Benigni scandalo inaccettabile

 

La
trasmissione di Benigni sulla Divina Commedia del sommo poeta ha dei contenuti
francamente inaccettabili. Non si può, in un paese come
l’Italia, ricordare delle verità così imbarazzanti per molti degli "intellettuali"
nostrani, a partire dalla concezione del Medioevo. Forse per la prima
volta in tv (eccettuati brevi accenni di Giuliano Ferrara)
qualcuno ha presentato l’età di mezzo come un’epoca viva, ingegnosa,
intellettualmente avanzata e, come se non bastasse, il nostro dicitore della
Commedia non perde occasione di mostrare i numerosi quanto dimenticati legami
che il nostro mondo ha con quello medievale che ci ha lasciato un patrimonio
immenso di idee, di opere ecc…per non parlare del nostro debito nei confronti
di Dante e di tanti altri geni. Se i legami col Medioevo sono così forti come
non potrebbe esserlo anche col Cristianesimo? Per questo Benigni, prendendo
spunto da alcuni versi, commenta anche episodi del Vangelo mostrando cose semplici
ma inaudite allo stesso tempo. Si dice infatti, partendo dalla parabola del
Buon Samaritano, che Cristo ha dato una dignità e un volto (il Suo) ai poveri
facendo della carità un sentimento "pubblico" doveroso. Ma la cosa
più scandalosa arriva sulla Madonna (figura periodicamente disprezzata come la
donna antimoderna) che tramite il grande culto che le veniva tributato nel
Medioevo finì col nobilitare la donna in generale che pure veniva chiamata
"madonna". Per questo nel Medioevo (ma già dalla prima Cristianità)
troviamo donne di grande spessore, a volte anche politico, come Giovanna
d’Arco. Inoltre col Cristianesimo venne istituzionalizzato il
matrimonio consensuale e Gregorio IX, ricorda Benigni, volle che nella formula
del matrimonio fosse previsto il sì della sposa in onore del "fiat"
evangelico di Maria. Dire queste cose in tv e in prima serata è da pazzi e
Benigni evidentemente lo è abbastanza per poterlo fare. Forse anche per questo
il programma, nonostante i grandi ascolti, è già stato spostato in fascia
protetta per limitare i danni (soprattutto nei confronti dei più
giovani) ma forse è meglio così…di questo passo i vari Odifreddi e
company sarebbero presto morti d’infarto o di livore…

 

Annunci

12 Responses to Benigni scandalo inaccettabile

  1. Marco says:

    era già previsto che solo una puntata andasse in prima serata, tra l’altro in diretta;mentre le altre, quelle che ora fanno vedere in seconda serata sono prese dal suo tour nei teatri d’italia. quindi non è stato spostato proprio niente e prima di riportare una notizia cerca di informarti meglio. In un paese comunque dove le televisioni sono servili al vaticano mi pare assurdo questo tuo intervento. e’ raro vedere trasmissioni dove si parla male della chiesa, dove si ricordano i crimini commessi o gli scandali recenti che l’hanno travolta. Non mi pare che si parli mai in televisione del problema della pedofilia nella chiesa come non si parla mai dello scandalo finanziario che qualche decenno fa ormai l’aveva vista protagonista e delle vicende oscure che ne sono seguite. E invece ogni giorno in ogni santo telegiornale almeno un servizio è dedicato a quello che ha detto o fatto il papa. Quindi se tu protesti per le apparizioni televisive di odifreddi io protesto per quelle del papa, visto che per me è una persona come tutte le altre senza alcun potere sulla mia coscienza.

  2. Ettore says:

     
    Anche tu potresti informarti meglio. della pedofilia della Chiesa si è parlato per un’intera puntata di Santoro ad "Anno zero" quando uscì il famigerato documentario della bbc. in quella puntata, tanto per la cronaca, monsignor Fisichella vinse platealmente il duello con Odifreddi che poi si lamentò sul Corriere per essere stato dato da tutti sconfitto. il papa è il capo di una "associazione" che conta milioni di membri, quello che dice e che fa è oggettivamente importante e per questo viene riportato, anche se nn a tutti piace. inoltre il papa divide lo scenario religioso con le altre religioni presenti sul territorio come l’Islaim e anche al Dalai Lama viene dato molto spazio (quando viene). io cmq nn protesto contro le apparizioni televisive di Odifreddi. se lui nn apparisse più nel piccolo schermo io mi sentirei più triste e solo, cosa farei senza di lui? io mi lamento del fatto che venga presentato come uno storico e che nn sia mai messo a debito confronto con uno degno di questo nome, e se sul suo cammino si trova qualcuno in grado di confutarlo si trova sempre il modo di spostare la discussione su altro "senza entrare nel tecnico". anche volendo evitare gli scontri diretti a me basterebbe una maggiore presenza della storia (quella vera e scientifica) che invece è trattata malissimo e relegata alla seconda o alla terza serata (quando va bene).
     
    Io cmq questa tv papalinia proprio nn la vedo. la mia ultima battuta sopra era chiaramente ironica, nn immaginavo certo che Odifreddi avesse chiamato in rai e fatto sospendere Benigni. resto cmq del mio parere che quel programma (a differenza di molti altri) la prima serata la merita tutta e se questo nn avviene nn è certo per gli ascolti (enormi) ma anche perchè si ha un pò paura di quei contenuti. e se venisse fuori che il Medioevo e il Cristianesimo nn sn poi così male? sarebbe un bel guaio.
     
     

  3. Marco says:

    Eccolo, mi stavi quasi piacendo e invece mi sei caduto sul più bello. Il medioevo bello? Beh se parliamo di arte e di letteratura sono perfettamente d’accordo ma se mi tiri fuori il cristianesimo nel medioevo allora sei proprio masochista. Non starò qui a ripetere sempre le stesse cose, soprattutto con chi vuol cancellare angoli bui della storia. (e menomale che la studi!)
    La puntata di santoro l’ho vista ma è stata l’unica ad occuparsi del tema e se ti ricordi non stava neanche per andare in onda per le pressioni di qualche parlamentare un pò bigotto. solo quando mentana aveva minacciato di acquisire i diritti del video la rai si era dovuta arrendere a malincuore e mandare in onda quella puntata. Sul fatto che Fisichella abbia vinto lo scontro con Odifreddi non sono per niente d’accordo; ci sono stati attimi in cui il vescovo era seriamente in difficoltà… e come non poteva esserlo di fronte a certe immagini? Ho portato anch’io le mie critiche a quel video ma le testimonianze che ne vengono fuori non si possono cancellare. Comunque è stata l’unica trasmissione a trattare il tema dopo che il fenomeno è esploso da più di 6 anni ormai con conseguenze che dovresti conoscere (la chiesa americana è praticamente andata in bancarotta per i risarcimenti che ha dovuto versare alle vittime e ovviamente i processi non sono ancora terminati). Se il papa è così importante perchè i media degli altri paesi del mondo (che pure hanno adepti alla religione cattolica) lo snobbano? O almeno non ce lo sbattono in ogni telegiornale? Comunque non ho mai visto presentare Odifreddi come uno storico ma sempre come un matematico o come un opinionista.

  4. Ettore says:

     
    Il Medioevo è poco conosciuto. per questo abbiamo inculcata nel cervello l’idea di una zona d’ombra della storia. in realtà questa idea è molto antica e risale agli umanisti che volevano creare una frattura col passato e per questo gli conveniva offrire l’immagine del Medioevo come la buia età di mezzo che li separava dal mondo classico. loro nn si rendevano conto di essere in realtà figli del medioevo e che senza di esso loro nemmeno avrebbero saputo dell’esistenza del mondo antico. di questa realtà loro un pò nn potevano rendersi conto e un pò nn volevano. nn potevano perchè la mente umana ha una naturale tendenza a guardare il passato ma considerando soprattutto il passato più recente e applicando le caratteristiche di quest’ultimo anche a quello più antico. per farla semplice gli umanisti guardavano al ‘300 che fu un secolo particolarmente turbolento per via della peste (che fece il suo ritorno in Europa dopo secoli), delle carestie e delle numerose guerre. loro erano terrorizzati dal loro passato recente e così credettero errroneamente che tutto il medioevo fosse così. da qui nasce il nostro complesso psicologico che ci porta ad usare il termine medioevo in chiave negativa. nulla di più falso.
     
    Gli uomini dell’età di mezzo meritano grande rispetto perchè dovettero ripartire dal nulla. le due grandi ondate migratorie (i barbari invasori) avevano distrutto tutto. le città erano deserte, la popolazione decimata e ridotta allo stremo, l’autorità pubblica latitante, il panico collettivo derivante dai predoni del mare. da questo loro seppero risollevarsi, riuscirono (anche tramite il Cristianesimo) a far integrare gli invasori di entrambe le ondate migratorie. il Medioevo è l’età della grande espansione economica e commerciale, l’età delle scoperte e delle invenzioni, dei grandi viaggi (da Marco Polo a Cristoforo Colombo), delle grandi opere d’arte (Giotto) e delle cattedrali che ancora oggi sn il cuore dell’Europa. è l’epoca dei grandi ideali, la gente si toglieva letteralmente il pane di bocca per costruire le cattedrali che noi oggi ammiriamo e che svetteno verso il cielo. le persone erano disposte a morire per il loro credo, andavano in pellegrinaggio sapendo di rischiare la vita per via dei briganti. quanti nella nostra epoca sn disposti a dare la vita per un ideale? religioso o non. nn è un mondo buio ma pieno di colore, negli edifici e nei quadri spazi vuoti e nn decorati erano inconcepibili. è nel Medioevo che nasce l’Università (istituzione unica al mondo) con la sua fame di conoscenza e di ricerca, aperta al sapere di pagani come Aristotele che nn solo nn era disprezzato ma considerato un genio. nelle università si facevano dibattiti, la famosa "questio" dove si affrontavano idee diverse di filosofia naturale e altro. anche religiosamente è un periodo molto vivo. basta pensare alla riforma del monachesimo e a personaggi come San Tommaso e san Franceso d’Assisi, solo per fare qualche nome tra i più famosi. era una civiltà universale per cui i dotti si spostavano facilmente dal nord al sud e viceversa, grazie al latino potevano insegnare in ogni università d’Europa e avevano un tale amore della cultura da ricercare affannosamente (come Petrarca ad esempio) gli antichi manoscritti che poi venivano instancabilmente ricopiati dai monaci. il Medioevo è un’età viva, passionale, aperta anche all’incontro (nn solo allo scontro) con le altre civiltà come quella islamica che fornì la via materiale per la conoscenza di Aristotele in Occidente, il quale sviluppò fino all’inverosimile quelle conoscenza tanto che gli stessi intellettuali islamici si stupirono della grande rinascita filosofica occidentale (praticamente senza pari). molte delle cose migliori della nostra civiltà sono state inventate da quegli uomini fieramente cristiani, e quando nn realizzate sono stati sempre loro che ne hanno posto le basi.
     
    E il problema dell’intolleranza? l’idea della libertà di pensiero e di espressione era ancora lontana e nn si può incolpare dei nn moderni di nn essere moderni. l’inquisizione esisteva ma nn era un istituzione particolarmente importante. l’inquisizione come noi la conosciamo (e in gran parte immaginiamo) nasce in età moderna, nel ‘500 dopo la Riforma luterana. fino ad allora gli Ebrei furono piuttosto tollerati e le sporadiche esplosioni di violenza miravano più che altro all’"eredità giudaica", ma queste furono sempre condannate dalla Chiesa. quando Paolo IV relegò gli Ebrei nel ghetto ruppe la secolare tradizione di tolleranza e di "collaborazione" del papato con i Giudei. il Cristianesimo fece volentieri a meno dell’inquisizione per secoli.
     
    E il problema della violenza? nn è mai stata trovata un’epoca nn violenta e nel medioevo nn si faceva niente di meno e niente di più di quello che si faceva prima e che si farà dopo. ad eccezione di una sola innovazione rispetto al passato: la crocifissione. quel crudele supplizio venne bandito e nn si videro più interi "eserciti" di crocifissi lungo la Via Appia.

  5. Ettore says:

     
    Per rispondere al resto del tuo intervento voglio ricordare che i telegiornali (quando esplose lo scandalo dei vescovi pedofili) affrontarono abbondantemente l’argomento. tanto è vero che nn ho mai incontrato nessuno che nn ne fosse a conoscenza. questa specie di "censura" vaticana o nn esiste proprio (come io credo) o funziona molto male. periodicamente la cosa ritorna infatti nei telegiornali anche per i nuovi (presunti) casi.
     
    Per quanto riguardo il papa aggiungo che nn solo è il capo di una Chiesa che conta milioni di membri ma è anche il capo di un’istituzione millenaria, l’unica sopravvissuta al passare del tempo. mi sembra un dato culturale importante. io nn conosco i telegiornali esteri ma il fatto che il papa parli italiano conterà qualcosa in questo. quindi nn tutti i giorni ma certamente periodicamente apparirà anche nei telegiornali esteri. cmq nn capisco il senso di questa polemica…sarà perchè a me fa veramente piacere ascoltare chi la pensa diversamente e per questo bramo la prossima uscita tv di Odifreddi, mica hai qualche informazione a riguardo? (eccettuando chiaramente le trasmissioni in cui fa da valletta come in quella di Crozza…).
     
    Cmq in quella famosa puntata Santoro nn presentò Odifreddi come un matematico-opinionista ma, mi sembra di ricordare, come uno dei maggiori intellettuali italiani…ora da tempo ormai io ho dato a questo termine un’accezzione negativa a causa dei tanti "intellettuali" del nostro paese. ma che figura facciamo? davvero Odifreddi è il meglio che possiamo offrire? se è così siamo evidentemente giunti al capolinea…
     
    Io nn cancello gli angoli bui della storia, semplicemente li analizzo razionalmente e scientificamente ben sapendo che spesso la storia (che è una disciplina scientifica anche se nn esatta) può rivelare quello che nn ti aspetteresti o che nn vorresti (come nel tuo caso). e soprattutto nn mi lascio trascinare dell’ideologia che decide a priori come devono essere andate le cose (secondo convenienza) e poi nn vuole saperne più niente anche se vuol dire andare contro l’evidenza. tanti saluti.

  6. Marina says:

    Credevo stessi parlando male di Quella trasmissione! Alla fine ho compreso il contenuto ironico del tuo intervento….in effetti, povero Ordifreddi, mi fa un pò di tenerezza. Sarei dispiaciuta se dovessi venire a sapere che ha avuto una forte reazione allergica in seguito alla visione di programmi così scandalosi…ehehe!

  7. Ettore says:

    …eheh…cmq il povero Odifreddi può dormire tranquillo perchè tutto quello che non piace alla cultura dominante finisce in fascia protetta o viene drasticamente abolito, come successe al programma di Socci o come allo stesso Benigni che nonostante gli ascolti stratoseferici fu mandata in prima serata solo la prima puntata. Giusto per non togliere nemmeno qualche oretta alle telenovelas e fiction sempre così politicamente corrette…mah…

  8. Ely says:

    Ricordo che fatica x seguire le sue trasmissioni…Veramente splendide!

  9. Davide says:

    Solo due precisazioni riguardo la "censura vaticana"… Quando un delitto (orribile) viene commesso da un comune cittadino se ne parla per un paio di giorni. Quando viene commesso da un sacerdote se ne parla per mesi o anni. E sarà anche giusto. Ma dov’è la "censura"? I criminali sono tutti uguali davanti alla legge. Ed anche davanti all’informazione, aggiungerei (o almeno dovrebbero esserlo).Casomai c’è da rimarcare che personalità del calibro di Antonino Zichichi ( i cui meriti scientifici sono indubbi cfr. http://it.encarta.msn.com/encyclopedia_221501402/Zichichi_Antonino.html ) o altre troppo "indipendenti", come Franco Cardini, siano lesinate dalla televisione col contagocce. Vero, nel Medio Evo vi furono personalità come Giovanna d’Arco (e la contemporanea Christine de Pisan) che dovrebbero significare molto sul piano della condizione femminile dell’epoca (cfr. episodio di Toul o l’intero "Processo di condanna" di Giovanna…) Se oggi una donna scrivesse "ecco una donna … più prode di qualsiasi uomo che fu a Roma" sarebbe liquidata come fanatica…Spiace solo una cosa. Non amo Benigni. Per nulla.Dovrò guardare le (eventuali) repliche. Magari incatenandomi alla sedia. Se dimostra tale profondità di pensiero dovrò passar sopra all’antipatia caratteriale … Un saluto,Davide

  10. Ettore says:

    E’ vero che spesso e volentieri Benini esagera e può risultare antipatico, fa parte del personaggio. Però una volta tanto che danno un bel programma con lettura e commento della Divina commedia e quindi riscoperta del medioevo vale la pena di perderci qualche minuto, anche se tappandosi il naso ogni tanto. Ciao 😉

  11. Federico Mau DJ 80 says:

    Dimmi, Grande Intellettuale Studente Di Storia, Conosci Umberto Eco??? E Umberto Galimberti???Oppure conosci soltanto Piergiorgio Odifreddi???TU saresti Studente di Storia??? SE lo sei, la tua opera di Indottrinamento È A DIR POCO PAZZESCA, SEI SUBDOLO PEGGIO DI UNA COSPIRAZIONE SEGRETA!!!Dante Alighieri è situato nel Basso Medioevo!!! Sai che è suddiviso in Alto Medioevo e Basso Medioevo??? Certamente che lo sai, e stai qui a lavare il cervello ai tuoi lettori ignari di tutto ciò, con la tua opera demagogico propagandistica assurda vestita da "Saggezza" e "Sapienza" di Storia, Religioni, etc..Hai un potere di retore assurdo a un livello che te ne freghi altamente di me (modo colloquiale per dire che i Sofisti ti fanno un Baffo) e fai evidentemente molto effetto per la capacità di sintesi dove poni gli argomenti in una maniera che soltanto persone ignoranti o poco attente possono lasciarsi trarre in inganno, ma evidentemente oggi la riflessione della gente è talmente poco allenata e anzi praticamente spenta del tutto che allora riesci bene a fregarla!!!>>"Forse per la prima volta in tv" I documentari di Super Quark e simili dove li metti???Il tuo blog rimane comunque soltanto una piccolissima arida e sterile realtà relegata al peraltro mondo cristiano-cattolico che lo frequenta… Divertiti pure…

  12. Ettore says:

    Sisi, io mi diverto. Tranquillo. Eco lo conosco, non è colpa mia se non sta in tv. Anche Galimberti lo conosco, scarso valore. Uno che nei suoi libri copia da destra e manca senza un briciolo di citazioni non è esattamente il mio modello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: