUTORIZZA SOLO PERCHE’ DIO CI AMA A RIMANERE NEL PECCATO. PER ENTRARE NEL REGNO DEI CIELI BISOGNA CHE CI PURIFIGNIAMO QUA SULLA TERRA . UNO NON VA AD UN MATRIMONIO CON UN ABITO SPORCO , PARTE GIA DA CASA CON L ‘ABITO PULITO , QUINDI UNA VOLTA PASSATA QUESTA VITA BISOGNA ESSERE PURI D ‘AVANTI AGLI OCCHI DELL ‘ETERNO. NON VI SONO VIE DI MEZZO : O INFERNO O PARADISO , ALTRIMENTI COL FATTO DELLE MESSE IN SUFFRAGIO PASEREBBE IN PARADISO SOLO CHI HA SOLDI.DIO CI DA UNA VITA INTERA PER RENDERCI PURI E NOI ASPETTIAMO DI MORIRE PER PURIFICARCI !!! NON SAPPIAMO NE L ‘ORA NE IL MOMENTO IN CUI VERRA’ A PRENDERCI . IO CONSIGLIEREI A TUTTI NOI DI PREOCCUPARCI DI TENERE L ‘ABITO PULITO ALTRIMENTI AL BANCHETTO DI DIO NON SAREMO GRADITI . VI SALUTO E VI AUGURO BUON FINE SETTIMANA . DIO VI BENEDICA E AMIAMOCI CON CUORE PURO DIO LO GRADIRA’.PACE

  96. Davide says:

    Miriam: tu mi hai fatto una domada personale. Ho preferito risponderti in linea generale. Del resto mi sembra che la risposta sia ovvia – comunque nessuno ha mai messo in dubbio il valore di Passione, morte, Resurrezione di Cristo.Un saluto,DG

  97. Daniela says:

    Il sangue di Cristo, che mediante lo Spirito eterno offerse se stesso puro di ogni colpa a Dio, purificherà la vostra coscienza dalle opere morte per servire il Dio vivente!(Ebrei 9:14)

  98. Miriam says:

    Davide una domanda personale???Ma allora di cosa stiamo parlando di cose "per sentito dire" o di "esperienze personali"??Cosa c’è di più bello e strepitoso da raccontare se non la GRAZIA ricevuta da Dio in dono….si in dono ! Come un bimbo appena nato riceve amore dai suoi genitori senza chiederlo e vive grazie a questo amore disinteressato che lo circonda…. è questo il mistero della GRAZIA di Dio –> È per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù di opere, affinché nessuno se ne vanti. (Efesini 2:8)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: