L’arte sacra e i Dieci Comandamenti

 

Purtroppo molta confusione si è fatta e si farà sulla vicenda del Secondo Comandamento. Confusione e/o speculazione, oseremmo dire. Passiamo subito al passo del Deuteronomio:

 
“Io sono il Signore, tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese di Egitto, dalla condizione servile. 7 Non avere altri dei di fronte a me. 8 Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù in cielo, né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra. 9 Non ti prostrerai davanti a quelle cose e non le servirai.” (Deuteronomio 5, 6-9).

Questo comandamento è stato fatto oggetto di interpretazioni storiche e teologiche sbagliate. Da una parte la malevola interpretazione anticlericale, dall’altra quella protestante e geovista. Analizziamo la prima. Spesso e volentieri capita di imbattersi in argomentazioni che denunciano una sospetta modifica dei Comandamenti da parte della Chiesa. La quale, dicono, avrebbe “depennato” la parte che vietava la fabbricazione di immagini per motivi prettamente economici, per poter creare il mercato dell’arte sacra. Ora senza dubbio, il Comandamento vietava nella maniera più assoluta la creazione di immagini e da esso nacque l’aniconismo (assenza di immagini) ebraico. Di fatto, però, questo antico divieto oggi non è più rispettato: Siamo in presenza di una sorta di imbroglio? Chi afferma una cosa del genere dimostra di non conoscere la natura profonda del Cristianesimo e la sua Storia. In realtà nessuno ha arbitrariamente depennato il Comandamento, anzi i primi cristiani ereditarono l’aniconismo ebraico e, per questo, nei primi secoli del Cristianesimo non furono prodotte raffigurazioni di Cristo. Poi si ricorse al simbolo, come quello del Pesce e del Buon Pastore che si possono ancora oggi osservare nelle catacombe. Cosa accadde in seguito? Si sviluppò una riflessione teologica molto basata, a nostro parere, anche sul pensiero paolino. L’Apostolo delle genti aveva molto insistito sul passaggio che, col Cristianesimo, era avvenuto dalla Legge alla Grazia. Molto “moderno”anche l’approccio che Paolo aveva con la Scrittura, cogliendone anche l’aspetto talvolta simbolico. Illuminante, a questo riguardo un passo che forse anche i non cattolici dovrebbero riconsiderare meglio:

“…da Dio, 6 che ci ha resi ministri adatti di una Nuova Alleanza, non della lettera ma dello Spirito; perché la lettera uccide, lo Spirito dá vita.” (2 Cor 3, 6)

La lettera fa, appunto, riferimento alla Legge dell’Antico Testamento mentre il Nuovo Testamento ha solo una legge interiore: lo Spirito. Ovviamente anche la lettera è importante, ma senza lo Spirito può essere deviante. Ecco che quindi la Scrittura va letta sempre cum grano salis, cosa che molti (credenti e non) dimostrano spesso di non avere buttandosi a capofitto con citazioni buttate lì a caso che o non c’entrano niente o, nel migliore dei casi, non dicono affatto quello che si vorrebbe far credere. Ad ogni modo i Cristiani capirono che l’applicazione del comandamento “Non avrai altri dei di fronte a me” che vietava le immagini andava interpretato alla luce del Nuovo Testamento. Qual’era lo spirito del comandamento? Bisogna tenere conto anche del contesto storico, quando in quel tempo l’idolatria era dominante e si tendeva ad adorare di tutto: ogni animale, ogni raffigurazione poteva servire allo scopo. Da qui il divieto di produrre immagini, per tagliare la testa al toro. Ecco il perché del divieto di raffigurazione sia delle cose celesti che di quelle terrene. Questo era lo spirito, l’obiettivo di fondo era quello di scongiurare il pericolo dell’idolatria. Perché Dio non è rappresentabile, se quindi se ne fa una rappresentazione si corre il rischio di creare un idolo: un falso dio, dalle sembianze umane o animali.

Cosa è accaduto però con il Cristianesimo? Uno dei misteri fondanti di quest’ultimo è proprio quello dell’Incarnazione: Dio che si fa uomo. Cristo è l’Uomo-Dio. Se qualcuno facesse un ritratto di Cristo otterrebbe la rappresentazione grafica di un uomo, ma in realtà rappresenterebbe (inauditamente) anche Dio. Quindi, se Dio è diventato rappresentabile l’applicazione del Comandamento che vieta le immagini è automaticamente superata: non è più necessaria. Per questo l’arte sacra ha pieno diritto di esistere, non offendendo né Dio né gli uomini. Ad ogni modo tutto questo è avvenuto alla luce del sole nel corso di anni e anni, non in un momento preciso e coattamente come alcuni vorrebbero far credere. Infatti la questione delle immagini fu molto dibattuta, fino a sfociare nell’iconoclasmo dell’VIII sec. che portò alla distruzione di un gran numero di icone e opere d’arte. L’iconoclasmo fu una delle tante eresie arrivate dall’Oriente ma che non attecchì mai in Occidente, fino ad essere definitivamente bandita anche in Oriente. L’anticlericalismo militante insiste molto, e a torto, sul secondo aspetto: quello delle immagini. I protestanti, invece, muovono spesso accuse di idolatria basandosi sulla prima parte del comandamento. Lo vedremo nel prossimo intervento.  

Annunci

49 Responses to L’arte sacra e i Dieci Comandamenti

  1. letizia says:

    ciao
    sono con te su quello che hai scritto fino ad un punto però:)..
    il fatto che Dio si è fatto uomo non ha cambiato il comandamento, il comandamento è rimasto sempre lo stesso.
    Se Dio ha comandato di non fare immagine alcuna nè scultura è per un motivo semplice: Dio non vuole che preghiamo o ci affidiamo ad immagini, sculture prive di Spirito vitale. Il fatto che Dio si è fatto uomo è principalmente pe rla nostra salvezza..
    spero di essere stata chiara
    ciao a presto
    puoi rispondere sul mio blog ok?
    a presto

  2. Daniela says:

    noi discutiamo da tempo riguardo a queste cose,e sai benissimo ke gli stessi apostoli parlano di idolatria(NON bene),l’apostolo Paolo dice:In realtà l’ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà e ogni ingiustizia di uomini che soffocano la verità nell’ingiustizia,  poiché ciò che di Dio si può conoscere è loro manifesto; Dio stesso lo ha loro manifestato. Infatti, dalla creazione del mondo in poi, le sue perfezioni invisibili possono essere contemplate con l’intelletto nelle opere da lui compiute, come la sua eterna potenza e divinità;  essi sono dunque inescusabili, perché, pur conoscendo Dio, non gli hanno dato gloria né gli hanno reso grazie come a Dio, ma hanno vaneggiato nei loro ragionamenti e si è ottenebrata la loro mente ottusa.  Mentre si dichiaravano sapienti, sono diventati stolti  e hanno cambiato la gloria dell’incorruttibile Dio con l’immagine e la figura dell’uomo corruttibile, di uccelli, di quadrupedi e di rettili (romani 1:18) nuovo testamento… 
    Allora l’angelo mi disse: «Scrivi: Beati gli invitati al banchetto delle nozze dell’Agnello!». Poi aggiunse: «Queste sono parole veraci di Dio». 10 Allora mi prostrai ai suoi piedi per adorarlo, ma egli mi disse: «Non farlo! Io sono servo come te e i tuoi fratelli, che custodiscono la testimonianza di Gesù. È Dio che devi adorare». La testimonianza di Gesù è lo spirito di profezia…nuovo testamentoapocalisse 19:10
     Matteo 4:9-10–«Tutte queste cose io ti darò, se, prostrandoti, mi adorerai».  Ma Gesù gli rispose: «Vattene, satana! Sta scritto:Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto». (C.E.I.)  nuovo testamento…Gesù cita il vecchio testamento e io non lo posso citare??? Gesù è DIO..1 piccolo e sottile particolare di cui non si tiene conto,bhè ki conosce DIO stima la sua parole più dell’oro.Tu parli così perchè con le tue filosofie,non ti curi di quello ke Dio vuole realmente da te,ma i troppi discorsi non cambiano la situazione.

  3. sabatino says:

    Sono assolutamente d’accordo con Ettore che ha saputo esplicitar ebene un concetto non di semplice spiegazione; cara Letizia hai centrato anche tu l’obiettivo scrivendo : "Se Dio ha comandato di non fare immagine alcuna nè scultura è per un motivo semplice: Dio non vuole che preghiamo o ci affidiamo ad immagini, sculture prive di Spirito vitale"… nessun uono prega la statua o l’immagine! Sappiamo tutti che la preghiera non è affatto influenzata dalla presenza o meno della statua ( se prego o meno dinanzi alla statua il mio cuore e le mie intenzioni sono sempre le stesse!!!).
    Il concetto è proprio quello: l’intenzione del cuore che Ettore ha esplicitato magistralmente con "La lettera fa, appunto, riferimento alla Legge dell’Antico Testamento mentre il Nuovo Testamento ha solo una legge interiore: lo Spirito. "!!!!
     

  4. Daniela says:

    sì,girateci intorno,tanto,la bibbia non cambia.

  5. letizia says:

    concordo pienamente con i vostri commenti; si Daniela, la Bibbia non cambia essendo Parola di Dio; già, Sabatino, che bisogno c’era di fare sculture o immagini(non rispettando così il volere di Dio) dato che (come hai detto) le intenzioni sono sempre le stesse?..
    Affidiamoci a Dio e a Lui solo!
    ciao

  6. sabatino says:

    Il fondamento è sempre lo stesso : le intenzioni del cuore!
    perchè se leggiamo la Bibbia col vocabolario siamo fuori strada difatti lo stesso Gesù non rispettava la "Bibbia letta col vocabolario" ed i farisei in diverse occasioni non capivano l’atteggiamento di Gesù proprio perchè si limitavano a leggere col vocabolario la Parola di Dio riducendola a parola di uomini.
     
    Per quanto riguarda il bisogno di fare sculture ed immagini ben vengano purchè non siano mai di "deviazione" per le intenzioni del cuore… adesso mi spiego: grazie all’arte sacra sono stati raggiunti ineguagliabili risultati di "accostamento" a Dio che è il massimo artista!
    La pietà di Michelangelo, l’ultima cena di Leonardo, l’annunciazione di Botticelli, la vocazione di San Matteo di Caravaggio sono esempi plateali di come un disegno o una scultura di eventi biblici possano, più delle parole incomprensibili dei testi in latini della Bibbia, portare il messaggio del Vangelo al popolo ignorante!
    La Verità è sempre la parola e non è nel quadro, Dio è nei cieli e non è nella statua…. se il quadro mi aiuta a pensare a Dio anche quando sono a casa mia: BEN VENGA, se l’immaginetta del cuore di Gesù mi ricorda anche quando sono in auto che Gesù mi ama: BEN VENGA!
    Le intenzioni sono importanti non gli atteggiamenti e nessuno gira intorno a niente… la Bibbia c’è e bisogna saperla leggerla….
    io non sono convinto di dare l’interpretazione giusta e nel mio cuore alberga sempre il sano dubbio…. e nei vostri cuori? Sieti certi della vostra interpretazione o siete depositari della Verità?

  7. Daniela says:

    mmm,io ho letto nella bibbia ke Dio vuole uomini secondo il SUO CUORE…intenzioni buone o cattive,DIO è il padrone della sua parola e Lui è verità..mi domandi se sono certa di quello ke dico?Sì certissima xkè vivo nella mia vita ,ogni giorno quello ke la bibbia promette ke tu ci creda o meno:E come il giorno della Pentecoste fu giunto, tutti erano insieme nel medesimo luogo. E di subito si fece dal cielo un suono come di vento impetuoso che soffia, ed esso riempì tutta la casa dov’essi sedevano. E apparvero loro delle lingue come di fuoco che si dividevano, e se ne posò una su ciascuno di loro. E tutti furon ripieni dello Spirito Santo, e cominciarono a parlare in altre lingue, secondo che lo Spirito dava loro d’esprimersi. Or in Gerusalemme si trovavan di soggiorno dei Giudei, uomini religiosi d’ogni nazione di sotto il cielo. Ed essendosi fatto quel suono, la moltitudine si radunò e fu confusa, perché ciascuno li udiva parlare nel suo proprio linguaggio. E tutti stupivano e si maravigliavano, dicendo: Ecco, tutti costoro che parlano non son eglino Galilei? E com’è che li udiamo parlare ciascuno nel nostro proprio natìo linguaggio? Noi Parti, Medi, Elamiti, abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadocia, del Ponto e dell’Asia, della Frigia e della Panfilia, dell’Egitto e delle parti della Libia Cirenaica, e avventizî Romani, tanto Giudei che proseliti, Cretesi ed Arabi, li udiamo parlar delle cose grandi di Dio nelle nostre lingue. E tutti stupivano ed eran perplessi dicendosi l’uno all’altro: Che vuol esser questo? Ma altri, beffandosi, dicevano: Son pieni di vin dolce.penserai..queste cose non succedono più,o quasi sicuramente sorvelerai sull’argomento,ma la bibbia resta e DIO opera come hai letto sopra ANCORA OGGI   io e altre persone siamo testimoni di questo,chi non vive questo non ha il sugello di DIO.allora?

  8. Daniela says:

    scusa dimenticavo:BEN VENGA, se l’immaginetta del cuore di Gesù mi ricorda anche quando sono in auto che Gesù mi ama: BEN VENGA!..se l’immagginetta ti separa da Dio e Dio non ti ha battezzato con lo SPirito SAnto??dirai sempre BEN VENGA?

  9. sabatino says:

    hai risposto ad una domanda che non ti ho fatto;
    la domanda è: "Sieti certi della vostra interpretazione o siete depositari della Verità?" non "sei certa di quello che dici?"
     
    il mio BEN VENGA era soggetta ad una condizione "purchè non siano mai di "deviazione" per le intenzioni del cuore"!
    L’immaginetta non mi separa da Dio anzi mi aiuta a pensarlo anche quando sono al lavoro, in auto, a scuola, etc.etc.
     
    poi non capito la frase "e Dio non ti ha battezzato con lo SPirito SAnto?? dirai sempre BEN VENGA?" puoi essere più chiara?
     
     

  10. Ettore says:

     
    Per Letizia
     
    Sì, il comandamento resta sempre lo stesso: perché la parola di Dio non cambia. Quello che cambia è l’Alleanza che Dio fa con l’Uomo, per questo alcune cose dell’Antico Testamento il cristiano non è più tenuto ad osservarle. Questo lo insegnava anche Paolo, ed è il motivo per cui non è più obbligatoria la circoncisione, per cui non rispettiamo più il sabato e tante altre cose di questo tipo. Questo non perché si annulla la Parola di Dio, è solo che la Grazia permette al cristiano il superamento della Legge in alcuni punti che non sono più necessari, ma perché Dio ha voluto così. Altrimenti perché non rimanere all’Antico Testamento mandando il Messia? Chi si affida all’immagine di Gesù è uno stolto, ma non chi ne fa solo un ritratto E. Il punto non è se ci sia bisogno o meno di sculture o immagini, il punto è se queste siano vietate. secondo me non lo sono più perché il comandamento doveva combattere l’idolatria, ma un semplice ritratto di Gesù non è un idolo: perché Gesù non è un falso dio.
    Ciao e grazie per il tuo contributo 🙂
     

  11. Ettore says:

     
    Per Daniela
     
    L’immaginetta non mi separa da Dio, perchè il Dio dei cristiani non si occupa di queste cose. Di queste cose si occupa chi non capisce la Grazia e vuole restare ancora sotto la Legge. Se tu fossi vissuta al tempo di Paolo avresti detto, Scrittura alla mano, che chi non si circoncideva non poteva avere la salvezza. Esattamente come oggi dici che chi usa immagini è automaticamente un idolatra. E’ lo stesso errore che si protrae nei secoli, ma san Paolo non ti darebbe affatto ragione.

  12. letizia says:

    Sono d’accordo su quello che dici…
    hai detto:" il punto è se queste cose siano vietate", hai detto anche che alcune cose dell’ Antico Testamento il cristiano non è più tenuto ad osservarle ed è esatto..sappiamo che i Comandamenti non sono mai cambiati e resteranno tali fino alla fine, ora, ti rispondo con un verso della Bibbia: " Essendo dunque discendenza di Dio, non dobbiamo credere che la divinità sia simile a oro, ad argento, o a pietra scolpita dall’arte( ES: PIetà di Michelangelo ed altre opere se pur splendide) e dall’immaginazione umana( dove tu hai detto che un semplice ritratto di Gesù non è un idolo; purtroppo facendo così lo si fà diventare tale perchè non sappiamo come Gesù sia stato fisicamente e quindi lo immaginiamo e Dio sappiamo che è chiaro al riguardo)"(Atti 17:29) la Parola di Dio è semplice io credo che questo verso biblico sia molto chiaro, io sò di non spiegarmi bene ma la bibbia non fa errori!
    ciao a presto 🙂
     

  13. Daniela says:

    @Sabatinodici ke io non ti ho risposto alla domanda:Sieti certi della vostra interpretazione o siete depositari della Verità?" non "sei certa di quello che dici?"forse non hai letto bene allora mi ripeterò:Sì certissima xkè vivo nella mia vita ,ogni giorno quello ke la bibbia promette ke tu ci creda o menoper farmi capire meglio: E apparvero loro delle lingue come di fuoco che si dividevano, e se ne posò una su ciascuno di loro. E tutti furon ripieni dello Spirito Santo, e cominciarono a parlare in altre lingue, secondo che lo Spirito dava loro d’esprimersi.Dio ha mantenuto la sua promessa e mi ha battezzato come fece a loro 2000 anni fà,quindi come la bibbia stessa dice questo è il sugello dello Spirito Santo.ora ripeto la domanda:se l’immagginetta ti separa da Dio, e Dio non ti ha battezzato con lo SPirito SAnto??dirai sempre BEN VENGA?Io pregherò il Padre ed Egli vi darà un altro Consolatore perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito di verità che il mondo non può ricevere, perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete, perché Egli dimora presso di voi e sarà in voi…..Ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, egli vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto…..Quando verrà il Consolatore che io vi manderò dal Padre, lo Spirito di verità che procede dal Padre, egli mi renderà testimonianza….""Se non me ne vado non verrà a voi il Consolatore; ma quando me ne sarò andato, ve lo manderò. E quando sarà venuto, egli convincerà il mondo quanto al peccato, alla giustizia e al giudizio. Quanto al peccato, perché non credono in me; quanto alla giustizia, perché vado dal Padre e non mi vedrete più; quanto al giudizio, perché il principe di questo mondo è stato giudicato."
    "Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, perché non parlerà da sè, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annunzierà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà del mio e ve l’annunzierà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà del mio e ve l’annunzierà." (Gv 14,16-17,26; 15,26; 16,7-15).leggi bene perfavore.

  14. Daniela says:

    @ettore:paolo non mi avrebbe dato ragione…allora xkè disse :

    18 luglio
    epistola ai romani cap1dal verso 18..

     In realtà l’ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà e ogni ingiustizia di uomini che soffocano la verità nell’ingiustizia,  poiché ciò che di Dio si può conoscere è loro manifesto; Dio stesso lo ha loro manifestato. Infatti, dalla creazione del mondo in poi, le sue perfezioni invisibili possono essere contemplate con l’intelletto nelle opere da lui compiute, come la sua eterna potenza e divinità;  essi sono dunque inescusabili, perché, pur conoscendo Dio, non gli hanno dato gloria né gli hanno reso grazie come a Dio, ma hanno vaneggiato nei loro ragionamenti e si è ottenebrata la loro mente ottusa.  Mentre si dichiaravano sapienti, sono diventati stolti  e hanno cambiato la gloria dell’incorruttibile Dio con l’immagine e la figura dell’uomo corruttibile, di uccelli, di quadrupedi e di rettili.Pietro invece disse:29 Essendo noi dunque stirpe di Dio, non dobbiamo pensare che la divinità sia simile all’oro, all’argento e alla pietra, che porti l’impronta dell’arte e dell’immaginazione umana. 30 Dopo esser passato sopra ai tempi dell’ignoranza, ora Dio ordina a tutti gli uomini di tutti i luoghi di ravvedersi, 31 poiché egli ha stabilito un giorno nel quale dovrà giudicare la terra con giustizia per mezzo di un uomo che egli ha designato, dandone a tutti prova sicura col risuscitarlo dai morti».atti 17:29.forse non vuoi vedere ,ma la bibbia dà torto a te.Posso anke citare altre cose ma non le leggeresti,quindi bastano 2 versi.

  15. Daniela says:

    secondo me non lo sono più perché il comandamento doveva combattere l’idolatria, ma un semplice ritratto di Gesù non è un idolo: perché Gesù non è un falso dio. Ettore discutiamo sui falsi dei da tempo,mi stupisci cambi idea di continuo se questa tesi è valida mi dai ragione sgli argomenti trattati in precedenza,nel blog mio e di Miriam ,ricordi…iperdulia…mm

  16. Miriam says:

    Cio Ettore, vedo con piacere che questo argomento ti prende in modo particolare!! Ne sono liete…lo studio ed il confronto sono la base della conoscenza, e la conoscenza aiuta a crescere.
    Ti devo però correggere su 3 punti su cui storicamente e xx definizion sei stato impreciso:
    – Il comandamento da te citato è stato effettivamente tolto dal catechismo cattolico per diverso tempo, io stessa che ho solo 32 anni, ho i testi di catechismo cattolico della mia infanzia che non lo citano in nessun modo……ma ti sarà facile controllare facendo una piccola ricerca .
    – Fai riferimento mirato all’ ANICONISMO ebraico, ma ne toppi il significato……….storicamente era IL DIVIETO ASSOLUTO DI RAPPRESENTARE DIO IN IMMAGINI O SCULTURE O RAPPRESENTAZIONI DI QUALUNQUE GENERE, che si spinse fino al DIVIETO DI SCRIVERE E NOMINARE IL SUO NOME!! Questo è certamente legato al comandamento che citi ( ma non solo ), ma non ha niente a che vedere con il divieto di eseguire opere d’arte…..questo nella bibbia non esiste!
    – Il concetto di IDOLO che traspare da questo post, non è ne completo ne reale………IDOLO NON è UN’IMMAGINE E BASTA! Così stai interpretando alla LETTERA IL COMANDAMENTO, seguendo x di + la punteggiatura italiana!!
    IDOLO è TUTTO CIO’ CHE PRENDE IL POSTO DI DIO NELL’ADORAZIONE , NELLA VENERAZIONE E NEL CULTO…..CHE SIA RAPPRESENTATO DA IMMAGINI O NO ………. Se non fosse questa la reale definizione , xkè molti al giorno d’oggi obietterebbero che IDOLO può essere il proprio lavoro, la ricchezza o la famiglia, se non il sesso o la posizione sociale?? 😉

  17. sabatino says:

    Per me idolo è tutto ciò che scaccia Dio dal primo posto nel mio cuore!
    un’immaginetta, un quadro, una scultura non fanno questo quindi non sono idolatra!!!
    elementare Watson!
     
    Con Daniela è inutile discutere perchè ha ragione lei ( perchè depositaria della Verità…. ) ci dobbiamo limitare solo a rispondere alle domande che lei fa… e lo faccio:
    certo che non dico ben venga se l’immagine mi separa da Dio…. e certo non posso dimostrarti se mi è sceso lo Spirito Santo nel giorno del battesimo perchè se tu hai un dio dimostrabile il mio Dio non lo è!!!!
     
    p.s.
    fammi capire che intendi per " apparvero loro delle lingue come di fuoco che si dividevano, e se ne posò una su ciascuno di loro. E tutti furon ripieni dello Spirito Santo, e cominciarono a parlare in altre lingue, secondo che lo Spirito dava loro d’esprimersi" …. vuoi dirmi di aver visto posarsi su di te le lingue di fuoco?? le hai viste con i tuoi occhi ed hai avuto il potere di parlare altre lingue??? comincio a leggerti come tu leggi la bibbia: COL VOCABOLARIO!!!!!!! 
     

  18. Daniela says:

    SAbatino,io te l’ho detto ,tu lo chiami potere,Dio lo kiama sugello,inoltre questo non è accaduto solo a me.punto 2: il depositario della verità è Cristo,e lui ci ha dato la sua parola.Tu non vuoi crede alla parola di DIO,non a me.Gesù ha lasciato il consolatore di cui dice:Io pregherò il Padre ed Egli vi darà un altro Consolatore perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito di verità che il mondo non può ricevere, perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete, perché Egli dimora presso di voi e sarà in voi….pensi ke Gesù non parlasse anke di te?pensi forse ke DIo dica x sempre e non sia così?

  19. Daniela says:

    @Sabatino
    Per me idolo è tutto ciò che scaccia Dio dal primo posto nel mio cuore!
    un’immaginetta, un quadro, una scultura non fanno questo quindi non sono idolatra!!!
    elementare Watson!29 Essendo noi dunque stirpe di Dio, non dobbiamo pensare che la divinità sia simile all’oro, all’argento e alla pietra, che porti l’impronta dell’arte e dell’immaginazione umana. 30 Dopo esser passato sopra ai tempi dell’ignoranza, ora Dio ordina a tutti gli uomini di tutti i luoghi di ravvedersi, 31 poiché egli ha stabilito un giorno nel quale dovrà giudicare la terra con giustizia per mezzo di un uomo che egli ha designato, dandone a tutti prova sicura col risuscitarlo dai morti».atti 17:29.davvero elementare…

  20. Ettore says:

    Per LetiziaNo, il problema dell’idolo non è l’immaginazione. Il problema
    è che Dio non è rappresentabile, per cui con cosa lo rappresenti? Con un
    animale? E allora è meglio non rappresentarlo proprio. Di Gesù non conosciamo
    gli aspetti fisici nei dettagli, ma siamo tenuti a credere che fosse un uomo
    come tutti gli altri. Se io rappresento Gesù come un uomo non faccio una cosa
    sbagliata, ma davvero vogliamo credere che Dio se la prenda perché lo raffiguriamo
    con la barba quando magari non l’aveva (per dire)? Se il problema non è l’immaginazione,
    allora è forse l’oro o la pietra? Se io credo che Dio sia simile alla pietra
    scolpita sbaglio, ma non esiste una via di mezzo? non posso semplicemente fare
    una statua senza credere che quella statua sia Gesù? O che Gesù sia fatto di
    pietra come la mia statua? Quelli che crearono il vitello d’oro credevano che
    la divinità fosse simile all’oro, ma quando Michelangelo ha fatto la Pietà non credeva che la
    divinità fosse simile alla pietra. Non so se mi spiego. Il passo che citi si
    può applicare al vitello d’oro, ma non alla Pietà. I comandamenti non cambiano,
    è vero. Ma anche quello della circoncisione era un comandamento di Dio, il
    punto è che non è cambiato: solo non serve più. I dieci comandamenti pure non
    cambiano, semplicemente viene meno non un comandamento, ma l’applicazione di un
    comandamento. Il comandamento è di non farsi altri dei, questo è l’importante. Quello
    delle immagini è solo un’applicazione non più necessaria. Ciao 😉

  21. Daniela says:

    @ vedi Ettore ,Paolo parla della circoncisione e della sua inutilità visto il nuovo patto,ma quello ke dici tu non ha fondamento,non lo trovi scritto anzi trovi scritto il contrario mi ripeto:In realtà l’ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà e ogni ingiustizia di uomini che soffocano la verità nell’ingiustizia,  poiché ciò che di Dio si può conoscere è loro manifesto; Dio stesso lo ha loro manifestato. Infatti, dalla creazione del mondo in poi, le sue perfezioni invisibili possono essere contemplate con l’intelletto nelle opere da lui compiute, come la sua eterna potenza e divinità;  essi sono dunque inescusabili, perché, pur conoscendo Dio, non gli hanno dato gloria né gli hanno reso grazie come a Dio, ma hanno vaneggiato nei loro ragionamenti e si è ottenebrata la loro mente ottusa.  Mentre si dichiaravano sapienti, sono diventati stolti  e hanno cambiato la gloria dell’incorruttibile Dio con l’immagine e la figura dell’uomo corruttibile, di uccelli, di quadrupedi e di rettili (romani 1:18) nuovo testamento…se leggi bene vedrai ke non parla solo di animali ma bensì,dice:hanno cambiato la gloria dell’incorruttibile Dio con l’immagine e la figura dell’uomo corruttibilepoi c’è 1 virgola e parla di animali,ora Gesù è Dio,di immagini di Gesù c’è nè sono a bizzeffe,e non puoì dire di no.quindi?

     

     

  22. letizia says:

    Esatto Dio non può ssere rappresentato, logicamente Gesù si è fatto uomo; e noo,non esageriamo 😀 Dio non se la prende se lo rappresenti con la barba(per dire):D ,ora non è l’oro o la pietra o l’immaginazione umana, il fatto che Dio ci vuol far capire è: Tenerlo nel cuore,al primo posto, il verso che ti ho scritto(Atti 17:29) credo che si spieghi più che bene..se noi abbiamo in casa (per esempio) il crocefisso,quando preghiamo ci viene spontaneo rivolgerci al crocefisso che abbiamo no?ora,non volendo, così facendo,anche se non te accorgi, stai mettendo al primo posto il crocefisso e non la divinità e l’essenza di Dio.
    Dio questo comandamento lo ha fatto anche per farci avere un’intima comunione con Lui(con la preghiera),senza "intralcio" di NESSUN genere.Non sò se sono riuscita a spiegarmi…
    ciao:)

  23. Ettore says:

    Per Miriam

    Benvenuta nel mio blog 🙂 Andiamo per gradi:

    1-     Non
    so se quello che dici è vero, ma non ha importanza. Io facevo riferimento ai
    dieci comandamenti proposti dalla Chiesa, quelli classici e rivisti in ottica
    cristiana. Dove per esempio al posto di “osserva il giorno di sabato per
    santificarlo” compare direttamente “ricordati di santificare le feste” al terzo
    comandamento. Questo a me non sembra un imbroglio, esattamente come il fatto
    che non compaia più il divieto delle immagini nei Comandamenti classici (che
    sono ovviamente un compendio teologico e non una modificazione del testo
    originario). Ad ogni modo nel Catechismo che ho io adesso si commenta
    esplicitamente anche il divieto di fare immagini.2-     Non
    sono del tutto d’accordo, lo spiegherò nel prossimo intervento3-     Certo
    che seguo la punteggiatura italiana, ho già detto che non accetto traduzioni
    artigianali. In questo post ho parlato poco di idolo perché mi sono soffermato
    sulle immagini, anche di questo parlerò nel prossimo intervento.

    Ciao 😉

  24. Ettore says:

    Per DanielaPer me che non ho la pretesa di parlare sotto l’ispirazione dello Spirito Santo è una cosa normale cambiare spesso idea. Tuttavia non riesco a vedere, in questo caso, cosa sia cambiato della mia posizione. Forse sei tu che non hai capito bene quello che intendevo, così come io non capisco in che modo quello che ho scritto possa darti ragione. Ciao.

  25. Ettore says:

    Per DanielaMa Gesù è un uomo corruttibile?

  26. Ettore says:

    Per LetiziaIl cristiano vive nella libertà per opera della Grazia. Io posso pregare davanti a un crocefisso perchè Dio non guarda agli atti esteriori, ma a quelli interiori. Se il crocifisso ha una funzione puramente psicologica e io non credo che quel pezzo di legno sia Dio, sto tranquillo che Lui non se la prende perchè guarda alle intenzioni del mio cuore e non dove mi trovo o davanti a cosa. Non c’è nessun intralcio, fossero questi i problemi…ciao a te 🙂

  27. letizia says:

    OK abbiamo capito che su questo punto non concordiamo:)..
    al prossimo tuo intervento allora 😉
    ciao ciao 🙂
    P.S. mi fa piacere discutere con te

  28. Miriam says:

    Grazie Ettore…………fa piacere anche a me partecipare a quasta discussione…;)
    – Comunque x quanto riguarda il CATECHISMO CATTOLICO che aveva omesso un intero comandameno, mi dispiace ma non avrei motivo di mentire, non lo faccio mai, e non ci guadagnerei nulla a farlo….sarei solo una "stupida bugiarda" e me ne guardo bene!
    Oggi il catechismo si è aggiornato in quel concetto, e se ho tempo ti trovo la data in cui è avvenuto questo cambiamento.
    – Onde evitare poi confusione su LEGGE e LEGGE DELLO SPIRITO…..o morale, ti sottopongo il LINK del CATECHISMO su cui si archiviano le varie metamorfosi di pensiero negli anni, su questo argomento e che trovo molto interessante : http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p3s1c3a1_it.htm
    – Per quanto riguarda la risposta che hai dato a Letizia vorrei un chiarimento : DICI –> Io posso pregare davanti a un crocefisso perchè Dio non guarda agli atti esteriori, ma a quelli interiori. –> Mi dici allora xkè ci sarebbe differenza e xkè i cattolici la sottolineano, tra VENERARE e ADORARE o XKè ESISTONO DELLE GERARCHIE CULTUALI come per la  DULIA e L’IPERDULIA?
     

  29. Daniela says:

    @Ettoreforse non leggi bene::hanno cambiato la gloria dell’incorruttibile Dio "con l’immagine e la figura dell’uomo corruttibile"l’immagine di uomo ke puoì trovare ovunque non è Gesù ma 1 uomo immaginato nella rappresentazione.Gesù è Dio.il senso della frase è così complicato?

  30. sabatino says:

    Davvero credete che la preghiera cambia se la faccio davanti ad un crocifisso o se immagino Cristo in croce??Il cuore è lo stesso, le intenzioni del cuore sono le stesse, la preghiera è quindi la stessa!!
    Io penso che il vostro "anti-simbolismo" sia il vero idolo da abbattere: state mettendo al primo posto nel vostro cuore il fatto di non aver simboli, state mettendo al primo posto la bibbia letta col vocabolario e vi dimenticate che Gesù ci ha lasciato 2 comandamenti nuovi dai quali non si può prescindere!!!
    Io ed Ettore stiamo cercando di comunicarvi che la cosa importante è il cuore dell’uomo, ciò che c’è dentro, ciò che VOI non vedete.
     
    per daniela:
    che intendi per "inoltre questo non è accaduto solo a me" lo spirito si è posato sotto forma di colomba sul tuo capo? Lo hai visto con i tuoi occhi? Io a questo non so quando leggere col vocabolario e quando no!!!!
    Bypassi le domande ( o forse non sono abbastanza chiaro) con la stessa semplicità con la quale bevo un bicchiere di acqua tiepida!
     

  31. Daniela says:

    @Ettore 2secondo me non lo sono più perché il comandamento doveva combattere l’idolatria, ma un semplice ritratto di Gesù non è un idolo: perché Gesù non è un falso dio.  Gesù non è 1 falso Dio quindi non è idolatriae gli altri milioni di ritratti ke non siono Gesù?non sono DIO e quindi?

  32. Daniela says:

    @Sabatinoio non baypasso le domande sei tu ke non mi credi ,e non accetti ke sia vero quello ke ti dico,xkè lo sconosci.
     

  33. Daniela says:

    @SABATINOparlerò lentamente così mi capirai:Sì Sabatino parlo in altre lingue come Pietro,PAOLO e altri milioni di persone ke DIo battezza con lo SPirito SAnto ogni giorno,xkè DIO è lo stesso di 2000 anni fà.Ora se non lo capisci di nuovo sei 1 pò lento(PERDONAMI).

  34. Ettore says:

    Per LetiziaAnche a me fa molto piacere, passa pure quando vuoi 😉

  35. sabatino says:

    Ah e che lingue parli???
    Cmq io ti ho fatto una domanda precisa che è :
    hai visto lo spirito santo scendere su di te sotto forma di lingue di fuoco o di colomba???
     
    P.s.
     nonostante la tua incomprensione ed i tuoi continui strafalcioni non ti accuso di essere "tarda"

  36. Ettore says:

    Per MiriamQuanta fretta!!! XD Ogni cosa a suo tempo, presto arriveremo anche alla venerazione e all’iperdulia…non ti preoccupare ;-)Non metto in dubbio la tua parola, dico solo che non ha molta importanza. Nel catechismo odierno nemmeno si commenta il passo che dice "…sono un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione per quanti mi odiano…". Ma questo non mi scandalizza, perchè il compito del catechismo non è quello di fare la parafrasi del testo ma solo quello di spiegare i comandamenti e di attualizzarli alla luce del Nuovo Testamento. Non so bene cosa c’entri la legge morale, io non ho parlato di legge morale/naturale. Ho parlato del rapporto fra la Legge antica e la Grazia nuova che la porta a compimento e la migliora (come ad esempio non permettendo più il divorzio, come invece aveva fatto Mosè). Ciao 🙂

  37. Ettore says:

    Per DanielaIl passo che continui a citare non si rivolge alle raffigurazioni di Cristo ma agli idolatri in generale. Gli idolatri sono quelli che fabbricano figure di animali o di uomini e dicono: "Questo è Dio". Quello dell’uomo corruttibile si riferisce alla divinizzazione dell’uomo, di un uomo che pur essendo corruttibile si crede Dio. Ma Gesù non è un uomo che si crede o che diventa Dio, è l’Uomo-Dio. E’ Dio che si incarna, in quanto tale rappresentabile. Gli altri milioni di ritratti che non sono Gesù? Non sono vietati, come tutti gli altri ritratti di esseri rappresentabili perchè non trascendenti come Dio. Non c’è nulla di male nei ritratti, tutto dipende dall’uso che se ne fa. Le raffigurazioni della Madonna non sono una sorta di pupazzi vudù.E poi cosa c’entra il battesimo? Perchè io con cosa sono stato battezzato?

  38. Daniela says:

    @SABATINOVISTO KE SKERZI CON LE COSE SERIE,LA NOSTRA DISCUSSIONE LA KIUDO QUI.@ETTORECONTINUI A DIRE KE NON CENTRA FAI COME VUOI,LA PAROLA DI DIO RIMANE UGUALE.PARLAVO DEL BATTESIMO CON SABATINO KE MI HA FATTO 1 DOMANDA.

  39. sabatino says:

    non sto scherzando mi sto comportando con te come tu ti rapporti con la bibbia!!!
    col vocabolario!!
    cito: "Sì Sabatino parlo in altre lingue come Pietro,PAOLO …." se ti chiedo "quali" sto scherzando????
    non ti ho mai chiesto di battesimo e non accollarmi responsabilità che non ho: rispondi ad Ettore ( ma so già che chiedere una risposta a chi ha la verità in tasca e sopratutto a chi sa scansare le domande fastidiose è del tutto inutile!!!).
     

  40. letizia says:

    Scusate…continuo a leggere i vostri commenti:)
    vorrei rispondere a Sabatino: evidentemente mi sono espressa male…
    cmq, per quanto riguarda me,e ripeto me stessa senza giudicare nessuno,francamente non ho bisogno di santini che raffigurano Il volto di Gesù o il crocefisso(per esempio), quando voglio rivolgermi a Lui lo prego e basta! tutto quà:)ed è esatto: io non ho simboli, perche non mi servono..avete ragione tu ed Ettore quando dite che il cuore è lo stesso e Dio guarda il cuore, ma Santino, non dare giudizi troppo affrettati nel dirmi o dire che leggiamo la Bibbia con il vocabolario quando neanche ci conosci(per dire).
    a presto 🙂
     

  41. Miriam says:

    Vedi Ettore,puntualizzo che non stiamo parlando di una PARAFRASI OMESSA ma di un testo integrale decurtato di un verso, quello che per l’appunto parla di farsi immagini e sculture…..x te non sarà importante ma per me è scandaloso!
    Comunque credo che tu stia facendo confusion nella definizione di LEGGE e COMPIMENTO o ADEMPIMENTO DELLA LEGGE, ti ricordo i versi con cui Gesù rispondeva agli Scribi e ai farisei che gli chiedevano spesso quale fosse il + grande comandamento : LUCA 10 –>25 Un dottore della legge si alzò per metterlo alla prova: «Maestro, che devo fare per ereditare la vita eterna?». 26 Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Che cosa vi leggi?». 27 Costui rispose: «Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente e il prossimo tuo come te stesso». 28 E Gesù: «Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai».

  42. Daniela says:

    @Sabatinotu mi hai kiesto se sono certa della verità ke affermo,e io ti ho risposto di sì e ti ho anke spiegato il perchè,la parola di Dio è 1 punto fermo della mia vita e io voglio vivere l’evangelo ,e con la Grazia di Dio affermo ke la parola di Dio è verace.Con questo kiudo e mi congedo,se vuoi sapere di più hai il contatto.

  43. Ettore says:

     
    Per Miriam
     
    Quello che dici è giusto, ma fino a un certo punto. Cercherò di spiegarmi meglio. Nella visione paolina la Legge è una cosa buona, perchè viene da Dio. Però la Legge era la preparazione e non la perfezione, perchè quest’ultima arriva con la Grazia. La Legge vieta all’uomo di fare del male, ma non può spingerlo a fare il bene come invece fa la Grazia. Questo è un punto. L’altro punto è che la Legge antica non basta, un pò perchè la rivelazione dell’Antico Testamento non è la piena rivelazione, un pò perchè alla Parola di Dio si erano nel tempo affiancate strutture e sovrastrutture puramente umane. Allora il passo di Luca che citi mostra che l’insegnameto di Gesù poggia sulla Legge, però Lui la innova profondamente portandola allo splendore originario. Già, ama il tuo prossimo: ma chi è il mio prossimo? chiede giustamente un fariseo. Per questo Gesù dice: "Avete inteso che vi fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; ma io vi dico…" (Matteo 5, 43). E via poi tutta una serie di correzzioni e abolizioni di cose che stavano scritte nella Bibbia. Il passo che Gesù cita del Levitico faceva intendere che il prossimo è il connazionale, perciò racconta la parabola del Buon Samaritano. L’adempimento della Legge sta anche nel suo perfezionamento, perciò Gesù abolisce il divorzio di Mosè e la legge del taglione (Occhio per occhio, dente per dente…). Se la Legge non andava migliorata, in cosa consisterebbe il suo compimento?
    Il compito del catechismo non è quello di riportare il testo integrale, per quello c’è la Bibbia CEI che non ha mai omesso il passo. Compito del catechismo è quello di riassumere la dottrina cattolica, e nel caso dei Dieci Comandamenti deve presentarli alla luce cristiana e per questo al posto del sabato si parla delle feste in generale. Il divieto delle immagini era stato superato secoli e secoli fa, nessuno ne faceva più problemi. Ecco perchè non lo citava, quando l’aniconismo è tornato di moda è stato necessario chiarie di nuovo la vicenda. Al massimo si può parlare di una mancanza alla quale è stato posto rimedio, non vedo nessuno scandalo. Ciao 🙂

  44. ஜRosa says:

    ragazzi che bella discussione…
    mi sento al quanto inadeguata—
    e a pensare che il don mi vorrebbe come aiutante catechista…
    mamma mia… un abbraccio rosa

  45. Ettore says:

     
    Ciao Rosa! Non ti preoccupare, qui nessuno è laureato in teologia credo (almeno non io)…di fronte a certe cose siamo tutti un pò inadeguati, ma meglio una catechista umile di uno di quei sapientoni saccenti, no? Ciao, buona domenica 🙂

  46. Miriam says:

    Vedo che almeno questa volta riusciamo ad essere d’accordo su + di un punto, infatti concordo con te sul fatto che “Il compito del catechismo non è quello di riportare il testo integrale, per quello c’è la Bibbia CEI che non ha mai omesso il passo. Compito del catechismo è quello di riassumere la dottrina cattolica, e nel caso dei Dieci Comandamenti deve presentarli alla luce cristiana “ e aggiungerei secondo la visione della Chiesa Cattolica A.R. e non secondo tutto il mondo cristiano!
    Quello che resta scandaloso è che proprio in quest’ottica una CHIESA CHE SI DICE DETENTRICE DELLA VERITA’ continui a compiere sotto gli occhi di un popolo impassibile, moltitudini di CAMBIAMENTI E DI ERRORI come se niente fosse….infatti CITO:
    “2066 La divisione e la numerazione dei comandamenti hanno subito variazioni nel corso della storia. Questo catechismo segue la divisione dei comandamenti fissata da sant’Agostino e divenuta tradizionale nella Chiesa cattolica. E’ pure quella delle confessioni luterane. I Padri greci hanno fatto una divisione un po’ diversa, che si ritrova nelle Chiese ortodosse e nelle comunità riformate.”
    http://www.vatican.va/archive/ITA0014/__P77.HTM
     
    Ma la verità non sarebbe IMMUTABILE per definizione in fatto di FEDE e RELIGIONE?
     
    Siamo d’accordo anke sul 2° punto finalmente : “Nella visione paolina la Legge è una cosa buona, perchè viene da Dio. Però la Legge era la preparazione e non la perfezione, perchè quest’ultima arriva con la Grazia.” ….e la grazia ci giunge attraverso GESU’. Infatti Gesù essendo Dio è il compimento ed il perfezionamento della LEGGE e in quanto tale , nel nuovo testamento , cita innumerevoli LEGGI E COMANDAMENTI che perfeziona e completa per farli giungere fino a noi PROPRIO COME LUI STESSO Li INTENDE e non come li intendeva “imperfettamente” la religione.
    Quindi i COMANDAMENTI e PRECETTI citati, perfezionati e messi in pratica in maniera innovativa da GESU’ IN PERSONA sono a noi di esempio come comportamento culturale e stile di vita!

  47. Ettore says:

     
    La Chiesa è fatta di uomini e gli uomini sbagliano. La Verità è immutabile, ma cosa c’entra? Se io e te ci dobbimo mettere d’accordo su dove finisce il primo comandamento e dove inizia il secondo, non stiamo parlando più della Verità con la maiuscola ma più che altro di un problema filologico. La Verità è il contenuto dei comandamenti, non il modo in cui suddividerli (perhè nel testo non lo sono). Anche qui nulla di scandaloso, ciao.

  48. Miriam says:

    Mi dispiace…..su questo non concordo con te ma con la BIBBIA.
    Mt 5, 17-18 dichiara: «Non pensate che io sia ve­nuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per aboli­re, ma per dare compimento. In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure un iota o un segno dalla legge, senza che tutto sia compiuto».
    Modificare il senso della legge, sostituendo un comandamento ad un altro,sofisticandone la suddivisione e nascondendone dei significati non è dottrinalmente e biblicamente corretto per nessuna denominazione cristiana…..figurarsi x ki ritiene di ESSERE LA VERA CHIESA!!
     

  49. Miriam says:

    Completo con un brano tratto da “Verità e Menzogne della Chiesa Cattolica”  di Pepe Rodriguez,

    —-La sfrontatezza della Chiesa cattolica è così inaudita che quando deve mettere a confronto il Decalogo originale con il proprio unisce il primo e il secondo comandamento in uno per non evidenziare la loro manipo­lazione (anche se così il decalogo biblico resta con nove punti!). Nel Catechismo attuale, per esempio, si presenta il testo del primo comandamento dicendo: «Non avere altri dèi di fronte a me. Non ti farai idolo né immagine alcuna… ingannando in modo consapevole il lettore in quanto, tanto nel Decalogo di Es 20, 3-17 come in quello di Dt 5, 7-21, la prima frase corrisponde al primo comandamento e la seconda — «Non ti farai idolo…» — è l’inizio del successivo. Se i due comandamenti sono unificati (alterando la struttura del testo che li contiene), dovrebbero es­sere uniti anche gli altri, per formare infine un solo comandamento, co­sa assurda trattandosi di un decalogo (Tratto da: “Verità e Menzogne della Chiesa Cattolica”  di Pepe Rodriguez, pp. 511-512).—

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: