L’idolatria e le immagini

 

I Protestanti invece, lo accennammo nello scorso intervento, accusano spesso la Chiesa cattolica di idolatria. In realtà anche loro guardano all’arte sacra come a qualcosa di sbagliato. L’errore comune, a riguardo, è la credenza che il divieto di immagini del Comandamento colpisca solo le immagini “sacre” e non tutte le immagini. Abbiamo assistito anche a tentativi di distorsione del Comandamento, ipotizzando la nascita dell’aniconismo ebraico come una sorta di errore di interpretazione o peggio di grammatica. In realtà la lettera e il senso del Comandamento sono chiarissimi: è proibito farsi idoli, è proibito farsi immagini “di lassù e di quaggiù”. Adesso la proibizione è indipendente dal resto del periodo “…non li servirai…” poiché il divieto di farsi idoli è categorico, a prescindere dal fatto se poi si presti culto ad essi o meno. Allo stesso modo il divieto colpisce le immagini, tutte le immagini anche perché allora il riferimento ad esse sarebbe stato ininfluente, nel caso sarebbe bastato parlare degli idoli. Il Comandamento non fa nessun riferimento a immagini di tipo religioso, e la proibizione vale come per gli idoli: a prescindere dall’uso che se ne voglia fare. Il senso del Comandamento lo spiegò bene Mosè:

Poiché dunque non vedeste alcuna figura, quando il Signore vi parlò sull`Oreb dal fuoco, state bene in guardia per la vostra vita, 16 perché non vi corrompiate e non vi facciate l`immagine scolpita di qualche idolo, la figura di maschio o femmina, 17 la figura di qualunque animale, la figura di un uccello che vola nei cieli, 18 la figura di una bestia che striscia sul suolo, la figura di un pesce che vive nelle acque sotto la terra; 19 perché, alzando gli occhi al cielo e vedendo il sole, la luna, le stelle, tutto l`esercito del cielo, tu non sia trascinato a prostrarti davanti a quelle cose e a servirle; cose che il Signore tuo Dio ha abbandonato in sorte a tutti i popoli che sono sotto tutti i cieli.(Deuteronomio 4, 15-19)

Invece un cristiano potrebbe ben dire di avere visto una figura quando il Signore parlava, per questo si tratta di un’applicazione non più necessaria: per l’arte sacra come per le normali immagini. Dal passo sopra riportato, si evince non solo lo spirito profondo del divieto ma anche che Mosè sembra non fare alcuna differenza fra idoli e immagini. Né fra immagini lecite e illecite, la figura di un qualunque animale potrebbe anche essere semplicemente artistica ma è questo un caso che non viene proprio contemplato (tanto grave era il rischio di farne poi un idolo…). È vero che poi nella stessa cultura ebraica si sono alternate interpretazioni più e meno rigide, con compromessi che permettevano l’uso di immagini che alludessero solo a Dio (senza rappresentarlo). In alcuni periodi il divieto venne limitato alla scultura e in altri esteso anche alle altre espressioni artistiche. Ad ogni modo resta il fatto che l’arte ebraica si differenzia, come in molte cose, da quella degli altri popoli. Se avessimo potuto visitare il Tempio di Gerusalemme difficilmente avremmo trovato un busto di Mosè o un ritratto di Giosuè, perché questi tipi di arte figurativa non erano ben visti (pur non volendo rappresentare Dio). Quando una cultura non può fare che scarso  o nessuno affidamento alle immagini, di solito, si accentuano altri aspetti come l’imponenza architettonica. È, per esempio, quello che accade ancora oggi con l’aniconismo islamico. Una cosa del genere dovette valere anche per gli Ebrei, un segno di questo lo si può scorgere anche nei Vangeli quando un discepolo disse “Maestro, guarda che pietre e che costruzioni!” (Marco 13,1). Quindi l’arte figurativa ebraica fu molto limitata dal divieto di farsi immagini, anche se questa può non essere l’unica causa di questo scarso sviluppo. In ogni caso le rare (sembra) immagini che si trovano nell’arte ebraica sono il frutto di un compromesso che una dottrina, come quella protestante, che si vuole così legata alla Scrittura non dovrebbe mai accettare. Né certa teologia protestante sembra in grado di adottare una riflessione, quale quella che abbiamo presentato nello scorso intervento, basato sul superamento della Legge ad opera della Grazia. Abbiamo già spiegato, in questo e nel precedente intervento, perché un cristiano può considerare superata dalla Grazia l’applicazione di quel comandamento. Eppure non abbiamo trovato ancora nessuna spiegazione convincente, da parte protestante, riguardo l’uso delle immagini profane (che anch’essi fanno) visto che il Comandamento dice di non farsi “immagine alcuna” e, a scanso di equivoci, distingue appositamente fra idoli e immagini di ogni tipo, vietandoli entrambi.

L’accusa di idolatria, dovuta all’uso di immagini sacre, è infondata perché l’idolo è un falso dio, come il vitello d’oro. Una statua di Cristo invece non è un idolo, perché Cristo è vero Dio. Il pericolo dell’idolatria sussiste ancora, ma accostare l’idolatria all’arte sacra è un errore. Le immagini hanno una funzione semplicemente psicologica e didattica, si può parlare di idolatria solo se vengono adorati gli oggetti in sé (come, ancora una volta, il vitello d’oro). Solo se le immagini subiscono una sorta di processo di personificazione. Se questo non accade, l’idolatria non c’entra. Anche perché è chiaro che si adora quello che la statua rappresenta, non la statua. Se si adora Cristo, si adora Dio: quindi nessun idolo. Le raffigurazioni non sono indispensabili, sono puramente opzionali. Di solito vengono usati due passi contro queste argomentazioni, li riportiamo:

" Essendo dunque discendenza di Dio, non dobbiamo credere che la divinità sia simile a oro, ad argento, o a pietra scolpita dall’arte dall’immaginazione umana” (Atti 17, 29)

“Mentre si dichiaravano sapienti, sono diventati stolti  e hanno cambiato la gloria dell’incorruttibile Dio con l’immagine e la figura dell’uomo corruttibile, di uccelli, di quadrupedi e di rettili.”(Rom 1, 22)

La prima cosa da far notare è che entrambi i passi sono ben lungi dall’affrontare il problema della liceità delle raffigurazioni di Cristo. Infatti entrambi sono tratti da discorsi rivolti a pagani, riguardo l’idolatria. Prendiamo ancora una volta come modello il vitello d’oro. Di cosa si tratta? Si tratta di un oggetto fabbricato dall’uomo e da esso spacciato per Dio o per un dio. In questa ottica il vitello d’oro è dio, cioè quell’oggetto è dio. Allora ecco gli errori dai quali ci mettono in guardia i due passi paolini. Il primo sta nel credere che un oggetto sia dio e che quindi Dio sia simile all’oro o ad altro materiale (o che, infine, vi sia composto di essi); il secondo consiste nel dare a Dio una figura animale, dando così della bestia a Dio. Riguardo la figura dell’uomo corruttibile, Paolo allude invece ad una confusione simile a quella appena descritta, solo che al posto di un animale c’è un uomo. Ovvero come quando si commette l’errore di prendere un animale per Dio, allo stesso modo si può scambiare un uomo (corruttibile) per Dio. Converrete che le descrizioni dell’idolo che danno i due passi paolini, si applicano perfettamente al vitello d’oro. Proviamo adesso ad applicarli alla maestosa Pietà di Michelangelo, scolpita nel marmo. È questa un’opera che voglia forse insinuare che Dio sia fatto di marmo? Quella raffigurazione di Cristo ha forse la pretesa di essere Cristo? E Cristo è forse un uomo erroneamente scambiato per Dio riducendo questo ultimo alla figura di un uomo corruttibile? Se la risposta di queste domande è sempre negativa e se, quindi, il paragone fra il vitello d’oro (dio fatto d’oro nella figura di un animale) e la Pietà non regge allora, forse, stiamo parlando di cose diverse. Forse perché il primo è un idolo, il secondo un’innocente raffigurazione. La quale può spingere alla riflessione su quel mistero un credente, ma forse anche un non credente che magari non ci si sarebbe mai soffermato. E se la qual cose dovesse avvenire e sfociare poi in una preghiera, questa (anche se fatta ancora nella contemplazione di quell’opera) non sarà indirizzata a quel Cristo di marmo ma al vero Cristo (esattamente come se quel marmo non ci fosse). L’arte sacra non offende Dio. L’espressione artistica è uno dei prodotti più incredibili dell’intelligenza umana, un dono di Dio. Come tutte le cose, va usata bene; ma non sarebbe saggio privarcene per qualche cavillo letterale. Davvero vogliamo mettere sullo stesso livello queste due cose?

 

                             pieta_michelangelo                Vitello

 

Questo per quanto concerne l’accusa di idolatria dovuta alle immagini sacre. In realtà esiste un fronte ancora più vasto: l’accusa di idolatria indipendente dall’uso di immagini e dovuto, essenzialmente, al culto mariano. Lo vedremo, nei prossimi interventi.

 

Annunci

85 Responses to L’idolatria e le immagini

  1. Daniela says:

    vedo ke la frase ancora non ti è chiara:Mentre si dichiaravano sapienti, sono diventati stolti  e hanno cambiato la gloria dell’incorruttibile Dio con l’immagine e la figura dell’uomo corruttibile, di uccelli, di quadrupedi e di rettili.”(Rom 1, 22) Dio incorrutibile:Gesùimmagine di uomo corruttible:……………conosci Gesù personalmente?quindi non è Gesù.l’italiano è 1 cosa,fare finta di non capire però una frase dal senso semplicissimo,mi sembra mettersi i paraocchi.

  2. Daniela says:

    scusa ho riletto il post,se non metti sullo stesso livello le due cose ,come ti poni verso quello ke viene fatto con 1 immagine "sacra"?2 statue che girano per il paese a raccogliere i soldi per pagare 1 festa(si vede nel video),poi se leggi qui
    http://it.wikipedia.org/wiki/Baccanale se nè comprendono le origini..allora qual’è il modo in cui ti poni davanti a questo?è arte?O voler fare del profano qualcosa di "sacro"?

  3. ஜRosa says:

    si se preghiamo davanti un crocifisso
    preghiamo dio…
    nn un idolo…
    se preghiamo l’imm di un santo
    ci ricordiamo che grazie a lui abbiamo l’intercessione presso dio…
    o sbaglio? queste sn le mie modeste impressioni…
    un caro saluto rosa

    • bobbi bobba says:

      esiste un solo essere che può intercedere per noi presso Dio ed è suo figlio Cristo.Il resto sono solo statue di marmo che rappresentano persone morte che aspettano di resuscitare.per altri riferimenti leggere la bibbia

  4. Miriam says:

    Mi dispiace Ettore, ti sbagli, i CRISTIANI, distinguono ( o per lo meno dovrebbero distinguere ) perfettamente un’OPERA D’ARTE da un IDOLO  infatti nell’ESODO è scritto chiaramente che l’ARTE è un DONO DI DIO AL SUO POPOLO : ESODO 35: 30 Mosè disse agli Israeliti: «Vedete, il Signore ha chiamato per nome Bezaleel, figlio di Uri, figlio di Cur, della tribù di Giuda. 31 L’ha riempito dello spirito di Dio, perché egli abbia saggezza, intelligenza e scienza in ogni genere di lavoro, 32 per concepire progetti e realizzarli in oro, argento, rame, 33 per intagliare le pietre da incastonare, per scolpire il legno e compiere ogni sorta di lavoro ingegnoso. 34 Gli ha anche messo nel cuore il dono di insegnare e così anche ha fatto con Ooliab, figlio di Achisamach, della tribù di Dan. 35 Li ha riempiti di saggezza per compiere ogni genere di lavoro d’intagliatore, di disegnatore, di ricamatore in porpora viola, in porpora rossa, in scarlatto e in bisso, e di tessitore: capaci di realizzare ogni sorta di lavoro e ideatori di progetti»………………QUI SI PARLA DI ARTE  o mi sbaglio???

  5. Daniela says:

    l’arte non ha niente a che fare con l’idolatria.Quello ke tendenzialmente non capisco è se l’uso di tali immagini in deteminati modi sia da definirsi "Cristiano".http://www.youtube.com/watch?v=LUqAQUKDzwI&feature=related <—–guardalo il video,a me sà di baccanale…

  6. Miriam says:

    Scusami Ettore….ma quando eri piccolo ci andavi al catechismo? …..no vedi xkè hai fatto un grosso errore proprio qui:
    –> Adesso la proibizione è indipendente dal resto del periodo “…non li servirai…” poiché il divieto di farsi idoli è categorico, a prescindere dal fatto se poi si presti culto ad essi o meno. Allo stesso modo il divieto colpisce le immagini, tutte le immagini anche perché allora il riferimento ad esse sarebbe stato ininfluente, nel caso sarebbe bastato parlare degli idoli.
    Se è vero tutto quello che hai scritto in questo POST, mi spieghi come mai il catechismo nel commento al comandamento che citi dice così??
    –> http://www.vatican.va/archive/ITA0014/_P7A.HTM

  7. sabatino says:

    vedi Ettore la legge dici di lapidare le adultere perchè tu non lo fai??
    la legge dice di rispettare il sabato perchè tu non lo fai?
    la legge dice "occhio per occhio e dente per dente" perchè non lo fai?
    la legge permette di avere delle concubine perchè tu non lo fai?
    la legge dice che è possibile ammazzare coloro che non hanno il tuo stesso credo perchè non lo fai?
     
    ———–  leggi la bibbia ( col vocabolario ) e troverai la verita (???????) ———————
     
    Noi Cristiani abbiamo una legge da rispettare : "ama il Signore tuo Dio ed ama il prossimo tuo come te stesso"!!! Le feste religiose che nascono per soppiantare quelle pagane servono solo ad esaltare le virtù di uomini e donne che hanno dedicato a Gesù la loro vita e sono di esempio a noi uomini pellegrini sulla terra e che ora guardano Gesù nel volto e ci parlano a tu per tu perchè vedono perfettamente mentre noi vediamo ancora "come in uno specchio"!
     

  8. Miriam says:

    Scusa Sabatino, non te la prendere con me, è LA TUA RELIGIONE che commenta con la legge che a te non piace un comandamento di cui stiamo parlando –> COPIO E INCOLLO DAL LINK http://www.vatican.va/archive/ITA0014/__P7A.HTM

    IL PRIMO COMANDAMENTO
    Io sono il Signore, tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla condizione di schiavitù; non avrai altri dei di fronte a me. Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo, né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai ( ⇒ Es 20,2-5 ) [Cf ⇒ Dt 5,6-9 ].
    Sta scritto: “Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto” ( ⇒ Mt 4,10 ).M  <– <– <–
    Xkè te la prendi con me………….mica l’ho scritto io il catechismo!!? …..
    X quanto riguarda la legge dell’AMORE E I CULTI PAGANI a cui fai riferimento, anke li puoi ben vedere che il CATECHISMO non è d’accordo con te……..ma ancora una volta non è colpa ne MIA ne del VOCABOLARIO 😉
     

  9. Daniela says:

    le feste religiose nascono per soppiantare quelle pagane è storia,mi dispiace Sabatino
    http://it.wikipedia.org/wiki/Baccanale  buona letturase credi tutte le cose ke elenki,ti consiglio 1 buona lettura del nuovo testamento,sempre ke abbia valore per te.

  10. Ettore says:

     
    Per Miriam
     
    Forse non hai letto bene il mio post, io non ho detto che il Comandamento vietava l’arte. Altrimenti non avrei parlato di arte ebraica, perchè questa non sarebbe dovuta esistere. Ci sono molti tipi di arte e il Comandameno ne colpise alcune. L’arte ebraica usava le decorazioni, e quindi pietre incastonate, legno, teli colorati ecc ecc…Riguardo il catechismo devi cercare di essere pù chiara, non si capisce che vuoi dire.

  11. Ettore says:

     
    Per Daniela
     
    Quindi se io avessi conosciuto Gesù, avrei potuto rappresentarlo? Cos’è un comandamento a tempo? I contemporanei di Gesù avrebbero potuto fargli un ritratto, tutti quelli successivi no…Il vero problema non è come mi pongo io con le feste religiose, è come ti poni tu con il passo del Deuternomio che ho riportato. Gli Ebrei non videro alcuna figura quando Dio parlava, i Cristiani invece videro un uomo in carne e ossa. Se tu neghi questo, sei tu che neghi la Scrittura e non io. Se quel "poichè" iniziale di Mosè è venuto meno col Cristianesimo prenditela con Dio che ha avuto quell’idea folle di incarnarsi 😉
    Siete tu e Miriam che dovete spiegare perchè fate uso di immagini quando il comandamento vieta di farsi "immagine alcuna". Non dovete spiegare perchè l’arte non è vietata ed è distinta dall’idolatria (com’è vero), ma perchè usate immagini. Non lo dic polemicamente ma per curiosità. Io uso tutti i tipi di immagini e ne ho spiegato, credo, il perchè.
    Riguardo le feste religiose sono d’accordo col commento di Zel nel tuo post, siete voi che esagerate. Secondo me c’è troppo moralismo se si arriva addiritura a non festeggiare il natale. E’ poi opinione comune che tutte le feste cristiane siano delle feste pagane rimaneggiate, io ovviamente so che non è così. Prima di tutto perchè i pagani avevano un sacco di feste ed è quindi inevitabile che vi siano sovrapposte alcune feste cristiane. Che il Natale coincida con questa o quella festa pagana può essere una pura coincidenza. Poi per altre feste è chiaro che la gente vuol festeggiare, abolite quelle pagane si sono inserite quelle cristiane che magari a volte hanno ereditato delle modalità millenarie. Ma questo non vuol dire che siano pagane. Vedo solo un simpatico spettacolo popolare con delle statue che sfilano.

  12. Miriam says:

    Cerco di essere + chiara:
    Quando dici à “Abbiamo già spiegato, in questo e nel precedente intervento, perché un cristiano può considerare superata dalla Grazia l’applicazione di quel comandamento.”…………..per caso di riferisci al comandamento che il CATECHISMO CATTOLICO STESSO commenta con le parole di Gesù che ti ho citato + volte? : http://www.vatican.va/archive/ITA0014/_P7A.HTM

  13. Ettore says:

     
    No, mi riferisco alla seconda parte del comandamento che vieta di farsi "immagine alcuna". Un cristiano può fare uso di immagini di ogni tipo esattamente come non è più tenuto alla circoncisione ecc ecc…Perchè, come ho detto anche a Daniela, col Cristianesimo è venuto meno quel "poichè" iniziale di Mosè che rendeva necessario quel divieto. Gli idoli sono sempre vietati, ma la Pietà non è idolo. Sul passo di Gesù riguardo il culto parlerò nel prossimo intervento 🙂

  14. Daniela says:

    penso ke tu stia giocando al gatto al topo aggirando l’ostacolo del rendere culto a ki,quindi se vuoi essere serio si serio,e non dire tutto e il contrario di tutto.della circoncisione si parla abbondantemente nel nuovo testamento,ma di abrogare questo http://www.vatican.va/archive/ITA0014/_P7A.HTM no come mai?

  15. Ettore says:

     
    Sì, ma perchè non ne ha parlato Gesù? Perchè Gesù non ha potuto affrontare tutti i problemi possibili e immaginabili. Quello della circoncisione è un problema che si è posto dopo e che la Chiesa ha dovuto risolvere in virtù dell’autorita che Cristo le ha dato apposta. Se Gesù non ha potuto parlare di tutto, figuriamoci se Paolo e il Nuovo Testamento hanno potuto farlo. Il fatto è che la storia va avanti e andando avanti si presentano e si presenteranno sempre nuovi problemi teologici e non, la soluzione dei quali non si potrà trovare nella Bibbia. Nella Bibbia troveremo la strada e solo leggendola come Cristo ci ha insegnato. La soluzione del problema della circoncisione Paolo non l’ha trovata nella Scrittura, l’ha trovata tramite essa leggendola alla luce della Grazia. L’esempio della circoncisione serve per far capire il ragionamento di Paolo, che può essere applicato anche ad altre cose. Chi ha fatto trenta può far trentuno…

  16. Daniela says:

    queste sono le feste ke per "caso sono di origini pagane,la lista si allunga farò 1 ricerca intanto leggi le casualità…carnevale  http://it.wikipedia.org/wiki/Carnevalenatale  http://it.wikipedia.org/wiki/Nataletutti i santi e hallowen http://it.wikipedia.org/wiki/Halloweenprocessioni  http://it.wikipedia.org/wiki/Baccanaleio mi farei 2 pensieri forse Dio approva anke questo? Dare attenzione a tutto tranne ke a lui e oltretutto fare culto e venerazione a altri?oltre tutto il catechismo dice:http://www.vatican.va/archive/ITA0014/_P7A.HTM,come facciamo?

  17. Daniela says:

    si ma Gesù disse:
    Sta scritto: “Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto” ( ⇒ Mt 4,10 ).se hai fatto trentuno vediamo dove lo dice la bibbia.
     

  18. Daniela says:

    Paolo trovò la soluzione alla circoncisione perchè sapeva ke essa rappresentava il patto tra israele e DIO.Quando Gesù è venuto a dare la sua vita x noi ha allargato la Grazia anke ai gentili (ke saremmo noi),quindi avere la superbia di rigettare la dottrina ebrea,è fuoriluogo poikè DIo è kiamato DIO D’israele,quindi aggiungere alla dottrina ogni cosa ke ci passa per il cuore e dire ke la kiesa cattolica è la kiesa di Cristo,è azzardato ,perkè si praticano cose ke Dio disapprovvava per Israele,e non penso ke Dio si adegui ai tempi quindi se disse:Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto”Deuteronomio 12:32 ",e poi ridiceSta scritto: “Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto” ( ⇒ Mt 4,10 ),Non capisco puoi spiegarmi bene quando si sarebbe cancellato il comandamento….???

  19. Miriam says:

    Mi dispiace Ettore, non capisco cosa tu voglia dire. Gesù ha sempre esplicitamente affrontato i problemi della legge chiamandoli per nome e provvedendo alla loro modifica e al loro completmento personalmente! Vedi il sermone sul monte per esempio! Ha citato tutti i "tasti + dolenti"e li ha conformati alla nuova visione EVANGELICA…… xkè allora mi dici che la cosa non vale x il comandamento in questione? Dove e quando Gesù lo avrebbe completato o modifivato? Quando ha detto –> Sta scritto: “Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto” ( ⇒ Mt 4,10 ) cosa intendeva dire veramente?

  20. sabatino says:

    Parlare agli estremisti che credono di avere la verità in pugno è come urlare ad un uragano: inutile!

  21. Miriam says:

    ahhhhhhh……… come hai ragione Sabatino!! Solo un’organizzazone religiosa che ritiene di essere LA VERA CHIESA riesce ad a rendere così ESTREMI tutti i tentativi di difesa nei suoi confronti!E’ da asserzioni tali che nascono gli ESTREMISTI RELIGIOSI –>"LA CHIESA CATTOLICA APOSTOLICA ROMANA è LA VERA CHIESA!! Più estremista dicosì ….. come hai ragione!! 
    La libertà di pensiero è un grande dono che dobbiamo difendere con tutte le nostre forze per essere dei cristiani consapevoli di ciò che Dio vuole per la nostra vita……….”L’uomo è nemico di ciò che ignora; diffondi una cultura, renderai un popolo familiare all’altro” ………………..

  22. Daniela says:

    SAbatino sai,nvece Gesù disse ke avrebbe guidato i suoi figli di verità in verità, e ke non sarebbero stati confusi,anke "1 ESTREMISTA",scontrandosi con la sapienza di DIO ke viene dall’alto, viene  ridotto a niente,xkè DIO é DIO,e nessuno può nnt contro la sua parola.

  23. Ettore says:

     
    Forse è un pò estremista anche darmi del pagano-idolatra perchè mi permetto di dire che la Pietà di Michelangelo è cosa altra dal vitello d’oro, forse è un pò estremista minacciarmi continuamente per questo delle pene dell’inferno se mi ostino a non darvi ragione. Daniela, se io perderò l’eredità come tu ha profetizzato…beh questo lascialo giudicare a Dio che penso sia il suo mestiere. E quandanche io fossi in errore questo non ti autorizza a giudicare gli altri al posto di Dio con toni apocalittici, lo insegna la parabola del Buon Samaritano che pur non avendo la verità completa (perchè la verità è giudea) fa la volontà di Dio rispetto agli altri (per dire).
     
    Per Daniela
     
    Riguardo le feste per me resta tutta una considerazione moto ingenua. Sembra che non si possa fare niente se non lo dice la Bibbia. Io festeggio il compleanno e l’onomastico, pur sapendo di non avere cominciato ad esistere nel giorno in cui sono nato. Ma è una convenzione e lo stesso ringrazio Dio, Lui non ha ordinato di festeggiare il compleanno ma non credo che questo lo offenda. E se venisse fuori che pure i pagani facevano una cosa del genere? Non mi importa affatto. Quando il paganesimo è finito sono venute meno anche le sue feste, allora ad esse si sono sostituite feste cristiane: e con questo?
    Dio si adegua ai tempi? Certo. Se non lo facesse non potrebbe comunicare con l’uomo, basta leggere la Bibbia per capirlo. La Bibbia contiene cose che poi Gesù ha dovuto correggere, Dio ha permesso che quelle cose sussistessero fino a Gesù perchè l’uomo non era ancora pronto per accettare tutta la verità. Nella storia della salvezza Dio educa il suo popolo come un bambino, e quando tu educhi un bambino devi per forza adeguarti di volta in volta alla sua età. Ma un adulto non è più tenuto a seguire tutti i divieti che gli venivano imposti da piccolo. Cmq stavamo parlando delle immagini, del culto ho già detto che parlerò poi.

  24. Ettore says:

     
    Per Miriam
     
    Del culto parleremo in seguito, qui stavamo parlando della liceità delle immagini. Il passo che citi di Gesù ora non ci interessa, e non è quello che io ho considerato superato. Superato è il divieto delle immagini, Gesù non l’ha detto ma lo ha superato di fatto nel momento dell’Incarnazione. Quel divieto era dettato da quel "poichè" iniziale di Mosè riguardo l’assenza di una figura quando Dio parlava, ma con l’incarnazione abbiamo visto invece Dio in carne e ossa. Su questo vorrei sapere la tua opinione, se ti va…

  25. Miriam says:

    Hei…….mi sono persa qualche passaggio importante a quanto pare!!
    Quando ti hanno dato –> del pagano-idolatra perchè mi permetto di dire che la Pietà di Michelangelo è cosa altra dal vitello d’oro, forse è un pò estremista minacciarmi continuamente per questo delle pene dell’inferno se mi ostino a non darvi ragione<–
    …..non lo trovo nei commenti….lo hai già cancellato per caso?
     

  26. Daniela says:

    Caro Ettore,Dio è l’antico dei giorni,e io non ti ho parlato in termini apocalittici,ma con l’attualissima parola di DIO,che anke tu possiedi,ti abbiamo già detto ke a l’arte è 1 cosa e gli idoli 1 altra,ma siamo sempre lì tu giochi al gatto e al topo,xkè noi non ti abbiamo parlato di arte.però non mi hai risposto  questa è arte o religiosità o paganesimo  ——->  http://www.youtube.com/watch?v=LUqAQUKDzwI&feature=relatedio non ci trovo nnt di Cristiano,un cristiano è seguace di Cristo non di tutti i santi del calendario,a parte il fatto ke abbiamo accertato da dove vengano le processioni  ———> http://it.wikipedia.org/wiki/Baccanale ,e quindi visto ke un Cristiano deve ascoltare Cristo come ci mettiamo con il comandamento  “Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto” ( ⇒ Mt 4,10 ),visto ke la processione è 1 servizio reso alla statua,e si dice anke nella bibbia tu non le SERVIRAI??????quando è stato modificato il comandamento?????

  27. Ettore says:

     
    Naaaa…io non cancello quasi mai i commenti, non è il mio stile. I commenti a cui mi riferivo sono quelli nel blog di Daniela del 14 agosto, dove Akemi dice che io ho subito una sorta di lavaggio del cervello dai tempi dell’asilo per cui quello che dico non lo dico perchè magari, come tutti, ci rifletto sulle cose ma perchè sono un "inculcato". Poi Daniela ha fatto capire che se mi ostinerò a difendere una divinità che non è tale (la Madonna?) perderò l’eredità. Così come il vostro continuo insistere sul fatto che voi siete cristiani a dispetto di tutto il resto dei "religiosi" che di crisitano hanno poco o nulla visto che è tutto un paganesimo dall’arte sacra fino alle feste…quella di "religione" è l’unica etichetta che mi avete affibiato fino ad ora (mai, mi sembra, mi avete dato del cristiano) mente io, nonostante le nostre diversità, no ho mai nemmeno messo in dubbio che voi siate cristiane. chiarisco, però, che nulla di questo mi offende. Volevo solo far notare che anche le vostre posizioni sono forti e che di tanto in tanto nemmeno voi disdegnate i toni duri. Cose normali in una discussione…infondo.

  28. Ettore says:

     
    Per Daniela
     
    Avete parlato di arte eccome. Ma il problema è a monte. Se tu rispondi a questa domanda, io risponderò alla tua: Ma la Pietà è un idolo, sì o no? Se non chiariamo questo aspetto di fondo non troveremo mai un’intesa su feste, processioni e company.

  29. Miriam says:

    Scusa a quale "poichè " ti riferisci? Non riesco a seguirti….se mi chiarisci questo punto, per favore, mi aiuti a risponderti.

  30. Miriam says:

    ……..ahhhhhh ho capito, in effetti ti do ragione su questo! I toni duri non servono a nulla, tanto meno a rendere + verace un’affermazione! Comunque credo che un CRISTIANO in quanto tale, segua per definizione , unicamente gli insegnamenti indicati da CRISTO………….forse è questo che akemi e daniela volevano comunicarti, anke se hanno usato le MANIERE FORTI 😉 e io non concordo affatto 🙂

  31. Daniela says:

    cito:Così come il vostro continuo insistere sul fatto che voi siete cristiani a dispetto di tutto il resto dei "religiosi" che di crisitano hanno poco o nulla visto che è tutto un paganesimo dall’arte sacra fino alle feste…quella di "religione" è l’unica etichetta che mi avete affibiato fino ad ora …forse parliamo di questo xkè è questo ke continui a difendere a spada tratta no?religiosità ,etichette cattolica,ma nnt di biblico.può darsi ke tu vedi in me le maniere forti,ma la bibbia è categorica su tutto quello ke dice,e bisogna guardarla dall’inizio alla fine,e penso ke parlare del michelangelo sia solo un pretesto,bhè cosa penso?Michelangelo può dire ke quello sia Gesù ma per me non lo è,poi ci sono persone che nè fanno 1 idolo xkè magari si comprano la miniatura e ci pregano davanti,io vivo benissimosenza la pietà di michelangelo,soddisfatto?ora rispondi cortesemente:questa è arte o religiosità o paganesimo  ——->  http://www.youtube.com/watch?v=LUqAQUKDzwI&feature=relatedio non ci trovo nnt di Cristiano,un cristiano è seguace di Cristo non di tutti i santi del calendario,a parte il fatto ke abbiamo accertato da dove vengano le processioni  ———> http://it.wikipedia.org/wiki/Baccanale ,e quindi visto ke un Cristiano deve ascoltare Cristo come ci mettiamo con il comandamento  “Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto” ( ⇒ Mt 4,10 ),visto ke la processione è 1 servizio reso alla statua,e si dice anke nella bibbia tu non le SERVIRAI??????quando è stato modificato il comandamento?????

  32. sabatino says:

    L’albero buono si presenta dai frutti buoni: madre Teresa di Calcutta, Padre Pio da Pietralcina, Francesco d’Assisi, Giuseppe Moscati, Vincenzo Romano, Teresa d’Avila, e molti altri hanno abbracciato una fede e Dio li ha esaltati perchè così è piaciuto a lui !!!
    Chi siete voi per dire che sbagliavano??
    Chi siete voi per dire che sbaglio??
    L’interpretazione che do della Bibbia non mi accusa nè ho rimorsi sulla coscienza perchè so cosa prova il mio cuore!!!
    Trovo estremamente presuntuoso il vostro approccio, questo è quanto!!!

  33. cosimo says:

    Ma che confusione! Inanzitutto vorrei dire che io amo l’arte, dai dipinti alle sculture e non vedo cosa ci sia di male. Ma ammirare il capolavoro è una cosa, se invece di quell’opera ne facciamo un modello di adorazione prostrandoci, varchiamo il limite da ciò che è normale, a ciò che diventa trasgressione verso Dio. Parlo di quello che la bibbia (B.I.B.BI.A.) ci insegna; Da libro della genesi, al libro    dell’apocalisse il Signore cci parla di questo come di qualcosa che Egli odia. 2 soli esempi (Deutoronomio 4:16 Perchè non vi CORROMPIATE e vi facciate qualche immagine scolpita, nella forma di qualche figura di un UOMO o di una DONNA.   Apocalisse !9 :10 Allora io caddi ai suoi piadi per adorarlo. Ma egli mi disse: << Guardati dal farlo, io sono un conservo tuo e dei tuoi fratelli che hanno la testimonianza di Gesù. Adora Dio!  Be, io credo che se Giovanni fu richiamato da un angelo celeste, dichiarando che doveva adorare solo Dio, e doveva prostarsi solo davanti a Gesù..  ..tutto il resto non è nientaltro che bugia, falsità,  o dottrine di uomini, ma non da Dio.
    Un’altra cosa non sono le etichette che salvano ma l’osservanza della parola di Dio.   Gesù disse chi ascolta le mie parole e li mette in pratica, sarà un mio Discepolo. Io sono Evangelico. non necessito di nessun idolo qualunque esso sia.  —
    Sapeste quanto mi piacciono i dipinti, (l’impressionismo) in modo particolare.

  34. cosimo says:

    Ma che confusione! Inanzitutto vorrei dire che io amo l’arte, dai dipinti alle sculture e non vedo cosa ci sia di male. Ma ammirare il capolavoro è una cosa, se invece di quell’opera ne facciamo un modello di adorazione prostrandoci, varchiamo il limite da ciò che è normale, a ciò che diventa trasgressione verso Dio. Parlo di quello che la bibbia (B.I.B.BI.A.) ci insegna; Da libro della genesi, al libro    dell’apocalisse il Signore cci parla di questo come di qualcosa che Egli odia. 2 soli esempi (Deutoronomio 4:16 Perchè non vi CORROMPIATE e vi facciate qualche immagine scolpita, nella forma di qualche figura di un UOMO o di una DONNA.   Apocalisse !9 :10 Allora io caddi ai suoi piadi per adorarlo. Ma egli mi disse: << Guardati dal farlo, io sono un conservo tuo e dei tuoi fratelli che hanno la testimonianza di Gesù. Adora Dio!  Be, io credo che se Giovanni fu richiamato da un angelo celeste, dichiarando che doveva adorare solo Dio, e doveva prostarsi solo davanti a Gesù..  ..tutto il resto non è nientaltro che bugia, falsità,  o dottrine di uomini, ma non da Dio.
    Un’altra cosa non sono le etichette che salvano ma l’osservanza della parola di Dio.   Gesù disse chi ascolta le mie parole e li mette in pratica, sarà un mio Discepolo. Io sono Evangelico. non necessito di nessun idolo qualunque esso sia.  —
    Sapeste quanto mi piacciono i dipinti, (l’impressionismo) in modo particolare.

  35. Ettore says:

     

    Per Miriam
     
    Grazie per la solidarietà 🙂 Mi spiego riguardo il poichè. Dio vieta le immagini: ma perchè? Lo spiega Mosè:
     
    “Poiché dunque non vedeste alcuna figura, quando il Signore vi parlò sull`Oreb dal fuoco, state bene in guardia per la vostra vita, 16 perché non vi corrompiate e non vi facciate l`immagine scolpita di qualche idolo, la figura di maschio o femmina, 17 la figura di qualunque animale, la figura di un uccello che vola nei cieli, 18 la figura di una bestia che striscia sul suolo, la figura di un pesce che vive nelle acque sotto la terra; 19 perché, alzando gli occhi al cielo e vedendo il sole, la luna, le stelle, tutto l`esercito del cielo, tu non sia trascinato a prostrarti davanti a quelle cose e a servirle; cose che il Signore tuo Dio ha abbandonato in sorte a tutti i popoli che sono sotto tutti i cieli.” (Deuteronomio 4, 15-19)
     
    Questo è il punto. La base del divieto sta nel fatto che Dio non è rappresentabile. Però con il Cristianesimo Dio ha fatto irruzione nelle storia umana, divenendo uomo Lui stesso. Il compito di  Cristo non era solo quello di redimerci, ma anche di farci conoscere Dio. Per questo Cristo è l’Emmanuele, il Dio-con noi. Gesù è un uomo in tutto e per tutto, come me e in quanto tale rappresentabile. Adesso io non sostengo che le immagini sono necessarie per la fede, io sostengo che se noi diciamo che Cristo non è rappresentabile è un po’ come negare la rivoluzione cristiana. È un po’ come rifiutare il dono di Dio dell’Incarnazione, perché Dio è venuto ad abitare in mezzo a noi proprio per starci vicino come mai prima. Per questo Gesù è vero uomo, è una figura reale e per questo dico che il Comandamento resta, però con Nuovo Testamento viene meno una delle sue applicazioni: il divieto delle immagini. Perché sono venute meno le basi, è venuto meno quel “poiché” con quale esordisce Mosè. Gli Ebrei non videro alcuna figura ed ecco il divieto. Invece la nostra fede si basa proprio sul fatto che abbiamo visto, udito e toccato una “figura” che era Dio. Credo di doverci scrivere un altro intervento, forse non mi sono ancora spiegato bene…

  36. Daniela says:

    Domanda:Invece la nostra fede si basa proprio sul fatto che abbiamo visto, udito e toccato una “figura” che era Dio. Credo di doverci scrivere un altro intervento, forse non mi sono ancora spiegato bene…
    HAI 2000 anni? HAI VISTO Gesù?io non l’HO ancora visto faccia a faccia,e non posso descrivertelo fisicamente….ETTORE non mi hai ancora risposto,mantieni la parola o no?

  37. Ettore says:

    Per Daniela
     
    Un momentino…quanta fretta! Cmq perdonami ma non son molto soddisfatto. Non ben capito cosa credi…vuoi
    dire che la Pietà è un idolo solo se la si prega?
    Se ti fa piacere pensa pure che questo di Michelangelo sia un pretesto,
    però allora anche quello delle processioni lo è, visto che non è di questo che
    volevo parlare e visto che continui a sollevare un problema (quello del culto)
    che adesso non c’entra. Cmq la processione non è affatto un servizio alla
    statua, perchè la statua è solo il simbolo di un signore che si ritiene sia
    stato un buon servitore di Dio e in quanto tale da porre come esempio di fede.
    Quando si porta a spasso una stauta: cos’è arte, religiosità o paganesimo? Tutte
    e tre le cose. Arte perchè è l’innocente raffigurazione di una persona;
    religiosità perchè è una manifestazione popolare di festa che mette al suo
    centro delle persone venerabili per cui, per mezzo di esse, si rende lode a Dio
    che le ha inviate; paganesimo nel senso che a volte queste feste hanno dei
    retaggi pagani, ma sono dei retaggi prettamente culturali e non religiosi. Anche
    la Bibbia ha delle influenze culturali dal mondo pagano circostante, ma io non
    rifiuto la cultura pagana facendo mio quello che ci trovo di buono.
    Questione etichette. è vero, lo confesso: sono cattolico. Eppure non mi
    sembra di stare qui a dire che i cattolici hanno ragione punto e basta. Sto
    cercando di ragionare con voi e lo sto facendo sulla Scrittura. Io non ho mai
    nemmeno citato il catechismo, siete voi che lo mettete continuamente in mezzo
    linkandolo in ogni commento. Per carità nulla di male, ma non sono io quello che
    sta facendo valere le etichette confessionali.Non ho 2000 anni, ma sono tenuto a credere che Gesù è un uomo come me. Io sono rappresentabile, tu puoi rappresentarmi e anche se il tuo ritratto non mi somigliasse neanche un pochino quello sarei io lo stesso, perchè quella era la tua intenzione. Non puoi sapere se io ho la barba o meno, ma nel caso in cui sbagliassi non mi offenderei. Se poi Dio è veramente Amore, vedrai che se ne curerà ancor meno…

  38. Daniela says:

    Ettore,hai le idee confuse amico mio,leggi un pò la bibbia e poi nè riparliamo,sono sempre disponibile,Gesù è DIO,e con questo ti saluto.Continui a negare l’evidenza abbi pazienza.

  39. sabatino says:

    Cosimo scrive "Ma ammirare il capolavoro è una cosa, se invece di quell’opera ne facciamo un modello di adorazione prostrandoci,…" ma io non mi prosto davanti al crocifisso…. nè davanti ad una statua!!! Io non mi prostro davanti agli oggetti!!!
    Mi inginocchio e prego come in camera mia, così dinanzi ad un crocifisso; il mio cuore non fa differenza!

  40. Daniela says:

    volevo farvi partecipe di 1 commento ke mi è arrivato:ora rispondo a questo filmato e al filmato della processione dei santi medici di sferracavallo… 1 la chiesa cattolica non ha niente ha vedere con processioni di confraternite e esaltazioni popolari di onorare i santi….. la chiesa cattolica parlo dei presbiteri e vescovi con tutti coloro che hanno un ministero all’interno della chiesa cattolica romana…considerano una sola processione.. cioè quella del corpus domini… tutto il resto non centrano niente perchè le confraternite sono regolate da statuti regolati da un gruppo che amministra e organizza tali manifestazioni.——–ragazzi miei quanta confusione………mettetevi daccordo.. a presto…

  41. cosimo says:

    Sabatino, appunto come volevasi dimostrare, io ho detto ciò che può essere giusto o sbagliato ((secondo scrittura)).
    Tu hai dato la risposta perfetta per far capire cosa intendevo (sbagliare dinanzi a Dio). 
    Niente di personale, ma se mi rispondessi con testi biblici riguardo l’argomento, potremmo affrontare un dialogo. 
    FORSE.

  42. cosimo says:

    Sabatino, appunto come volevasi dimostrare, io ho detto ciò che può essere giusto o sbagliato ((secondo scrittura)).
    Tu hai dato la risposta perfetta per far capire cosa intendevo (sbagliare dinanzi a Dio). 
    Niente di personale, ma se mi rispondessi con testi biblici riguardo l’argomento, potremmo affrontare un dialogo. 
    FORSE.

  43. Miriam says:

    Perfetto Ettore, siamo d’accordo sul fatto che è vietata la rappresentazione di Dio e che Mosè nei passi che cita spiega il motivo del divieto. Siamo d’accordo che non è vietata l’arte in tutte le sue forme ( pittura, scultura, musica, teatro, disegno, gioielleria, sartoria,architettura e chi + ne ha + ne metta…)
    Con quei versi però, e con il fatto che Dio si è fatto carne in Gesù, non si giustifica la creazione di immagini venerabili………..non c’è nulla nella bibbia che lo giustifichi, o no?
    Infatti nel post quando dici àLe immagini hanno una funzione semplicemente psicologica e didattica, si può parlare di idolatria solo se vengono adorati gli oggetti in sé (come, ancora una volta, il vitello d’oro). Solo se le immagini subiscono una sorta di processo di personificazione. Se questo non accade, l’idolatria non c’entra.<– SECONDO ME SBAGLI!

    Il comandamento impone di NON AVERE IMMAGINI o FALSE DIVINITA’ (in pratica creature e non solo immagini)  A CUI OFFRIRE UN SERVIZIO (VENERAZIONE-ADORAZIONE-CULTO) e non SOLAMENTE di NON AVERE IMMAGINI che VENGANO PERSONIFICATE E X QUESTO RESE IDOLO . –> tu non sia trascinato a prostrarti davanti a quelle cose e a servirle; cose che il Signore tuo Dio ha abbandonato in sorte a tutti i popoli che sono sotto tutti i cieli.” (Deuteronomio 4, 19)
    Anche il catechismo CATTOLICO APOSTOLICO ROMANO ti da torto , infatti dice: 2113 L’idolatria non concerne soltanto i falsi culti del paganesimo. Rimane una costante tentazione della fede. Consiste nel divinizzare ciò che non è Dio. C’è idolatria quando l’uomo onora e riverisce una creatura al posto di Dio, si tratti degli dèi o dei demoni (per esempio il satanismo), del potere, del piacere, della razza, degli antenati, dello Stato, del denaro, ecc. “Non potete servire a Dio e a mammona”, dice Gesù ( ⇒ Mt 6,24 ). Numerosi martiri sono morti per non adorare “la Bestia”, [Cf ⇒ Ap 13-14 ] rifiutando perfino di simularne il culto. L’idolatria respinge l’unica Signoria di Dio; perciò è incompatibile con la comunione divina [Cf ⇒ Gal 5,20; ⇒ Ef 5,5 ].
    – Come vedi questa definizione cattolica di IDOLO E IDOLATRIA non coincide affatto con quella che dai tu… per esempio qui le immagini non sono nemmeno nominate e invece per te sono fondamentali nella definizione che dai di IDOLO e IDOLATRIA.
     
     

  44. sabatino says:

    Cito " non si giustifica la creazione di immagini venerabili" ma il punto che vi ostinate a non capire è proprio questo: nessuno venera l’immagine; la statua non è mai oggetto di venerazione! La statua, l’immagine o la scultura sono solo "simboli" nei quali si esaltano talune virtù!!!!!
     
    Ancora cito "tu non sia trascinato a prostrarti davanti a quelle cose e a servirle;" ma nessuno serve nè ci si prostra dinanzi ad una statua!!! LE statue vengono sostituite nel corso degli anni…. ma la "processione" resta la stessa perchè la virtù da esaltare con una specifica festa è sempre la stessa!!!
     
    IDOLO è tutto ciò che sostuisce DIO nel cuore dell’uomo e, fino a prova contraria, questo non succede

  45. Miriam says:

    Sabatino, non ti sto mica accusando di IDOLATRIA! Non c’è bisogno che ti giustifichi con me! Io non posso sapere cosa c’è nel tuo cuore………posso solo constatare che le azioni del POPOLO RELIGIOSO dicono tutt’altro rispetto a quello che dici tu e che dice la BIBBIA……..
    Vuoi un esempio? http://www.youtube.com/watch?v=wmZ6H8FFwn4 se hai la pazienza di arrivare verso i min. 6:35 vedrai che iniziano ad avvicinare dei bambini alla STATUA della madonna in questione.
    Se la statua ha solo valore psicologico e simbolico, se le persone riescono perfettamente a distinguere questa funzione delle rappresentazioni  e quindi non è un’immagine VENERABILE, mi spieghi perchè lo fanno?

  46. Ettore says:

     
    Per Miriam
     
    Miriam…eppure ho specificato che il mio intervento riguardava solo le accuse di idolatria legate ad immagini, ma poi alla fine scrivo che esiste un fronte ancora più vasto che è quello dell’idolatria a prescindere dalle immagini. Lo so che si può avere un idolo senza immagine, a me qui interessa solo capire se la Pietà è in sè un idolo e perchè si può far uso di immagini profane quando il comandamento vieta di farsi "immagine alcuna" e non "immagini sacre" o a rishio idolatria. All’idolatria in generale dedicheremo un intervento specifico 🙂

  47. Ettore says:

     
    Per Daniela
     
    La processione del Corpus Domini è l’unica a cui un cattolico è tenuto (almeno in teoria) a partecipare, ma questo non vuol dire che le altre siano vietate altrimenti la Chiesa lo farebbe (e potrebbe). Tu mi dirai: e dova sta scritto che bisogna farla questa processione? Da nessuna parte, ma si può fare perchè è lecito fare cose che nella Bibbia non ci sono. E’ illecito solo se queste cose sono contrarie alla Bibbia, e non mi sembra che il Vangelo vieti le feste e le processioni.

  48. Miriam says:

    Se è vero quello che dici ,Ettore, dovrebbe esserci un verso, un comandamento o un non so ke che permetta e descriva le IMMAGINI SACRE ( specificando almeno xkè sarebbero sacre rispetto a quelle profane) o per lo meno un esempio di uso delle immagini sacre nella TRADIZIONE APOSTOLICA EVANGELICA……………ok troviamolo…..dov’è?

  49. sabatino says:

    Ma l’errore è possibile!!!
    Voi non sbagliate mai? Non peccate mai? IPOCRITI Pensate ai travi dei vostri occhi senza guardare la pagliuzza dei vostri fratelli!!!

  50. Miriam says:

    Accipicchia Sabatino………..e meno male che poco fa hai scritto che –> "L’interpretazione che do della Bibbia non mi accusa nè ho rimorsi sulla coscienza perchè so cosa prova il mio cuore!!!"……..da come reagisci ai commenti altrui non si direbbe!
    Certo che l’errore è possibile: "L’UOMO SBAGLIA, DIO NO: E’ PERFETTO ……..ALTRIMENTI NON SAREBBE DIO!!"  😉

  51. Miriam says:

    ……….AHHH dimenticavo: L’importante è ammettere ed imparare dai propri errori per crescere!Soprattutto non commetterli più e se possibile aiutare gli altri a non commetterli, proprio come disse Gesù alla donna adultera che ( Sabatino) hai citato nei tuoi interventi passati………… "VA E NON PECCARE PIU’!!"
     

  52. Daniela says:

    ok,voglio assecondare il tuo discorso…quindi mi dici: dove sta scritto che bisogna farla questa processione? Da nessuna parte, ma si può fare perchè è lecito fare cose che nella Bibbia non ci sono. E’ illecito solo se queste cose sono contrarie alla Bibbia, e non mi sembra che il Vangelo vieti le feste e le processioni.
    domanda facile facile….dov’è Dio ti autorizza a fare quello ke lui non ha comandato nella sua parola???forse spirito d’inizitiva???non lo so ….spiegati meglio,io voglio accertarmi ke hai ragione..puoi aiutarmi??

  53. Ettore says:

     
    Per immagini sacre si intende immagini che ritraggano qualcosa di sacro, e che cioè abbiano l’ardire di raffigurare anche Dio. Appunto perchè nessun comandamento parla di differenze fra immagini, non capisco perchè noi tutti continuiamo ad usare immagini nonostante l’espresso divieto di farsi "immagine alcuna". Non esistono immagini buone o immagini cattive, sono tutte vietate dal comandamento. Vorrei una tua spiegazione in proposito. Se ti interessa la mia, è questa. E’ vero che in nessuna parte della Bibbia viene esplicitamente revocato il divieto delle immagini, ma noi siamo sotto la Grazia e non più sotto la Legge per cui dobbiamo guardare a quest’ultima alla luce dello Spirito. Qual’è lo spirito del divieto? Eccolo:
     
    “Poiché dunque non vedeste alcuna figura, quando il Signore vi parlò sull`Oreb dal fuoco…"
     
    Quale passo del Vangelo indica, seppur non espressamente, che le cose sono radicalmente cambiate? Eccolo:
     
    "E il Verbo era Dio…e il Verbo si fece carne e venne ada abitare in mezzo a noi; e noi vedemmo la sua gloria…"
     
    Se diciamo ancora che Dio non è rappresentabile perchè se no ne facciamo un idolo, vuol dire negare che Dio si sia incarnato e abbia preso figura. Di fronte a questo enorme mistero la questione delle immagini è del tutto secondaria, e non mi stupisce che gli apostoli non ne abbiano parlato (avendo ben altri problemi). Io non dico che le immagini sono importanti, difendo il principio della rappresentabilità di Gesù che altrimenti non sarebbe davvero un uomo come me (che sono rappresentabile). Gesù è uomo in tutto e per tutto, fuorchè nel peccato e non "fuorchè nel peccato e nella rappresentabilità".

  54. sabatino says:

    Ti rendi conto che stai giudicando dei tuoi fratelli?? Non stai giudicando me perchè hai detto che io non sbaglio e quindi non mi sento accusato ma stai accusando i tuoi fratelli di idolatria ( rif. alle persone che alzano i bimbi verso la statua, a chi applaude per strada, etc.)
    Ti stai accusando da sola perchè con la stessa severità con la quali misuri ti sarà misurato!!!
    Non c’è misericordia nelle tue parole nè amore verso chi è diverso! Fate paura!!! Non come evangelisti (perchè non è quello il parametro di terrore) ma fate paura per il vostro cieco fanatismo che vi porta a calpestare le regole basilari che invece praticate

  55. Daniela says:

    Ettorealla mia domanda non hai risposto….mi ripeto:cito:dove sta scritto che bisogna farla questa processione? Da nessuna parte, ma si può fare perchè è lecito fare cose che nella Bibbia non ci sono. E’ illecito solo se queste cose sono contrarie alla Bibbia, e non mi sembra che il Vangelo vieti le feste e le processioni.
    domanda facile facile….dov’è Dio ti autorizza a fare quello ke lui non ha comandato nella sua parola???
    @Sabatino ti risponde Paolo l’apostolo non io in 1 corinzi 12 versetto 2 Voi sapete che quando eravate pagani eravate trascinati dietro agli idoli muti secondo come vi si conduceva..tira le somme tu.forse spirito d’inizitiva???non lo so ….spiegati meglio,io voglio accertarmi ke hai ragione..puoi aiutarmi??

  56. Daniela says:

    @Sabatino ti risponde Paolo l’apostolo non io in 1 corinzi 12 versetto 2 Voi sapete che quando eravate pagani eravate trascinati dietro agli idoli muti secondo come vi si conduceva..tira le somme tu.non fare conto del commento a te stto ke si è incollato male.

  57. Ettore says:

     

    Per Daniela
     
    mmm…che ne dici di:
     
    “In verità vi dico: tutto quello che legherete sopra la terra sarà legato anche in cielo e tutto quello che scioglierete sopra la terra sarà sciolto anche in cielo.” (Matteo 18, 18)
     
    Secondo te cosa si può legare e sciogliere? Gesù ha dato un potere alla Chiesa ed è un potere attivo tanto che Dio accetta che addirittura degli uomini possano legare e sciogliere in terra e quindi in cielo. Hanno il potere di legare quello che Dio non ha ancora legato, in virtù del potere dato da Dio stesso. E questo vale fino a quando non si pretende di fare qualcosa che sia contrario alla Scrittura, quindi sei tu che devi trovare un passo specifico che vieti le processioni.
     
    Ps: Ma tu festeggi il compleanno?
     
    Pps: il commento sotto era per Miriam, perciò non ho risposto…e devi avere un pò di pazienza…

  58. cosimo says:

    La pietà io sò che è un opera, e la vedo escusivamente così. Ma secondo te, la maggior parte delle persone cosa fanno dinanzi a questa o ad altre opere del genere? Quindi ribadisco non è ne l’immagine o la scultura a far sbagliare l’uomo, ma è l’uso che se ne fà.
    Se diventa oggetto di adorazione, o devozione, o modo di poter intercedere o ecc..ecc.. questo è IDOLATRIA.  Parlando di chiesa e della sua autorità nessuno può dirti che sbagli, è vero ed è scritto nella bibbia, la chiesa deve essere  sottomessa a Cristo, quindi se non vediamo la fedeltà della chiesa alle parole bibliche possiamo anche osare l’errore che commette, o no!  — Poi anche se Cristo è venuto in terra, non ha abolito la legge. Gesù dice   ( Matteo 5:17, Non pensate che io sia venuto ad abolire la legge o i profeti, io non sono venuto ad abolire ma a portare a compimento).   Se poi dobbiamo cercare qualcosa che dovrebbe giustificare il nostro comportamento, vorremmo che tutti i comandamenti siano più focalizzati nell’elencarci il peccato in maniera personalissima. Mi viena un pò da sorridere, ma non possiamo pretendere di leggere,     (E NON FARETE PROCESSIONI)    questo mi sebra un modo di eludere la Parola di Dio in modo gratuito.  Ma si deve comprendere obbiettivamente cosa la Bibbia dice. Non occorre molto, basterebbe desiderare comprendere la Verità. 
        

  59. Daniela says:

    QUESTA RISPOSTA ETTORE NON è PERSUASICVA,XKè GESù STA PARLANDO AI SUOI DISCEPOLI DI ALTRE COSE,IO TI HO CHIESTO DOVE DIO TI AUTORIZZA A FARE QUELLO CHE NON VIENE DALLA SUA PAROLA?DOVRESTI LEGGERLO INTERAMENTE MATTEO 18……DALL’INIZIO
     

  60. Ettore says:

    Per CosimoMa appunto! Non si può pretendere che la Bibbia ti dica tutto quello che non devi fare, ma nemmeno che ti dica tutto quello che puoi fare. La processione non offende Dio perchè Dio non si  cura di queste cose, questo è lo spirito del Vangelo. Non gli importano i gesti esteriori ma quelli interiori, lasciate che sia Lui a giudicare visto che voi potete fermarvi solo a quelli esteriori. E’ vero che Gesù non ha abolito la Legge ma l’ha portata a compimento, per l’appunto ci sono cose che erano scritte nella bibbia che non erano più utili per il cristiano (come la cirocncisione) o sbagliate come il divorzio di Mosè. Io dico solo che l’Incarnazione rende automaticamente superato il divieto delle immagini perchè anche Dio è rappresentabile adesso. Nel momento in cui dici che la Pietà è solo un’opera è quello che fai anche tu, perchè comandamento alla mano essa sarebbe sbagliata per il divieto di farsi "immagine alcuna" scolpita o non, e soprattutto che rappresenti Dio (perchè Cristo è Dio). Daniela non mi ha risposto, ma io vorrei sapere se voi festeggiate il compleanno.

  61. Ettore says:

    Per DanielaNo, secondo me il passo è azzeccato. Anche in Matteo 16, 17 Gesù fonda la Chiesa sulla figura di Pietro e alla fine del vangelo di Giovanni gi raccomanda di pascere le sue pecorelle. Per cui la facoltà di legare e di sciogliere da parte della Chiesa si applica a tutta la sua vita, anche nella pastorale. Questo vuol dire che per dire che una cosa è sbagliata non basta giustificarsi dicendo che nella Bibbia non c’è, bisogna dimostrare dov’è il male. Altrimenti si cade in un’interpretazione legalistica per cui è sbagliato tutto quello di cui la Bibbia non parla (o almeno non chiaramente). E non è così…ma tu festeggi il compleanno?

  62. Miriam says:

    Sabatino , ma x caso ce l’hai con me?…..io non posso e non voglio giudicare nessuno, x di +  chi non conosco!
    Stiamo svolgendo una semplice discussione sul presunto DIVIETO ASSOLUTO DI AVERE IMMAGINI paventato da Ettore in questo Post……..Se questo comporta l’analizzare l’uso che popolarmente si fa di certe immagini che vengono portate in processione o usate come ICONE SUPERSTIZIOSE non è un giudizio ma una semplice constatazione!
    Quindi condividiamo le opinioni e le posizioni , ma RELAX please!!!

  63. Ettore says:

    Sì, anche io consiglio relax a tutti 🙂

  64. cosimo says:

    Ettore guarda che la bibbia è chiarissima riguardo tuttu, ma tu non solo cerchi di mettermi parole in bocca che io non ho detto, ma al contrario  dai  un’interpretazione molto  personale della scrittura  errando.  Io ho detto che è sbagliato fare di un’immagine o scultura o ecc.ecc. o un idolo, ciò oggetto di adorazione ecc.ecc. Questo è sbagliato riguardo i comandamenti di Dio. Esempio, può diventare idolo qualsiasi cosa noi mettiamo alla pari, o al di sopra di Dio, Ma se io vado in un museo, per guardare dei capolavori qualsiasi essi siano non credo di sbagliare. Dio comandò a Mosè di fare due angeli sopra l’Arca, secondo te, il popolo che uso ne fece? Gli angeli diventarono oggetto di adorazione? No! O diventò oggetto di adorazione l’Arca? No! Non divento oggetto di adorazione niente di quanto il Signore ordinò a Mosè di fabbricare. Perche? Perchè era stato detto chiramente allora, come adesso
    Di rendere l’adorazione solo a Dio. Gesù quando parlò di compimento chiaramente intendeva che non avrebbe modificato nulla della legge, ieri ho citato il versetto 17. oggi (Matteo 5 :18) Perchè vi dico: Finchè cielo e terra non passeranno neppure una iota, o un solo apice della legge passerà.   (Luca 16:17) Ma è più facile che passino il cielo e la terra, piuttosto che cada un sol apice della legge.   Ettore leggi cosa dice riguardo il matrimonio, altrochè! Alla domanda di alcuni che chiesero, è lecito che il marito si separi dalla moglie? Gesù rispose: (Marco 9:10 Fù a causa della durezza del vostro cuore che egli scrisse questa disposizione; ma al principio della creazione Dio li fece maschio e femmina. Perciò l’uomo ascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie; e i due diventeranno una stessa carne; così non sono più due, ma una stessa carne. L’uomo dunque non separi ciò che Dio ha unito.     ( Luca 16:18)   Chiunque manda via la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio; e chiunque sposa una donna mandata via dal marito, commette adulterio.
    Adesso desidererei  che tu mi rispondessi, ma senza dire o ripetermi delle cose che io non ho detto, magari cerca di leggerli nella bibbia così il dialogo sarà fondato su una realtà, e non un dialogo fantasioso o  teorico. 
    Dico così perchè non voglio che la Parola di Dio venga distorta, quindi mi pacerebbe parlare con OBBIETTIVITA’ e COERENZA riguardo essa.
    Un’ultima cosa quando si parla della bibbia, non c’è nessun alito alla superiorità, anzi si parla con massimo rispetto e umiltà perchè parliamo di Dio. Se ho dato quest’impressione mi dispiace.. ..non lo dico solo a te.
    Un saluto.. a presto.    
     
     
     

  65. Ettore says:

    Per CosimoVa bene, quello che dici lo condivido quasi tutto. Riguardo i due cherubini sull’angelo hai ragione, si tratta però di eccezioni ordinate da Dio stesso. Ne è un esempio anche il Serpente innalzato da Mosè nel deserto. E’ luomo che non deve fare immagini, Dio invece può sempre tutto. Sono d’accordo anche che non necessariamente un’immagine diventi un idolo, però  a questo punto mi devi spiegare perchè Dio non abbia vietato solo gli idoli e non anche le immagini. Perchè vieta anche di farsi "immagine alcuna"? E in che modo va inteso questo divieto di immagini?Riguardo la Legge invece credo che Gesù faccia riferimento alla Legge antica ma da Lui innovata. Infatti la legge mosaica permetteva il divorzio, Gesù no. Questo è un cambiamento di fatto, non è un annullamento della Legge ma un miglioramento. La Bibbia diceva occhio per occhio, dente per dente; Gesù dice di no. Anche questo è un cambiamento, altrimenti in cosa consisterebbe il compimento della legge?.Per il resto nn ti preoccupare, era un riferimento generale. Ciao

  66. Miriam says:

    Non sarò breve purtroppo, e chiedo scusa per questo. Forse ripeterò qualche concetto ma arriviamo al dunque, e vediamo di non scadere come al solito in “sterile polemica religiosa”.
    Allora Ettore trovo diverse INCOERENZE DOTTRINALI e logiche nel tuo post sull’idolatria. Le metto tutte in questo commento che si aggiunge e conferma gli altri, e spero che concluda la discussione ( altrimenti si devia senza nessun beneficio). Quando parlo di dottrinale mi riferisco anke al CATECHISMO CATTOLICO APOSTOLICO ROMANO.
    1- Sottolineo che nessuno ha mai detto che la Pietà è un IDOLO, però noto che corri tu questo rischio se “LEGGI E INTERPRETI LETTERALMENTE I COMANDAMENTI RIGUARDANTI L’IDOLATRIA E IL CULTO”. Infatti continui ad asserire SBAGLIANDO ( anke secondo il catechismo) che il comandamento in questione (IV. “Non ti farai alcuna immagine scolpita) vieta TUTTE LE IMMAGINI.
    2- Quando scrivi à “Allo stesso modo il divieto colpisce le immagini, tutte le immagini anche perché allora il riferimento ad esse sarebbe stato ininfluente, nel caso sarebbe bastato parlare degli idoli. Il Comandamento non fa nessun riferimento a immagini di tipo religioso, e la proibizione vale come per gli idoli: a prescindere dall’uso che se ne voglia fare.”
    Ti ho già dimostrato nei commenti precedenti che l’IDOLO è tale x definizione in quanto se ne faccia un uso errato offrendo ad esso culto e servigi che non gli sono dovuti in quanto non DIO e questo anke secondo il catechismo. A dimostrazione che E’ SOLO L’USO CHE RENDE UN’IMMAGINE O UNA RAFFIGURAZIONE DI QUALUNQUE GENERE UN IDOLO guarda un po’ anke cosa fece fare Dio a Mosè: Numeri 21à Mosè pregò per il popolo. 8 Il Signore disse a Mosè : "Fatti un serpente e mettilo sopra un`asta; chiunque, dopo essere stato morso, lo guarderà resterà in vita". 9 Mosè allora fece un serpente di rame e lo mise sopra l`asta; quando un serpente aveva morso qualcuno, se questi guardava il serpente di rame, restava in vita.

  67. Miriam says:

    3- Questo passo che anche tu hai citato poco fa http://www.labibbia.org/pls/bibbiaol/GestBibbia.Ricerca?Libro=Numeri&Capitolo=21#VER_4 non è un’eccezione come dici tu, ma ti dimostra non solo che l’aniconismo ebraico biblico di cui parli era riferito ESCLUSIVAMENTE ALLE RAPPRESENTAZIONI DI DIO e non a tutte le immagini come il post vorrebbe chiarire, ma ke Dio stesso ha dato modo al Suo popolo di utilizzare dei “simboli figurati” o immagini per poter ricordare dei concetti importanti per la loro salvezza. (attenzione, essendo dei simboli erano delle immagini o rappresentazioni da considerare come opere d’arte o memoriali  ma non dovevano essere ne venerati , ne  adorati altrimenti diventavano IDOLI…vedi x esempio gli altari o gli ornamenti del tabernacolo)
    4- E’ quindi alla luce di questa visione che si interpreta il comandamento IV. “Non ti farai alcuna immagine scolpita…” che invece stai leggendo “alla lettera”. Nel catechismo Cattolico infatti leggiamo pure:
    IV. “Non ti farai alcuna immagine scolpita…” 2129 L’ingiunzione divina comportava il divieto di qualsiasi rappresentazione di Dio fatta dalla mano dell’uomo. Il Deuteronomio spiega: “Poiché non vedeste alcuna figura, quando il Signore vi parlò sull’Oreb dal fuoco, state bene in guardia per la vostra vita, perché non vi corrompiate e non vi facciate l’immagine scolpita di qualche idolo. . . ” ( ⇒ Dt 4,15-16 ). E’ il Dio assolutamente Trascendente che si è rivelato a Israele. “Egli è tutto”, ma, al tempo stesso, è “al di sopra di tutte le sue opere” (⇒ Sir 43,27-28 ). Egli è “lo stesso autore della bellezza” (⇒ Sap 13,3 ).
    2130 Tuttavia, fin dall’Antico Testamento, Dio ha ordinato o permesso di fare immagini che simbolicamente conducessero alla salvezza operata dal Verbo incarnato: così il serpente di rame, [Cf ⇒ Nm 21,4-9; ⇒ Sap 16,5-14; ⇒ Gv 3,14-15 ] l’arca dell’Alleanza e i cherubini [Cf ⇒ Es 25,10-22; 2130 ⇒ 1Re 6,23-28; ⇒ 1Re 7,23-26
    Questo ti dimostra che non sono mai state vietate “tutte le immagini”, ma solo LE IMMAGINI DI IDOLI e un idolo è tale in quanto cretura e non Creatore E SOLO SE  gli si offre un SERVIZIO di venerazione, adorazione, culto, riverenza, preghiera, processione, devozione, doni votivi, ecc…. QUESTE SONO LE IMMAGINI VIETATE.
    5- Il permesso di raffigurare Gesù che tu trovi nel verso che citi “il verbo si è fatto carne” è nato durante il settimo Concilio ecumenico, a Nicea ([nel 787) che ha giustificato, contro gli iconoclasti, il culto delle icone: quelle di Cristo, ma anche quelle della Madre di Dio, degli angeli e di tutti i santi….. nulla di biblico quindi xkè, per porre rimedio ad un problema sorto in quel periodo e legato ad una situazione specifica, si infrange esplicitamente un comandamento dato da Gesù in persona nella Sua visione di Grazia e cioè: Sta scritto: “Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto” ( ⇒ Mt 4,10 ).

  68. Ettore says:

     
    Per Miriam
     
    Non ti preoccupare, nel mio blog la lunghezza è benaccetta soprattutto se serve a chiarire. E finalmente qualcosa si comincia a chiarirla. Fammi notare che ci sono voluti quasi settanta commenti per rispondere alla mia semplice domanda se la Pietà e il vitello d’oro siano o no la stessa cosa. Mi compiaccio che finalmente convenite (quasi tutti) che non sono affatto la stessa cosa. A me questo interessava sapere. Anche se alcune delle motivazioni che adduci non le condivido. Il carattere di eccezionalità delle immagini raffiguranti Dio è dimostrato proprio dal fatto che alla base di tutti gli esempi che fai non c’è mai l’iniziativa umana, ma un specifico ordine di Dio. Ti faccio inoltre notare che l’Arca dell’Alleanza non era un idolo, ma neanche un semplice oggetto visto che veniva fulminato chi le si avvicinasse troppo o le mancava di rispetto. Era un oggetto, ma era molto rispettato visto che quando si fermavano le costruivano intorno una tenda: la Tenda del Signore. Forse voi direste che costruire una tenda intorno ad un oggetto è un pò come offrilre servizio per cui anche l’Arca potrebbe essere un idolo se fossero buone le vostre categorie. Queste sono solo alcune delle tante obiezioni che si potrebbero muovere al tuo commento, ma per il momento non ci interessano. La cosa importante è che anche secondo te e secondo Cosimo non è sbagliato fare una raffigurazione di Gesù nonostante il divieto di rappresentare Dio e che in sè l’arte sacra (nel senso di rappresentazione di cose "religiose) non ha nulla di sbagliato. Questa mi sembra sia la vostra posizione, corregetemi se sbaglio. E se sbaglio vi invito a proporre una proposizion sintetica del vostro pensiero a riguardo.
    Per il momento propongo di lasciare stare il problema del culto mariano e di quello dei santi. Circoscriviamo il campo a Gesù, vero uomo e vero Dio. Una domanda. Ma se io resto colpito dalla Pietà, e guardandola prego. E magari pensando a Chi sto pregando mi inginocchio: è idolatria? Voglio dire, per voi è idolatria anche se io prego davanti ad un’icona di Gesù ben sapendo che l’icona è solo un simbolo e che prego Gesù esattamente come quando non c’è nessuna icona?
     

  69. Miriam says:

    Bhe….abbiamo fatto 70 , facciamo 71…..anke xkè Ettore siamo d’accordo sul fatto che la PIETA’ non sia UN’IDOLO fino a che non lo ADORI ma il resto del mio commento ti è sfuggito un po’……….. Non ti ho mai parlato di ARTE SACRA xkè a mio avviso non è coerente con l’ottica cristiana dell’arte! Ti invito a guardare il significato della parola SACRO http://www.etimo.it/?term=sacro ! Io non approvo personalmente l’arte SACRA,xkè troppo vicina e collegata al concetto di IDOLO http://www.etimo.it/index.php?term=idolo, approvo e sponsorizzo l’arte CRISTIANA che è un’altra cosa!
    La PIETA’ , come memoria della figura di Gesù, è uno dei massimi esempi di arte CRISTIANA, per esempio, è quello che io intendo per ARTE, e sicuramente non dei fantocci che richiamano + o meno le sembianze di qualcuno , fatti in serie magari, come le bomboniere cinesi di resina da 0,52 cent!!
    Ti direi di dare un’occhiata + attenta al mio commento, xkè se è vero quello che hai scritto nel tuo, dovresti cancellare e correggere molte cose di questo POST 😉

  70. Ettore says:

     
    …beh, i post sono sempre migliorabili ma non credo di dover apportare sostanziali modifiche…perchè non posso condividere molte tue motivazioni, ma l’importante è che almeno le conclusioni siano simili 🙂 Non ti piace l’espressione arte sacra? Allora chiamala pure arte cristiana. Le parole sono importanti ma con queste si può giocare per dire tutto e il contrario di tutto (etimologie, sinonimi ecc…); per questo dico che alla fine la cosa importante è intendersi…ciao.

  71. Miriam says:

    Non gioco mai con le parole, mi piace conoscerle profondamente xkè quando parlo o penso voglio capire cosa sto dicendo! Credo sia la base della comunicazione NON SOTTOVALUTARE MAI I TERMINI CHE SI UTILIZZANO e comunque Arte SACRA e ARTE CRISTIANA potrrai scoprire da solo che sono 2 cose profondamente diverse e non hanno a che vedere l’una con l’altra.
    Stando al vero significato del termine, in TEORIA tutta l’arte dovrebbe essere considerata SACRA in quanto DONO DIRETTO DI DIO ALL’UMANITA’e xkè solo Dio puo’ rendere sacra qualche cosa! Come al solito l’uomo "deturpa il dono di Dio" e in molti casi usa le cose che ha ha disposizione in maniera ERRATA! Allora anke nell’arte dobbiamo creare delle distinzioni, ma parlerei di ARTE CRISTIANA E ARTE RELIGIOSA.

  72. Zel says:

    … ma nessuno ha mai sentito parlare di Sum-Pateia?
    E’ la compartecipazione emozionale alla vicenda di qualcuno.
    Se io vedo una cosa triste, sarò triste anche io, perchè vengo stimolata a provare tali sentimenti.
    Se vedo una virtù eroica, sarò stimolata anche io ad attuarla, perchè l’immagine è finalizzata a muovere la mia coscienza verso tale stato mentale ed emozionle.
    Lo stesso vale per i simboli Cristiani: la corca stimola sumpateia verso il sacrificio e, con l’interpretazione simbolica odierna, verso la salvezza; la statua della madonna muove l’animo (inteso come la parte del cervello adibita a provare emozioni) verso la virtus che essa rappresenta (quale essa sia) e via dicendo. PEr questo le donne pie piangono davanti a una Pietà, perchè per sumpateia (in italiano poi si dice sipatia, ma è sbagliata come traduzione) sono mosse a impersonificarsi con una madre che piange il corpo del figlio. Mica credono realmente che tale stuatia sia la reale corporeità diquello che vi è rappresentato! Idem per le statue di santi, le imaginette sacre ecc… si tratta di stimoli alla compartecipazione emozionale, non forme di culto idolatrico. Il culto infatti come dite si riserva al dio, ma non vi è sumpateia. Nel caso dei santi la differenza è netta, in quanto non rappresentano dei ma solo virtus. Le immagini, per dirla nel modo della retorica latina, smuovono gli animi, sorpatutto quelli di persone "ingoranti" (nel senso di poca cultura, semplici, ingenue ecc) che difficilmente possono accedere alla teologia pura e ai suoi concetti. Le parabole non sono la stessa cosa forse? solo che sono fonetiche e non visive. Sono comunque storielle SIMBOLO di un messaggio più alto. Perchè usare storielle spesso sempicissime e scontate invece che parlare direttamente del messaggio aulico? PErchè non tutti possono accedere ai livelli piì alti di atrazione o di comprensione.
    La Bibbia dice che non si possono fare immagini?
    Bhè.. è stata scritta 2500 anni fa, quando la gente era ignorante e analfabeta, non abituata ad alcun tipo di speculazione teologica e dove la magia superstiziosa era diffusissima. Ovvio che Dio per parlare al branco di caproni che componevano il suo popolo abbia dovuto usare termini semplici e netti. Sopratutto visto la diffuzione capillare che vigeva allora del culto delle piccole statue familiari e via dicendo, dove davvero si credeva che NELLA STATUA o IMMAGINE RISIEDESSE LO SPIRITO DEL DIO; FAUNO; DEMONE O DEFUNTO! Del resto, il comandamento II vieta IN MODO CHIARISSIMO OGNI RAPPRESENTAZIONE VISIVA DI QUALSIASI COSA!!! Non per niente, gli EBREI ORTODOSSI rifiutano anche le FOTOGRAFIE E I RITRATTI PERCHE’ CONTRARI AL II COMANDAMENTO!!!!!!!! E loro sì che LEGGONO SENZA INTERPRETAZIONI LA BIBBIA.

  73. Zel says:

    *corca sta per CROCE.. errore di battitura, scusate.

  74. Ettore says:

     
    Per Miriam
     
    Va bene conoscere le parole, ma fossilizzarsi nelle origini etimologiche trascurando la continua evoluzione delle parole è sbagliato. Per questo una parola può anche avere origini pagane, ma non vuol dire che chi la usa oggi ha intenti pagani. Per questo per me arte sacra equivale ad arte cristiana, sono solo sottigliezze letterarie che hanno anche il difetto di prestarsi troppo facilmente ad obiezioni pretestuose e poco sostanziose. L’importante è intendersi sul significato che si attribuisce alle parole, e non tanto a quando sono nate quelle parole o a chi le ha usate (almeno in un dibattito). Ciao 🙂

  75. Ettore says:

     
    Per Zel
     
    Eh sì…ci sono anche Ebrei ortodossi che di sabato non accendono la luce, perchè pigiare l’interruttore sarebbe un lavoro manuale…cmq condivido il tuo intervento e ti ringrazio per il contributo. Solo che io all’espressione "branco di caproni" preferirei quella un pò più aulica di "popolo di dura cervice"…ma fa nulla 😉 Ciao.

  76. Zel says:

    ORROREEEE… sumpatheia si scrive con il TH!!!
    Che asino che sono ogni tanto!

  77. Ettore says:

     
    Eh vabbè dai…una letterina può sempre sfuggire 😉

  78. letizia says:

    le immagini si possono fare, anche le sculture..basta però che non si adorino;)…
    credo di essermi espressa male nell’altro post(anzi leviamo il "credo")!:)
    ciao a tutti

  79. Ettore says:

     
    Va bene 🙂 Baci.

  80. luigi says:

    E il resto degli uomini, che non furono ch non furono uccise d queste piaghe, non si ravvide ancora dalle opere delle loro maniper non adorare i demonie gli idoli d’oro, d’argento, di bronzo, di piera e di legno, che non possono né vedere, ne udire, ne camminare. Apocalisse..9:20Non ti farai scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù nei cieli o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra. Non ti prosterai davanti a loro e non li servirai, perchè io, l’Eterno, il tuo Dio, sono un Dio geloso…..Esodo 20:4,5.Non a noi,o Eterno, non a no ma al tuo nome dà gloria, per la tua benignitàe per la tua fedeltà. Perché direbbero le nazioni: Dov’è ora il loro Dio? Ma il nostro Dio è nei cieli e fa tutto ciò che gli piace. I loro idoli sono argent e oro, opera di mani d’uomo. anno bocca ma non parlano, hanno occhi ma non vedono, anno orecchi ma non odono, hanno naso ma non odorano, hanno mani ma non toccano, hanno piedi ma non camminano; con la loro gola non emettono suono alcuno. Come loro sono quelli che li fanno, tutti quelli che in oro confidano.Salmo 115:1-8.

  81. Ettore says:

    Gesù non è un idolo, la Buona Novella del Cristianesimo consiste proprio nel fatto che Dio non è più solo nei cieli ma che ha una forma mortale.E le faccio notare che la foto che lei usa per il suo profilo, rientra nel "non ti farai scultura nè immagine alcuna delle cose che sono lassù nei cieli o quaggiù sulla terra". Per un ebreo antico o per un ortodosso, lei è un idolatra che contravviene al comandamento…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: